Cerca

Pensioni, monta la rivolta Governo verso una modifica

Uil annuncia sciopero generale, Cisl si mobilita, Cgil parla di golpe, protestano medici e toghe. Mercoledì incontro Sacconi-Calderoli per ritoccare la norma

Pensioni, monta la rivolta Governo verso una modifica
Nel vertice di Arcore di lunedì Silvio Berlusconi ha spinto per l'innalzamento dell'età pensionabile di donne e uomini: "In Germania - questo l'esempio poratato - si lavora fino a 67 anni". Le Lega, però, ha opposto un muro invalicabile: da che si discute della manovra, Umberto Bossi ha sempre messo in chiaro che il sistema previdenziale non deve essere toccato. Così è sorto il compromesso che prevede l'esclusione degli anni di università e di servizio militare riscattati dal conteggio dell'anzianità per l'assegno di previdenza. Ma la decisione è riuscita anche a ricompattare - parzialmente - i sindacati, uniti nella protesta: la Cgil la spara grossa e parla di "golpe", la Uil ha annunciato uno sciopero generale nella pubblica amministrazione e la Cisl annuncia una mobilitazione. Alla protesta si sono uniti i magistrati ("la norma è incostituzionale") e i medici. Dubbi e perplessità sono sorte anche  all'interno del Pdl. Per questo motivo la maggioranza è già al lavoro per ritoccare la proposta, che secondo fonti vicine all'esecutivo sarebbe stata avanzata da Maurizio Sacconi. Il ministro del Lavoro, così, sta incontrando i vertici degli enti previdenziali per capire come modificarla. Il subbuglio si è esteso anche alla Lega Nord: i senatori del Carroccio sarebbero al lavoro per stralciare l'esclusione degli anni riscattati.

Incontro Sacconi-Calderoli - Il problema è noto: con quali misure coprire il gettito previsto dal ritocco del sistema previdenziale (650 milioni il primo anno e crica 1.200 da quello successivo) nel caso venisse stralciato? Ma il malumore sollevato dalla norma è troppo, la protesta sta montando. Così mercoledì mattina, si è appreso, il ministro per la Semplificazione normativa, Roberto Calderoli, inconterà Sacconi con i tecnici del ministero dell'Economia e con quelli del ministero del Lavoro. L'obiettivo è approfondire la materia previdenziale, sia dal punto di vista finanziario sia (e soprattutto) da quello dell'impatto sociale della norma. L'incontro è stato reso pubblico da una nota di Calderoli. In precedenza si era appreso che il governo era già al lavoro su una norma transitoria per tutelare chi avesse già riscattato gli anni della naia e quelli universitari, che potrebbe però essere superata dagli esiti dell'incontro di mercoledì.


Mobilitazione di Cisl e Uil - La segreteria confederale della Cisl giudica "inaccettabile e fortemente iniquo" il provvedimento sulle pensioni, e annuncia che deciderà nelle prossime ore iniziative di protesta e mobilitazione. La Uil da par suo ha fatto sapere che nel Comitato centrale del prossimo 16 settembre "deciderà, anche sulla base degli effetti della mobilitazione in corso nel settore, la data di uno sciopero generale dei lavoratori del pubblico impiego". La decisione è stata maturata nel corso della riunione della segreteraia nazionale svolta martedì pomeriggio, che ha deciso per "un percorso di mobilitazione, a partire dal presidio dinanzi al Senato già organizzato per il prossimo 1° settembre, con assemblee nei luoghi di lavoro finalizzate anche alla realizzazione di manifestazioni sul territorio. Tale mobilitazione - ha spiegato la Uil - proseguirà fino a ottenere le modifiche richieste".

Bonanni: "Il governo ci ripensi"  -  "La partita non può chiudersi così", ha spiegato il Segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, che ha invitato il governo a ripensare alla misura. "La Cisl farà di tutto per farglielo capire. Il Governo ed il Parlamento devono sforzarsi di ricercare il massimo di equità - ha continuato Bonanni -. Per salvare i giocatori di calcio ed i redditi alti dal contributo di solidarietà è sbagliato penalizzare chi ha riscattato con i propri soldi la laurea e il servizio militare".

Uil: "Interventi inaccettabili" - Anche la Uil, prima dell'annuncio della mobilitazione, aveva spiegato di valutare "negativamente" alcune  delle modifiche apportate alla manovra economica, come il mancato taglio ai costi della politica. In particolare, la decisione di affidare a una legge di rango costituzionale l’eliminazione delle Province e il dimezzamento dei parlamentari (soggetta a una doppia approvazione e a un iter dilatato che può durare come minimo un anno) "contraddice quella necessità".  Poi la sferzata sull'intervento al sistema pensionistico, considerato "inaccettabile" in particolare perché "ancora una volta, si preferisce 'fare cassa' andando a incidere sulle pensioni piuttosto che aumentando l'imposizione fiscale sui grandi patrimoni immobiliari". 

I magistrati: "Contributo di solidarietà incostituzionale - Per i magistrati il contributo di solidarietà pagato dai soli dipendenti pubblici, come previsto dalla manovra dello scorso anno, è "incostituzionale". Il riferimento è alla "decurtazione secca del trattamento economico solo dei dipendenti pubblici, in violazione dei principi di eguaglianza e di progressivià del sistema fiscale",  ha spiegato il Comitato intermagistrature, che coordina l'Associazione nazionale magistrati e le principali sigle rappresentative della magistratura contabile e amministrativa.

I medici: "Una proposta indecente" - Anche l'Anaao (l'Associazione medici dirigenti) è scesa sul piede di guerra per quella che viene definita "una palese ingiustizia" e si è detta pronta a proclamare "sin da ora lo stato di agitazione dell’intera categoria".
Per i medici, infatti, il provvedimento cancellerebbe tutte le pensioni di anzianità non essendo possibile matematicamente iniziare a lavorare prima dei 30 anni visto che laurea e specializzazione sono requisito di legge, previsto dalla normativa europea. "I politici si affannano a precisare che i riscatti resterebbero utili ai fini economici per il calcolo delle pensioni - ha spiegato il  segretario dell'Annao Costantino Troise -, ma non è chiaro cosa significhi nel sistema retributivo. Infatti lo scalone allontana fino a 7 anni l'età pensionabile, mentre non si conosce la decorrenza del provvedimento e di conseguenza la sorte di chi ha maturato i requisiti entro il 2011, così come non si conoscono nel dettaglio gli effetti sulle anzianità maturate".

Letta: "Incentivo all'evasione" - Anche dall'opposizione arriva l'allarme. Secondo Enrico Letta la manovra è un "un incentivo culturale all'evasione fiscale. All’italiano che in una sera si vede fregare dallo Stato il patto dei quattro anni di laurea o di uno di servizio militare - spiega il deputato Pd -, scatta immediatamente la reazione di dire 'appena posso lo Stato lo frego io'". Nel frattempo fonti vicine all'esecutivo hanno riferito che la maggioranza è al lavoro su una norma transitoria per proteggere chi ha già riscattato gli anni di naia e gli studi universitari.

Governo al lavoro - Prima della notizia del vertice tra Sacconi e Calderoli, il relatore della manovra e presidente della Commissione Bilancio, Antonio Azzolini, aveva spiegato che governo e maggioranza erano già al lavoro per mettere a punto una norma transitoria a tutela dei lavoratori che
hanno riscattato gli anni di università e di servizio militare a fini pensionistici. Azzollini ha aggiunto che si sta provvedendo a una riscrittura delle norme che riguardano le società di comodo. Un commento alla norma relativa alle pensioni è arritavo da Alberto Brambilla, presidente del Nucleo di valutazione della spesa previdenziale presso il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. "E' una norma che mi dà due perplessità - ha spiegato -: la prima dal punto di vista del gettito, la seconda dal punto di vista della fattibilità. Bisogna verificare se questa norma è retroattiva o se vale solo da oggi in poi. Al di là del fatto - ha aggiunto - che non porta un grande gettito, perché solo l'8% degli aventi diritto ha proceduto al riscatto della laurea. Se la norma fosse retroattiva temo che questa manovra possa essere impugnata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oldcaesar

    31 Agosto 2011 - 10:10

    Governi di centrosinistra abolirono gli ultimi scaglioni dell'IRPEF (regalo ai ricchi), tagliarono le reversibilità, sequestrarono fondi autonomi pensionistici(fatti con soldi TUOI), imposero balzelli, ABOLIRONO adeguamenti (agganci contrattuali, scale mobili), accorparono verso il basso assistenze sociali (mutue) - INFLESSIBILI COME GENERALI AL FRONTE - e nessuno fece baraonda, nè tanto meno nessuno si pose il problema di eventuali revisioni.... Ma già, erano governi di centrosinistra e non avevano oppositori, poichè la maggior parte delle istituzioni simpatizzava, e la famigerata e " paventata" aggressività (??) della destra non ha mai saputo nè opporsi, nè difendersi. Oggi abbiamo un governo di centrodestra che va in confusione al primo sternuto di comare, figuriamoci dinanzi a blocchi agguerriti facoltosi ed egoisti (caste varie)... NON SE NE ESCE: siamo destinati al caos.

    Report

    Rispondi

  • mauricchio

    31 Agosto 2011 - 09:09

    ma noi no! Ho 60 anni, inseguo la pensione da 2 anni, ogni anno me ne manca uno ed ora anche la porcata del servizio militare che mi è costato 15 mesi di vita regalata allo Stato e non certo per mia scelta! In compenso si legge di quel tizio (in Sicilia) che è andato in pensione con 1.380 euro AL GIORNO ! Contributo di solidarietà per i ricchi cancellato e via discorrendo. MI FATE SCHIFO! Ma prima o poi finirà anche per voi, la macchina si è messa in moto.

    Report

    Rispondi

  • encol1

    31 Agosto 2011 - 08:08

    Caro direttore ieri Vi siete precipitati a scrivere " ha vinto la proposta di Libero" . Quanto ci sia della proposta Libero in questa manovra ce lo spiegherete, comunque sia senza mettere mano ai debiti sovrani che in sostanza significa mettere ordine alle posizioni strutturali + importanti: giustizia,sanità,costi della politica a 360°, non si andrà da nessuna parte. Per capire ciò non occorre aver compiuto corsi speciali . Le assicuro che piccoli imprenditori senza titoli accademici masticano queste cose senza difficoltà. La verità forse sta altrove: il premier vuole passare alla storia per non aver messo le mani in tasca agli italiani, il senatur come uno scassa.... e già c'è riuscito, altri pensano molto più al loro futuro politico che al paese. Io credo che con queste scelte tutti ci rimetteranno e molto, purtroppo cittadini compresi.

    Report

    Rispondi

  • gielle1

    31 Agosto 2011 - 08:08

    Credo che con la manovra sulla cancellazione del periodo del militare ed il riscatto sulla laurea il governo Berlusconi ha fatto un'autogol i cui effetti non lasciano presagire nulla di buono ai fini elettorali.In un sol colpo il governo ha perso fiducia della gran parte del suo stesso elettorato al quale dovra' dare spiegazioni alle quali difficilmente riuscira' ridar fiducia e credibilita'. Ora,per poter arrivare alla fine della legislatura penso sia davvero dura,ma la cosa che piu' vorrei sapere e' da quale mente sia scaturita una simile soluzione,cosi',tanto per riciodarmene in futuro.Complimenti da uno che e' stato dei vosti fino all'altro ieri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog