Cerca

Così funzionava il sistema Sesto: tutte le carte dei pm

Pubblichiamo ampi stralci dell'ordinanza con cui i magistrati hanno chiesto l'arresto di Penati, Vimercati, Di Leva e Magni

Così funzionava il sistema Sesto: tutte le carte dei pm
Pubblichiamo ampi stralci dell'ordinanza con cui i magistrati di Monza hanno chiesto l'arresto di Filippo Penati, Giordano Vimercati (ex capo di gabinetto in Provincia e all'epoca stretto collaboratore di Penati), Pasqualino Di Leva (ex assessore all'Edilizia di Sesto San Giovanni) e Marco Magni (architetto  in sostanza indicato come  il collegamento essenziale tra i costruttori e l'amministrazione comunale). Il documento si basa soprattutto sulle accuse di Piero Di Caterina (59enne fra le altre cose titolare della Caronte srl, azienda di trasporti assegnataria negli ultimi decenni di appalti pubblici) e Giuseppe Pasini (costruttore 82enne a capo di un importante gruppo, nel 2006 candidato a sindaco di Sesto per Forza Italia).


di Laura Marinaro
e Andrea Scaglia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amb43

    30 Agosto 2011 - 08:08

    e Bersani non sapeva nulla ? mi vien da ridere.......

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    29 Agosto 2011 - 20:08

    Ci vivete in osteria,e se è Napolitano a governare,avvalli quello che ha sempre detto Berlusconi,che lui non conta un ca@@o!Arrabbiati con il terron/comunista allora, e porta Marino a tirar di scherma con le cazzate che sparate! Marino,l'unica tessera che possiedo oltre a quella di ex sotto/ufficiale dell'esercito,è quella del tiro a segno...

    Report

    Rispondi

  • vin43

    29 Agosto 2011 - 19:07

    Io mi chiedo se i 120 ettari dell’area fossero davvero di proprietà del gruppo Falck? Forse, a suo tempo, furono dati in concessione per 99 anni dal Comune di Sesto San Giovanni. Se così fosse quell’area, apparterebbe ai cittadini sestesi. Starebbe a loro decidere quale destinazione dare. Io avrei un suggerimento: Un grande parco con al centro la statua di Stalin giusta nomea “Stalingrado d’Italia”. Così sarebbero tutti contenti, soddisfatti e fregati.

    Report

    Rispondi

  • angelo.ally

    29 Agosto 2011 - 19:07

    Come mai avete tolto il servizio su scaiola ? Lo ha ordinato il vostro padrone ? Scrivere solo sulle malefatte della sinistra e a turno sui personaggi che di volta in volta vi dice di demonizzare il vostro padrone: ora tocca a TREMONTI. Bel giornalismo: ma vi guardate mai allo specchio ?????????????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog