Cerca

Penati "Le mazzette anche per la Serravalle" Tra gli indagati spunta un manager di Intesa

Giudici rompono il tabù: i 2 milioni dal gruppo Gavio a Di Caterina "parte di una tangente" sull'autostrada

Penati "Le mazzette anche per la Serravalle" Tra gli indagati spunta un manager di Intesa
"La tangente per l'operazione Serravalle": adesso se ne parla esplicitamente anche in un documento giudiziario. E infatti, solo a leggerlo, quel passaggio scritto dal pm di Monza  fa sobbalzare. Si riferisce ai due milioni di euro passati nel 2008 -  con la copertura  d'una caparra lasciata scadere - da Bruno Binasco, già fedelissimo di Marcellino Gavio e poi manager di primo piano del gruppo dopo la morte del fondatore, a Piero Di Caterina, un tempo  amico di Filippo Penati e oggi suo grande accusatore - e il magistrato ritiene d’aver sufficientemente dimostrato che l'operazione avvenne su richiesta dello stesso Penati. E dunque, così scrive il sostituto procuratore Walter Mapelli nel replicare al gip, che aveva negato l’arresto di Penati e del suo ex collaboratore Vimercati: "L'unica alternativa razionale e coerente per spiegare il pagamento di Binasco a Di Caterina nell'interesse di Penati e Vimercati è che la somma sia parte della tangente a loro destinata per l'acquisto da parte della Provincia di Milano del 15% delle azioni della Milano-Serravalle avvenuto in data 29.7.2005 (vicenda oggetto dell’attenzione istruttoria di questo Ufficio)". Bum.

Ora, che la spericolata operazione cui si fa riferimento sia stata negli anni oggetto di malcelati sospetti e critiche feroci - la Corte dei Conti la definì non solo "priva di qualsiasi utilità", ma anche caratterizzata da "diversi profili di danno erariale" - e anche di esposti alla magistratura, ecco, questo è noto. Ma mai nessuno, tantomeno un magistrato, s'era spinto a riassumere la faccenda in maniera così violentemente esplicita. Non che rappresenti una sentenza, intendiamoci. Ma, come detto, il tono esprime per l'appunto una considerazione che l’inquirente ritiene "razionale e coerente", peraltro conseguenza d’un fatto che lui stesso considera acclarato - per l'appunto il pagamento di due milioni effettuato da Binasco su indicazione di Penati.

Utile, a questo punto, un brevissimo promemoria. Nel 2005 proprio la Provincia di Milano guidata da Penati decise di rilevare le quote della Milano-Serravalle di proprietà del gruppo Gavio. E questo nonostante il patto di sindacato con il Comune già gli garantisse nei fatti la maggioranza assoluta. La Provincia spese in questo modo l'esorbitante cifra di 238 milioni di euro, pagando 8,93 euro per ogni azione: appena un anno e mezzo prima Gavio le aveva pagate 2,9 euro l’una, ragion per cui l’imprenditore  realizzò una plusvalenza di ben 176 milioni di euro. Va inoltre ricordato che proprio in quell’estate del 2005 sempre una società del gruppo Gavio sborsò 50 milioni di euro per acquistare azioni della Banca Nazionale del Lavoro, in questo modo cercando d’aiutare la Unipol di Giovanni Consorte - allora ancora del tutto organico ai Ds - nella famosa scalata poi malamente fallita.

C’è anche da dire - ma può essere una spiacevole coincidenza - che Bruno Binasco era già rimasto coinvolto in una faccenda di mazzette e finanziamenti illeciti: nel ’93, in piena Mani Pulite, fu arrestato per aver finanziato illecitamente il Pci con 150 milioni di lire tramite il mitico "compagno G", Primo Greganti. I magistrati di Monza hanno acquisito gli atti relativi al fascicolo aperto a Milano sulla vicenda Serravalle: è già "all'attenzione istruttoria".

di Andrea Scaglia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tonipier

    31 Agosto 2011 - 09:09

    Ci sono magagne scoperte, magagne volutamente coperte...basterebbe guardare le forte magagne avvenute sull'autostrada Milano, (NOVARA....) Torino , per scoperchiare ruberie inaudite....ci sono PROCURE, e PROCURE.......All'assolvimento dei compiti propi del potere legislativo, del potere esecutivo e di quello giudiziario devono presiedere cittadini onesti, sensibili e solleciti alle esigenze del bene comune affinchè lo Stato possa essere salvaguardato da eventi di marpioni che preludono alla sua disintegrazione. (oggi si sa tutto, si fa niente.)

    Report

    Rispondi

  • sarame

    30 Agosto 2011 - 20:08

    basta sentire tutti i tromboni della sinistra ,come si agitano c'è da restare di sasso Ma per quale motivo quello che loro vorrebbero per BERLUSCONI per il Penatino non dovrebbe essere ? per loro le notizie di destra sono vere Quelle loro forse si dovrà vedere . .certo dalla loro hanno la magistratura politicizzata ma se addirittura il trattorista dice che per penati SARà DIFFICILE DISCOLPARSI . . di che stiamo a parlare .

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    30 Agosto 2011 - 18:06

    Grazie di avere condiviso la sua terribile esperienza , sarà mia premura acquistare il libro da lei scritto.Anche se non condivido le sue idee politiche,ha la mia totale e incondizionata vicinanza con la sua vicenda,perchè la libertà non ha colore ne schieramento.Saluti vivissimi.

    Report

    Rispondi

  • ferdinando.fabi

    30 Agosto 2011 - 16:04

    Sono esterrefatto: Penati non va in carcere? Nel 1993 ero consigliere comunale socialista del Comune di Formello: sono stato arrestato come vicesindaco perché accusato di aver chiesto tangenti per il rilascio di una concessione edilizia. Il fatto è che ero un consigliere comunale, non vicesindaco, quindi non potevo rilasciare alcunché. Nel merito, come gli eventi successivi hanno dimostrato, sarebbe stato illegittimo rilasciare quella concessione. Ovviamente sono stato assolto in primo grado su richiesta del sostituto d'udienza. Nel frattempo si era svolto un dramma: ero stato sospeso dal servizio dalla Camera dei deputati, presso la quale ero funzionario, in carcere a Regina Coeli ero stato vicinissimo al suicidio. Tutto è finito bene. Ho scritto un libro : "La finestra su Piazza Montecitorio - Storie di intercettazioni flessibili e di giustizia creativa", in cui dimostro la necessità assoluta di una riforma profonda del sistema giudiziario italiano. La vicenda Penati è una conferma

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog