Cerca

Rocco e Italo, l'offerta-ricatto: "Un passo indietro e niente vendette"

Fli e Udc offrono a Berlusconi un salvacondotto a patto che si dimetta. Ma il Pdl chiude la porta

6
Rocco e Italo, l'offerta-ricatto: "Un passo indietro e niente vendette"
Fli e Udc offrono a Silvio Berlusconi un salvacondotto giudiziario, a patto che si dimetta da premier e lasci ad altri il timone del Paese. Ieri la richiesta è giunta sia da Italo Bocchino che da Rocco Buttiglione. «Silvio lasci e la politica lo tutelerà, assicurandogli un atteggiamento non vendicativo nei confronti della sua persona e delle sue aziende», afferma il numero due di Futuro e Libertà. La stessa proposta arriva dal presidente dell’Udc. «Berlusconi lasci e gli verrà garantito un salvacondotto giudiziario», sostiene Buttiglione. Non è la prima volta che dall’opposizione qualcuno avanza l’idea di un salvacondotto in favore del Cavaliere in cambio del suo abbandono della politica. Ma il Pdl chiude la porta. «Bocchino scambia la politica per un campo di battaglia», osserva Osvaldo Napoli. Mentre per Amedeo Laboccetta «Bocchino gioca sporco e non va preso sul serio». Ma a ventilare un passo indietro del Cavaliere ieri è anche il mondo economico. «O il governo è in grado di mettere in campo una grande operazione per recuperare credibilità oppure è meglio trarne le conseguenze», dice Emma Marcegaglia. Per l’ad di Banca Intesa Corrado Passera, invece, «il governo deve mettere in campo un piano per la crescita o è meglio cambiare».

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    12 Settembre 2011 - 16:04

    e secondo lei, questi due avrebbero i poteri di condizionare PM e Giudici - di varie parti d'italia - per fornire un salvacondotto a Burlesque? Signora, ma quali romanzi di cappa e spada legge?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    12 Settembre 2011 - 16:04

    ma quanto si legge in fondo all'articolo: «O il governo è in grado di mettere in campo una grande operazione per recuperare credibilità oppure è meglio trarne le conseguenze», dice Emma Marcegaglia. Per l’ad di Banca Intesa Corrado Passera, invece, «il governo deve mettere in campo un piano per la crescita o è meglio cambiare».

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    12 Settembre 2011 - 13:01

    e subito deve battere un colpo, ma questo è un colpo di sole, ma per favore chi può credere a tal figuro?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media