Cerca

La Gelmini inaugura l'anno: tiene banco il suo nuovo look

Mariastella sempre più prof. Sale in cattedra a Palazzo Chigi per il 2011-2012 scolastico con una nuovo taglio dei capelli

La Gelmini inaugura l'anno: tiene banco il suo nuovo look
Nuovo look per una delle ministre più gradite e chiaccherate dell'attuale governo. Mariestella Gelmini si è presentata a Palazzo Chigi per la conferenza stampa d'inizio anno scolastico 2011-2012. "La nuova manovra - ha subito rassicurato il ministro dell'Istruzione - non prevede tagli agli organici e alla spese di funzionamento dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca". Gli stuedenti stanno godendo degli ultimi giorni di vacanza: a giorni saranno 7.830.650 gli alunni che torneranno in aula.

Ma ciò che ha colpito di più a Palazzo Chigi - al netto della manovra, dall'esercito degli studenti, delle cifre e delle previsioni sull'andamento della macchina scolastica - è stata la pettinatura della Gelmini che, seppur nuova, riesce ad essere ancor più retrò. La bresciana, fedele alla tinta mora, anche se leggermente impreziosita da nuove venature ramate, accorcia ulteriormente i capelli e si lascia andare a punte sbarazzine che svolazzano ai lati. Ma nonostante il tocco estroso, Mariastella mantiene sempre l'immagine composta, anche un pò bacchettona, degna di una vera icona delle professoresse in cattedra.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frank-rm

    02 Settembre 2011 - 13:01

    Sarebbe stato meglio parlare dei contenuti che del look della Gelmini, in occasione della conferenza stampa di inizio anno scolatisco della Ministra. Poichè l'autore ha voluto spostare l'attenzione sul look, anzichè parlare di "squola" .... accontentiamolo/a. Nel caso della Gelmini, non basta cambiare taglio di capelli per rinnovarsi. Dovrebbe cambiare proprio la faccia!!!

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    02 Settembre 2011 - 00:12

    Tagli di qua tagli di su ma di mettere in pratica l'unica cosa promessa niente e le case editrici con indotto dagli a pappare. Le liste libri cambiano da sezione in sezione altro che unificarli ed edizioni 2010 non sono buone mentre edizioni vecchie di anni di scuole a 150 km distanti si. PAPPONI FATE SCHIFO

    Report

    Rispondi

  • fossog

    01 Settembre 2011 - 15:03

    In questo carrrozzone di ignoranti, che non serve a nulla, si pensa al look del ministro, e non a quello che fà ? allora ci meritiamo la monnezza che ci amministra, ed ovviamente non ce ne libereremo mai....

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    01 Settembre 2011 - 13:01

    Meglio prima.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog