Cerca

La protesta sulle pensioni: governo rivede la strategia

Cisl e Uil pronte a unirsi alla Cgil contro il blitz sulle pensioni. Oggi vertice Calderoli-Sacconi per rivedere la stretta sul riscatto degli anni

La protesta sulle pensioni: governo rivede la strategia
Sciopero: la minaccia di scendere in piazza  si allarga alle  altre sigle sindacali, oltre la Cgil. La bocciatura della manovra parte  dai provvedimenti previsti  sulle pensioni e dunque  sale la tensione su una scelta che viene definita «iniqua e   inaccettabile» da chi si attesta su posizioni più moderate, come la Cisl e  la Uil, mentre  addirittura la Cgil parla di «un golpe» e prepara lo sciopero   generale del 6 settembre.

 Situazione difficile e seria, dunque. Tanto da convincere il governo ad una sorta di supplemento di riflessione. Oggi, infatti, il ministro per la Semplificazione Normativa, Roberto Calderoli, incontrerà il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, con i tecnici del ministero dell’Economia e quelli del ministero del Lavoro, proprio per approfondire «l’impatto sociale della materia previdenziale. L’intervento sulle pensioni, del resto, ha suscitato perplessità nel Pdl e sollevato malumori nella base leghista. Da ambienti della maggioranza si viene a sapere che anche Silvio Berlusconi  ha espresso dubbi su questa misura. Da qui l’intenzione del   governo di vedere se è possibile cambiarla.

Non a caso lo stesso relatore e presidente della   Commissione Bilancio del Senato, il pidiellino Antonio Azzollini, sta   mettendo a punto una norma transitoria a tutela dei lavoratori che   hanno riscattato gli anni di università e di servizio militare a fini  pensionistici (uno dei punti più criticati). Non è escluso poi un nuovo  vertice di maggioranza al Senato, anche  oggi,  sulla situazione. Un’alternativa alle criticatissime misure, a cui si sta pensando a livello governativo, è quella di trovare forme più vincolanti di rientro dei capitali in Svizzera, sul modello degli accordi già stipulati con Gran Bretagna e Germania, una sanatoria, insomma. Per intenderci, in  cambio del mantenimento del segreto bancario e di importanti facilitazioni per l’accesso delle banche svizzere in territorio tedesco, la Svizzera si impegna ad applicare, a vantaggio dell’Erario tedesco, un’imposta annuale – anonima – del 26,375% sui redditi finanziari prodotti dai patrimoni dei residente tedeschi sui conti svizzeri.

«Sulle pensioni   è stato fatto un golpe»: parole di fuoco da parte del  leader di Corso d’Italia   Susanna Camusso. Il messaggio che passa, evidenzia, «è che non ci si   può fidare dello Stato e delle istituzioni. E questo apre un   contenzioso infinito, perché  tutti potranno dire di essere stati   discriminati». Cisl e Uil annunciano, a breve, decisioni su  iniziative di protesta e di mobilitazione, in particolare la Uil deciderà il 16 settembre la data di uno sciopero dei lavoratori del pubblico impiego.  Reazioni alle dichiarazioni di fuoco del segretario Cgil. Daniele Capezzone, portavoce del Pdl, afferma: «Tradimento, golpe, ignobile.   Susanna Camusso ha deciso non solo di criticare la manovra, ma anche   di usare parole incendiarie. Le suggerirei maggiore cautela: se non   ricordo male, fu proprio a un noto predecessore della Camusso che   capitò di definire “limaccioso” il libro bianco sul lavoro curato  da Marco Biagi, e non fu un’uscita felice».

di Caterina Maniaci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    31 Agosto 2011 - 16:04

    paghino le tasse come tutti , perchè devono avere trattamento preferenziale? Una delle tante ( troppe ) caste di intoccabili.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    31 Agosto 2011 - 15:03

    ...cianciate invano,mentre le cose debbono cambiare per effetto che non si è chiesta alcuna fiducia per il momento.Oppure preferite la fiducia sulla manovra,magari quella iniziale,per potervi sfogare totalmente,come...pulsione liberatoria!?

    Report

    Rispondi

  • beylerbey

    31 Agosto 2011 - 14:02

    Estate 2008: prezzo petrolio al barile oltre 140 dollari.Carburanti:benzina 1,60 e oltre, gasolio 1,45 e oltre. Estate 2011:prezzo petrolio al barile sotto ai 100 dollari.Carburanti: benzina oltre 1,60 euro, gasolio oltre 1,45 euro. Perché non sento fiatare 1 sindacalista,perché non li sento protestare e indire scioperi x questo FURTO quotidianamente perpetrato ai danni di TUTTI i cittadini della Repubblica Italiana? E' 1 tema troppo "scottante" per la triplice? O c'è dell'altro? Sono certo che se i benzinai chiudessero x 1 settimana le pompe,l'Italia sarebbe sconvolta: un flusso di miliardi di euro quotidianamente incassati che,improvvisamente, si blocca,si stoppa.Questa sarebbe veramente 1 rivoluzione, altro che storie! Ma perché,ribadisco, TUTTI TACCIONO? Attendo lumi. Cordialmente.

    Report

    Rispondi

  • beylerbey

    31 Agosto 2011 - 14:02

    Estate 2008: prezzo petrolio al barile oltre 140 dollari.Carburanti:benzina 1,60 e oltre, gasolio 1,45 e oltre. Estate 2011:prezzo petrolio al barile sotto ai 100 dollari.Carburanti: benzina oltre 1,60 euro, gasolio oltre 1,45 euro. Perché non sento fiatare 1 sindacalista,perché non li sento protestare e indire scioperi x questo FURTO quotidianamente perpetrato ai danni di TUTTI i cittadini della Repubblica Italiana? E' 1 tema troppo "scottante" per la triplice? O c'è dell'altro? Sono certo che se i benzinai chiudessero x 1 settimana le pompe,l'Italia sarebbe sconvolta: un flusso di miliardi di euro quotidianamente incassati che,improvvisamente, si blocca,si stoppa.Questa sarebbe veramente 1 rivoluzione, altro che storie! Ma perché,ribadisco, TUTTI TACCIONO? Attendo lumi. Cordialmente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog