Cerca

Niente Iva né supertassa

Berlusconi e Bossi ridisegnano la manovra: via le Province, salvati i Comuni

Niente Iva né supertassa
Nessun aumento dell'Iva e via la tassa di solidarietà sui redditi superiori ai 90mila euro all'anno, sostituita da misure di recupero dell'evasione, con più poteri conferiti agli enti locali. Sono le due misure uscite, a sorpresa, dal vertice di Arcore tra premier Silvio Berlusconi, leader della Lega Umberto Bossi e ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Dopo sette ore di confronto serrato, le prime indiscrezioni parlano anche di un dimezzamento degli enti locali che risparmia i Comuni e colpisce Province (abolite) e parlamentari (dimezzati). Tutto questo, però, viene rinviato ad una modifica costituzionale tramite Ddl. Una misura che farà felici i sindaci che oggi hanno sfilato a Milano per protestare contro i temuti tagli. E invece i tagli ci saranno, ma saranno ridotti di due miliardi.

Pensioni riviste - Niente contributo di solidarietà, dunque. Al suo posto ci saranno, si legge nella nota ufficiale Pdl-Lega, "nuove misure fiscali finalizzate a eliminare l'abuso di intestazioni e interposizioni patrimoniali elusive nonchè riduzione delle misure di vantaggio fiscale alle società cooperative". Una delle modifiche alla manovra del 12 agosto che ha messo d'accordo Berlusconi e Bossi è "il mantenimento dell'attuale regime previdenziale già previsto per coloro che abbiano  maturato quarant'anni di contributi con esclusione dei periodi relativi al percorso di laurea e al servizio militare che rimangono comunque utili ai fini del calcolo della pensione".

"Molto bene" - Il ministro Tremonti si è dimostrato soddisfatto: "Molto bene", ha risposto a chi gli chiedeva un commento sul vertice. Vittorie personali sono il mancato ritocco dell'Iva e la permanenza dei tagli agli Enti locali, sia pure dimezzati. A far sorridere Tremonti ci sono anche le misure contro l'evasione fiscale, potenziate ora grazie all'apporto dei Comuni. Per il ministro della Samplficazione Robero Calderoli "la manovra è stata migliorata". "Ai mercati - spiega il leghista - inviamo un messaggio chiaro: in primis i saldi restano invariati e i termini saranno rispettati. Inoltre, sono stato un buon profeta: i miglioramenti sono stati raggiunti all'unanimità tra le tre forze di governo ed alla presenza del ministro dell'Economia". Critica invece l'opposizione: "E' il caos - attacca il segretario del Pd Pierluigi Bersani -, non vedo come possano tornare i conti". "C'è da chiedersi - aggiunge il suo vice Enrico Letta - come le autorità e i mercati europei possano prendere per buono un simile compromesso al ribasso".





Critica, invece, l'opposizione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    30 Agosto 2011 - 18:06

    ...ed ai suoi conterranei,che dovevano correre nel 1994 Legge 724 e poi 1995 Legge 549,per informarsi chi poteva essere esentato dal ticket sanitario.Da quella data,possono essere esenti tutti i pazienti, il cui reddito lordo per nucleo familiare non superi i 36.151,98 euro,oppure i bambini sotto i 6 anni,o gli adulti al di sopra dei 65 anni,previa autocertificazione. Ciò vuol dire che i furbi in Italia sono troppi,complice è pure quel personale agli sportelli che accetta a voce l'esenzione,senza far compilare ai pazienti l'auto certificazione.Noi intanto,paghiamo per tutti,cara signora.

    Report

    Rispondi

  • kywest

    30 Agosto 2011 - 09:09

    Da elettore del cdx di area liberale dico: per pietà, chi può metta fine a questa agonia, a questo sconcio e stacchi la spina e, vista la mancanza di alternative credibili, si vari un governo di salute pubblica che NON comprenda ministri riconducibili organicamente alla attuale maggioranza e opposizione/i. Un governo che si attenga alla LETTERA della Costituzione e che imponga le riforme necessarie. Il tempo è ormai scaduto per questa classe politica (tutta) che si è auto-delegittimata.

    Report

    Rispondi

  • leccato

    30 Agosto 2011 - 08:08

    il gatto e la volpe hanno fregato pinocchio cioe l'italia intera. Cosa ne pensate a libero ? fateci sapere il vostro pensiero x favore!!!!!!. bechis belpietro borgonovo pansa ecc guardate i post e capirete cosa ne pensano gli italiani

    Report

    Rispondi

  • giofin

    30 Agosto 2011 - 08:08

    ...è l'ennesima pessima figura di un governo e di un premier schizzofrenici. Hanno cambiato idee almeno tre volte, sono stati costretti a fare una manovra e già se la rimangiano. Il problema è che non possono permettersi di andare alle lezioni perchè sarebbero travolti, quasi certamente anche a sinistra, e finirebbe l'impunità per Berlusconi e il federalismo fantasma della Lega, cioè sarebbero finiti loro. Intanto per salvarsi fiiscono di distruggere il paese. Niente riforme serie, niente lotta all'evasione e alla disoccupazione serie. Senza lavoro per le persone non si va de nessuna parte, ma a loro non inressa. Il Trota, come la MInetti, è sistemato alla Regione per qualche anno a 10.ooo euri al mese, in cinque anni sono 600.000 euri, il mio stipendio di circa 30 anni(davvero), più la pensione e tutti i rpivilegi. Berlusconi ha rubato miliardi di euro nostri per anni e c'ha la sua casetta ad Antigua. Di cosa parliamo? Arriveranno i forconi ma ce li metteranno in quel posto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog