Cerca

Caccia ai furbetti del condono

Lo Stato recupererà le somme non versate dai furbi che aderirono alla sanatoria. Alfano: "Niente fiducia"

Caccia ai furbetti del condono
Avanti tutta con la manovra. Anche di domenica. Per rispettare la tabella di marcia che prevede l’approdo in Aula del decreto da 45 miliardi di euro a partire da martedì, la commissione Bilancio del Senato esaminerà gli emendamenti anche oggi. Un colpo d’acceleratore che viene incontro alle sollecitazioni di Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica, e Renato Schifani, numero uno del Senato. E mentre Angelino Alfano, segretario nazionale del Popolo della libertà, ufficializza il mancato ricorso alla fiducia, Palazzo Madama approva un emendamento leghista che introduce una tassa sui trasferimenti di denaro all’estero.

Antonio Azzollini, presidente della commissione Bilancio nonché relatore di maggioranza, ha rassicurato i senatori: nessuna seduta notturna. In cambio, però, i parlamentari dovranno varcare la soglia di Palazzo Madama anche stamattina (ore 9). Obiettivo: rispettare la tabella di marcia e rispondere alla moral suasion di Schifani, che anche ieri, in vista dell’approdo in Aula, ha fissato i suoi paletti: «Grande senso di responsabilità, grande dibattito, pochi emendamenti, voto in settimana». Sull’avanzamento dei lavori, il dibattito è aperto. Secondo Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl, non c’è motivo per allarmarsi: «Nessuna preoccupazione. Pochi emendamenti sono stati approvati, la maggior parte è stata bocciata o preclusa». Nel pomeriggio Giovanni Legnini del Partito democratico, invece, racconta un’altra storia: «Siamo un bel po’ sotto la metà, mancano ancora sei faldoni». Fatto sta che viste le modifiche fin qui apportate al decreto, c’è da scommettere che da qui a dopodomani qualche altra misura draconiana inserita alla vigilia di Ferragosto finirà nel cestino. Finora, infatti, sono ricomparse le festività civili, le tredicesime degli statali, i fondi Fas regionali e gli enti di ricerca e culturali con meno di 70 dipendenti. Salvo, la notizia è di ieri sera, anche il numero chiuso all’interno delle farmacie.

Figurarsi cosa potrebbe accadere da martedì, quando il decreto, riveduto e corretto dalla commissione, approderà in Aula. Un’Aula, per giunta, dove il testo non sarà blindato dall’esecutivo. «Abbiamo chiesto di non mettere la fiducia», conferma Alfano. «Io non ho mai visto veramente vicino il voto di fiducia, l’ho sempre demonizzato», applaude Schifani, insieme a Napolitano in prima fila nel chiedere tempi celeri alla conversione del decreto. «Questa manovra sarà approvata sensibilmente prima della scadenza necessaria», rassicura entrambi Renato Brunetta, ministro della Funzione pubblica.

Intanto arriva una nuova tassa. È quella ideata dai senatori della Lega Massimo Garavaglia e Gianvittore Vaccari. Il loro emendamento approvato dalla commissione, infatti, prevede l’istituzione di un’imposta di bollo sui trasferimenti di denaro all’estero attraverso gli istituti bancari, le agenzie “money transfer” e altri canali di attività finanziaria. L’imposta sarà pari al 2% trasferito con ogni singola operazione. Esclusi dalla nuova tassa, però, saranno le persone fisiche munite di matricola Inps e codice fiscale.

In serata, poi, la commissione Bilancio ha approvato un emendamento del Pd sul quale il governo aveva dato parere favorevole. La norma, come proposto da Libero, prevede che il Fisco possa recuperare le somme non riscosse dal condono tombale del 2002. L’Erario, in particolare, entro il 31 dicembre potrà intervenire coattivamente per recuperare «le somme dovute e non corrisposte, maggiorate degli interessi maturati». Nel caso di omesso pagamento entro il termine, è prevista «una sanzione pari al 50%» delle somme in questione. Infine, arriva anche un emendamento secondo cui, a partire dal 2015, le maggiori entrate derivanti dalla lotta all’evasione saranno destinare alla riduzione delle tasse.

di Tommaso Montesano

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino46

    06 Settembre 2011 - 21:09

    Io in quarantanni di lavoro dei quali 18 passati in un reparto di ospedale, sai quante ne ho fatte di Domeniche al lavoro e per molto meno di quello che prende un parlamentare.??

    Report

    Rispondi

  • gado53

    06 Settembre 2011 - 16:04

    Senz'altro tutta l'operazione era stata creata a proposito dal governo in carica nel 2002 (che poi e' lo stesso di adesso) per aiutare gli evasori. Con un poco di furbizia si sarebbe dovuto provvedere prima che la cosa arrivasse sui giornali. E vengono a chiedere sacrifici !!!! Questa mattina ero alla manifestazione della CGIL, (mai fatto sciopero in 58 anni) felicissimo di aver partecipato Collusi, Incompetenti e....

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    05 Settembre 2011 - 22:10

    La responsabilità per quei soldi che da 8 anni aspettano di essere incassati è dei governanti di allora , che sono poi gli stessi di adesso. Fu consentito di rateizzare gli importi superiori ad una certa cifra, molti pagarono solo la prima rata, ottenendo immediatamente i benefici di quel "condono fiscale", come, naturalmente,il poterla fare franca davanti alla giustizia penale e patteggiare subito un 5% di imposta ridicolo (su capitali nascosti sui quali avrebbero dovuto pagare tasse per almeno il 40% ca.!). I legislatori si....dimenticarono di inserire una clausola che facesse perdere quei benefici in caso di insolvenza e che consentisse allo Stato di incassare coattivamente le rate non soddisfatte; quindi quelle cifre avrebbero dovuto essere richieste per via ordinaria ( e si sa quanto ci possa mettere la pubblica amministrazione ad incassare il dovuto da certi mascalzoni). Governo ingenuo? Mah!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • sala_bruno

    05 Settembre 2011 - 12:12

    ma era necessario attendere una finanziaria per recuperare i soldi del condono tombale del 2002 di cui si conoscono i nomi? Ma i Dirigenti ( non i dipendenti) incaricati a recuperali cosa hanno fatto in questi 8 anni? Avranno sicuramente preso soldi per la produttività.Se non riusciamo a recuperare questi soldi ,pensiamo di recuperare il sommerso? siamo proprio in mano a degli incapaci che paghiamo profumatamente. Bruno S.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog