Cerca

Norma è necessaria: non si può difendere a oltranza l'anzianità

Libero dibattito. Per Nino Suseri "i patti sono stati violati". Risponde Franco Bechis: "Non si può difendere a oltranza l'anzianità"

Norma è necessaria: non si può difendere a oltranza l'anzianità
Il dibattito sulla norma che rivede il sistema pensionistico penalizzando chi ha fatto la naja o chi ha riscattato il titolo di studio si sviluppa non soltanto in Parlamento e nelle piazze, ma anche sulle pagine di Libero. A Nino Sunseri il provvedimento non piace: "Vengono violati i patti. Così lo Stato punisce chi ha studiato e servito la Patria". A Sunseri risponde Franco Bechis: "Il provvedimento non mi piace ma è necessario. Chi difenda a oltranza l'anzianità brucia il futuro dei propri figli". Segue l'articolo di Nino Sunseri.

La norma non c’è, e quindi è assai difficile da giudicare. È possibile che la proposta di escludere l’anno di militare o quelli universitari pre-laurea dal conteggio per andare in pensione abbia profili di ingiustizia e perfino di incostituzionalità. Chi ha già speso dei soldi per riscattare il periodo di laurea è due volte arrabbiato, perché il governo stesso ha pubblicizzato con campagne quella possibilità e quindi ha la sacrosanta convinzione di avere acquistato quel diritto ad andare in pensione prima. Vedremo il testo - se mai sarà depositato -  e giudicheremo.

Si potrebbe conservare le vecchie regole per chi ha già speso dei soldi e introdurne delle nuove che rendano inutile la spesa per il riscatto. Bisognerebbe poi escludere ogni dubbio su chi ha riscattato già militare e laurea alla data del 31 dicembre 1995 e con quegli anni aveva i 18 anni di contribuzione necessaria per andare in pensione con il regime retributivo, che assicura importi pensionistici ben più alti. Detto questo, resta il tema di fondo. Lo slogan “non si toccano diritti acquisiti” che ogni volta viene gridato quando si parla di pensioni, non sta proprio in piedi. Il sistema pensionistico italiano oggi non è equilibrato: dal fondo pensioni lavoratori dipendenti a quelli minori, quasi tutti ogni anno incassano meno contributi delle pensioni erogate. Siamo ancora in deficit anche se le riforme fin qui varate hanno allontanato un po’ il baratro. Il debito pubblico italiano è alimentato ogni anno da quattro settori che sono in squilibrio: le entrate, grazie all’evasione fiscale, la sanità, il pubblico impiego e la previdenza. I conti non si mettono a posto se non con una manovra che riduca l’evasione e intervenga su sanità, pubblico impiego e previdenza. E intervenire significa toccare diritti acquisiti. E soprattutto quelli che diritti non sono, ma semplici aspettative rispetto a leggi generose che non possiamo più permetterci.

Questo tema si è posto in quasi tutti i paesi occidentali negli anni passati. Anche i tedeschi avevano leggi che gli consentivano di andare in pensione prima. Le hanno cambiate. I francesi lo stesso. Gli inglesi sono i primi ad essere partiti con la previdenza integrativa. Gli spagnoli hanno alzato l’età pensionabile a inizio di quest’anno. Nessuna di queste decisioni è piaciuta a chi sperava di andare in pensione prima. Ma dopo la prima arrabbiatura in Francia, in Germania, in Inghilterra e in Spagna, hanno capito e accettato quel che era necessario. Lo hanno fatto come accade in un popolo. Che non pensa solo di restare attaccato al privilegio presente, ma al futuro.

Il futuro di noi italiani ha già dato una notizia meravigliosa: vivremo di più. La brutta notizia per i nostri figli è però che così rischiamo di stare in pensione più di quanto abbiamo lavorato. Quindi i nostri contributi non pagheranno il nostro meritato riposo e siccome ci intigniamo con la storia dei diritti acquisiti, prendiamo già da quel che non c’è: i contributi che verseranno i nostri figli. Per non andare in pensione un po’ più tardi noi, ci mangiamo la loro pensione, lasciandoli a secco fra 40, 50 o 60 anni. Non pensiamo come fa un popolo, ma ognuno al piccolo giardinetto suo, e l’egoismo è così che manco ci accorgiamo di divorare con quello i nostri figli, come il Crono della mitologia. Vero che per divorarli appena nati mangiandoci il loro futuro, ormai facciamo che non dargliene del tutto: i figli non nascono più. È così che muore un popolo. È così che si distrugge un Paese. Ed è assai più drammatico dell’anno in più di lavoro prima di andare in pensione.

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mpi025

    03 Settembre 2011 - 09:09

    Se si possono toccare i diritti aqcuisiti allora vuol dire che si possono toccare anche le pensioni di chi è già in pensione e che prende molto di più dei contributi versati(vedi ad esempio la moglie di Bossi)

    Report

    Rispondi

  • mcarugi

    31 Agosto 2011 - 19:07

    In questa materia sarebbe doveroso non fare enunciazioni generali ma supportare sempre le proprie opinioni con dati. Per esempio: Come sono i conti attuali dell'INPS e i suoi bilanci PREVISIONALI da ora a 30 anni? Quale è la reale aspettativa di vita MEDIA (da analisi serie, non con numeri tirati a caso) delle persone nate negli anni 50, cioè coloro che vanno in pensione ora? E quale sarà l'aspettativa di vita MEDIA dei nati negli anni 60 e dei nati negli anni 70? Quale è il saldo della pura gestione PREVIDENZIALE INPS e cioè quello tra pensioni pagate e contributi versati, separandola dalla pura ASSITENZA cioè pensioni erogate senza contributi? E come saranno questi saldi SEPARATI nei prossimi 30 anni? Solo dopo avere valutato quanto sopra sarà possibile stabilire se riformare la PREVIDENZA (non l'ASSISTENZA) è necessario e quanto, oppure è un'idea bislacca mirata a fare soldi su una sola categoria. Fermo restando che l'assistenza è necessaria ma non da fare con i contributi

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    31 Agosto 2011 - 11:11

    ha ragione da vendere e da regalare ma se siamo arrivati a questo punto è frutto delle leggi genrose che elargivano pensioni d'invalidità anche ad energumeni. il sistema previdenziale italiano è al collasso dopo 600 anni di intrallazzi, di favoritismi adesso danno la pensione agli stranieri residenti all'estero, senza versare contributi? pazzesco! i sindacati hanno sempre giocato d'astuzia con le pensioni di invalidità ed adesso con gli stranieri che spingono a dare una pensione a genitri ultra65enni.. e poi quelle pensioni dei parlamentari, come la mettiamo? è lì lo scandalo più grosso. o a roma questi sono ciechi e sordi del tutto o ci vanno solo per addentare la *torta*. adesso della torta è rimasta solo una s triminziata fetta con poche sparute briciole è quella che tocca agli italiani.!

    Report

    Rispondi

  • bobbyleft

    31 Agosto 2011 - 10:10

    Io ho finito di pagare il riscatto di Laurea e Specialità (9 anni e 6 mesi). Più di 50 milioni di vecchie lire. Annullano la norma del riscatto? Bene. Mi restituiscono tutto quello che ho versato e quello che sto ancora versando (ho riscattato anche la liquidazione) e io mi adeguo. Ma i soldi versati me li restituiscono subito, non quando vado in pensione!!

    Report

    Rispondi

blog