Cerca

Ecco il patto Alfano-Casini: uniti per il dopo Cavaliere

Prove di dialogo per ricostruire la Casa dei moderati. Ma Pier vuole l'uscita di scena del premier. Il segretario frena: "Solo nel 2013"

Ecco il patto Alfano-Casini: uniti per il dopo Cavaliere
L’intesa esiste, è la tempistica che non corrisponde. Pier Ferdinando Casini immagina una fine ravvicinata dell’esperienza di Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi; Angelino Alfano è per un’uscita di scena morbida e concordata, un percorso che arrivi fino al 2013. Senza traumi. Sempre se il presidente del Consiglio riesce a scavallare indenne le nuove grane all’orizzonte. Giudiziarie, economiche, politiche. L’obiettivo di Casini e Alfano, però, è comune: ricostruire la Casa delle Libertà. Con tutti i mattoncini. Cosa che non può avvenire finché c’è in pista lui, l’uomo di Arcore. Vero: Berlusconi, per certi versi, è l’unico elemento unificante del centrodestra. Per altri versi, però, l’antiberlusconismo è il discrimine che tiene pezzi significati dei moderati fuori dalla coalizione che governa il Paese. Vedi l’Udc e Fli. Che succede? Succede che ogni qualvolta la parabola del Cavaliere prende una piega discendente (e in questi giorni c’è tanta tensione nella maggioranza per l’arrivo di nuove intercettazioni imbarazzanti), a Palazzo torna a girare la voce del “patto” Casini-Alfano.

TEMPI DIVERSI
La trattativa è latente, l’accordo tacito. Cioè mai stipulato con una stretta di mano o celebrato con un pranzo, una portata, un soutè di cozze e vongole. La traiettoria politica dei due, per forza di cose, tende a convergere. Ma c’è asincronia. Pier conta i giorni col calendario Maya, ha fretta; Angelino è fedele a quello Gregoriano: che urgenza c’è di archiviare Berlusconi? A meno che non sia lui a fare il gesto: benedire pubblicamente le nozze tra i due, intestarsi l’operazione e fare il passo indietro.

Levarsi dalla testa che Alfano accoltelli il suo mentore, please: l’ex Guardasigilli, se intende essere il nuovo leader del Pdl, deve farsi maratoneta, non  centometrista. Se accelera le idi di marzo, il politico agrigentino perde l’autorevolezza insita nel suo status di delfino e si trova addosso tutti i colonnelli del partito (vedi Formigoni, Alemanno e via dicendo). Insomma: il segretario del Pdl va avanti per la sua strada e se lungo il cammino becca Casini, tanto meglio. «Ma Pier parte dal presupposto sbagliato che io debba farmi da parte», proprio l’altro giorno Silvio Berlusconi ha affrontato la questione dei popolari, uniti in Europa e divisi in Italia.

Palazzo Grazioli, mercoledì sera: il Cavaliere attende a cena Alfano e Frattini, che sono i promotori della fondazione Ppe. Con loro, a via del Plebiscito, arriva anche Antonio Lopez-Isturiz, segretario generale del Partito popolare europeo. Pennette tricolori e analisi della delicata situazione politica italiana. E di una maggioranza uscita dalle urne, nel 2008, con numeri da primato e finita, a causa di defezioni legate a «motivi di ambizione personale» (leggi Fini), a doversi aggrappare al voto dei responsabili. Il futuro? Cazzuola e carriola, Silvio rivela l’intenzione di voler ricostruire il centrodestra nella sua formazione originaria: «Saremo noi a fare il grande centro, uniremo tutti i partiti che si riconoscono nei valori del Ppe, è l’eredità che voglio lasciare al mio Paese», assicura all’ospite spagnolo. Il terzo polo? «È un’operazione che non sta in piedi». E ieri Alfano, parlando alla summer school del Pdl, è tornato a rivolgersi ai centristi: «Facciamo la casa dei moderati e torneremo a rivincere le elezioni».

L'AMICO FEDELE

 Pier? Aspetta gli eventi. Manda messaggi a Berlusconi attraverso l’amico comune Fedele Confalonieri. Ambasciate («Molla e ragioniamo») che Silvio rispedisce cortesemente al mittente: «Mica mi fido». Casini rimane attonito leggendo l’intervista in cui Buttiglione offre «un salvacondotto giudiziario» al premier in cambio delle sue dimissioni: «Se non conoscessimo Rocco, penseremmo che l’ha fatto apposta per far saltare la trattativa». Il leader centrista vede Berlusconi vacillare e cerca di capire se è assestamento o fine imminente: qualora  il premier cadesse sotto i colpi di una nuova offensiva giudiziaria, ragionano gli Udc, «duecento deputati del Pdl sono pronti ad aderire a un’alleanza politica allargata all’Udc». Già, ma se non cade?

Altre iniziative tipo quella di Pisanu, modello “14 dicembre”, sono giudicate «velleitarie» dalla vecchia volpe democristiana. La situazione economica è troppo drammatica per una congiura di Palazzo fondata sull’ammutinamento di una decina di parlamentari. Napolitano non permetterebbe. Eppoi è il Partito democratico che non vuole: sotto sotto, a Bersani e ai suoi, conviene rosolare il governo fino al 2013 lasciando che sia il Cavaliere a prendere le misure più impopolari per far fronte alla crisi. Mica sono scemi, i democratici.

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    11 Settembre 2011 - 10:10

    Mi faccia sapere chi è il suo pupillo,sarò lieto di delucidarla.Ricambio gli auguri di buona serata.

    Report

    Rispondi

  • katiusha1964

    10 Settembre 2011 - 18:06

    Speravo in una sua risposta seria e non dell'ironia sul mio nick....avrei potuto farlo anch'io col suo... Getto la spugna...avete vinto... Tranquilli sig ciannosecco e company... non oserò più fare osservazioni o critiche sul vostro pupillo...non serve cercare a tutti costi risposte e spiegazioni dagli altri....non serve... Buona serata e senza rancore...

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Settembre 2011 - 17:05

    Se la signora non è in realtà un lanciarazzi della seconda guerra mondiale,dalla traduzione in italiano del suo nome Caterina (dal greco KATAOS, "pura"(?) il suo onomastico ricorre il 29 aprile in memoria di santa Caterina di Siena, morta nel 1380. Patrona d'Italia, di Roma, di Siena, delle lavandaie, dei corrieri e degli infermieri.Rinnovo i saluti.

    Report

    Rispondi

  • katiusha1964

    10 Settembre 2011 - 16:04

    Possibile che nessuno/a di voi abbia il coraggio di guardare l'operato di berlusconi con obiettività e lucidità? Ma allora è la fine! Al di là di battute insulse vorrei che qualche gentiluomo o gentildonna osasse confrontarsi serenamente sull'operato di Berlusconi.Ma la gente per la strada l'ascoltate? Ma realtà tragica che stiamo vivendo vi sfugge del tutto? Con che coraggio difendete l'indifendibile? Sono cattolica e credo nell'altruismo, nella giustizia, nell'uguaglianza, nel senso etico e civile delle persone, so muovere osservazioni e critiche a destra e a sinistra e aborro l'idolatria cieca e fanatica e il servilismo nauseabondo che trabocca intorno a Berlusconi. Per la signora Marina... sono una Donna, fiera e indomita, orgogliosa di esserlo... ingenua e sciocca forse, a sperare e a credere che le persone siano migliori di quel che sembra...e a stupirsi amaramente di fronte a certe vostre convinzioni. Senza offesa per nessuno/a...é solo un confronto, spero la redazione pubblichi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog