Cerca

"E' Stato di polizia tributaria"

La rabbia del premier contro Tremonti: attacco ai suoi emendamenti. Al Pdl: "Ora decido io. Sono pronto a ritoccare l'Iva"

"E' Stato di polizia tributaria"
«I saldi non si toccano, rimangono quelli previsti che ci consentiranno il pareggio di bilancio nel 2013. Ma questo non è il testo definitivo, il decreto cambierà ancora». È una processione di scontenti. Ma telefonica. Silvio Berlusconi infatti è a Parigi per il vertice internazionale sulla Libia. Il cellulare del presidente del Consiglio squilla a rotella, sono tutti numeri che cominciano col +39. Cosa succede a Roma? C’è che dalle montagne del Cadore è planato Giulio Tremonti.

Il ministro dell’Economia si è chiuso in una stanza del ministero e ha compilato una serie di emendamenti. Di nuovo ci sono 6 miliardi di tagli ai ministeri (e questo spiega perché, atterriti dalla cura dimagrante, un po’ tutti abbiamo cercato Berlusconi per lamentarsi) e un duro giro di vite sull’evasione fiscale. Quest’ultima misura  convince poco il Cavaliere: «Io non ho autorizzato Tremonti a inserire cose del genere», confessa il capo del governo. Che reputa «da Stato di polizia tributaria» provvedimenti come  il carcere per i maxi evasori e la pubblicazione dei redditi on line. D’accordo la lotta ai furbetti del fisco, ma Tremonti «ha esagerato» inserendo, nel decreto, emendamenti che  «poco hanno a che fare con la nostra cultura liberale».

Insomma, punto e daccapo. A Palazzo Chigi si guarda con apprensione anche alle mosse della Lega, in forte polemica per i tagli agli enti locali. Saranno leali fino in fondo? «In Parlamento non avremo problemi ad approvare la manovra», ostenta sicurezza Berlusconi parlando in serata da Parigi. Il premier ha rassicurato  tutti i ministri: finito il vertice sulla Libia riprenderà in mano personalmente il dossier economico. Che la manovra, nonostante i ripetuti cambiamenti cui è stata sottoposta, gli piaccia poco è d’altronde risaputo. E siccome il Cavaliere sa che la faccia sul provvedimento finale, in ogni caso, dovrà metterla lui vuole una manovra che gli consenta di farlo. I tempi vanno stringendosi, ma il margine per intervenire sul testo è ancora tutto sommato abbastanza ampio.

A partire dalla mamma di tutti i ritocchi: l’Iva. Dalla Francia Silvio ingaggia una nuova polemica con Tremonti sulla tassa in questione. Il ministro non vuole toccare l’imposta sul valore aggiunto, ma Berlusconi fa il duro: «Decido io». E precisa: «Ora non è il momento,  ma è nelle mie facoltà  aumentare l’Iva di alcuni punti percentuali per un periodo limitato di tempo». L’ipotesi,chiarisce, è di farla passare «dal 20 al 22 per cento per tre mesi». Parole pesanti anche per i politici e la stampa di sinistra, che continuano a sostenere la mancanza della copertura finanziaria della manovra: «È criminale quello che stanno facendo. Sono anti-italiani. Gridano che manca la copertura alla manovra, che la manovra non funziona: sono cose che impressionano i mercati e aizzano la speculazione contro l’Italia».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ottina

    03 Settembre 2011 - 13:01

    Invece io consiglio a tutti quelli che la pensano come lei di informarsi se esiste un altro Stato che abbia la fiscalità che c'è in Italia, perchè se tutto funzionasse come negli US non ci sarebbe bisogno di ricorrere agli espedienti che intendono proporre. Le sue pseudo lezioni se le può pure tenere per sè!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    03 Settembre 2011 - 10:10

    consiglio di informarsi sul come la materia viene trattata in paesi notoriamente e Komunisticamente dittatoriali, quali Germania, Francia, Inghilterra ed in primis Usa (stop!, con leggi ante-Obama!). Proprio ieri, sul Corriere c'era un articolo su quello che succede a chi evade (o PENSA di evadere) negli USA. E' molto istruttivo.

    Report

    Rispondi

  • gielle1

    03 Settembre 2011 - 08:08

    L'unica sensazione che mi viene spontanea,essendo sempre stato nell'area di centro destra,e' quella di profonda delusione per come il governo sta' conducendo questa manovra. All'inizio sembrava aver le idee piu' chiare,poi, dalla nefasta riunione di Arcore,sembra si sia entrati in un ginepraio che sta' portando Berlusconi in un vortice dal quale neanche lui,sembra, non sa uscirne fuori. Dall'idea,a dir poco demenziale del ministro Sacconi sulla cancellazione di laurea/servizio militare dal computo degli anni di anzianita',sembra che i ministri competenti,facciano del tutto per far riprendere fiato alle opposizioni che sembravano oramai anientate e incapaci di pungere. ora il Ministro Tremonti,sta' sguainando la spada contro la piaga dell'evasione fiscale,senza pero' tener presente che la vera evasione fiscale,si annida nel mercato della clandestinita',sotto la regia delle mafie,ndrangheta,camorra,e anche malavita stranier che ci inondano di prodotti piu'o meno taroccati esentasse.

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    03 Settembre 2011 - 00:12

    un governo che si definisce liberale non puo' pensare di fare le cose che si leggono in questi giorni! Spero che Berlusconi intervenga e metta a tacere per sempre il sig.Tremonti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog