Cerca

La triste parabola di Fini: Mirabello, un anno dopo

Nel 2010 Gianfranco profetizzava: "Il Pdl è finito". Oggi semmai sembra Fli a non avere futuro. Poi attacchi al Cav e zero porposte

La triste parabola di Fini: Mirabello, un anno dopo
Soltanto un anno fa Gianfranco Fini scaldava i motori, e dopo lo strappo definitivo con Silvio Berlusconi aizzava la folla di Mirabello, programmando il voto di fiducia di dicembre che fu la prima sonora sconfitta per Futuro e Libertà. Un anno fa, da Mirabello, sentenziava: "Il Pdl è finito". Oggi, con il Pdl che pur tra le recenti difficoltà è ancora saldo al governo, a sembrare già finita è la breve parabola proprio di Futuro e Libertà. Il Presidente della Camera, nel corso della festa di partito, prova a lanciare quella che chiama la "Fase due"- Obiettivo, "rilanciare i valori della destra, della pulizia, della giustizia". Peccato che questa serie di propositi si riduca nel consueto attacco frontale al governo e a Silvio Berlusconi: idee zero.

Attacco al Cav - Al premier Fini imputa di aver indebolito l'identità nazionale: "Ci sono tanti italiani che credono nella loro patria, ma se il vincolo nazionale negli ultimi tempi si è indebolito - tuona dal palco - qualche responsabilità è anche di chi si è comportato in modo da renderlo più fragile". Quindi l'attacco si fa più esplicito: "Nessuno può dire che il governo Berlusconi è causa di quello sfilacciamento, ma l’azione del governo e un certo modo di concepire le istituzioni hanno indebolito la coesione nazionale. Non ha fatto nulla per rafforzare la coesione sociale, anzi favorendo gli egoismi geografici e gli interessi particolari rischia di trasformare l’Italia in un paese dove tutti sono contro ".

Contro la Lega - E via con altre bordate. Secondo il presidente della Camera Berlusconi "considera la legalità un impaccio", fino a dimostrare "di avere una strana concezione di quello che deve essere il rapporto tra le istituzioni". Secondo Fini l'esecutivo sarebbe al guinzaglio della Lega Nord, a cui imputa di non aver "saputo valorizzare i momenti unificanti. Il Nord non ha bisogno dell'ampola, delle camicie verdi, della Padania, ma di un governo in grado di governare". Un proclama a cui Gianfranco non dà seguito con delle proposte: da Mirabello, infatti, non ne arrivano.

L'illusione - Quindi la ripetizione del mantra: "Il berlusconismo è finito. Non sappiamo quando calerà la tela, ma siamo già alla fine di un regno". Così Fini, e con lui il Terzo Polo, si candida per la guida del Paese. Secondo Gianfranco è il Terzo Polo a tenere alti "i valori del vero centrodestra" che deve guidare il Paese per fare "breccia nel cuore del Paese". Poi cerca anche di difendere la sua derelitta creatura, spiegando che "Futuro e Libertà non è un'espressione virtuale, e sta mettendo radici", e che dovrà diventare "movimento più che partito, perché il suo successo dipenderà non tanto dall'organizzazione ma dalla sua capacità di smuovere idee nuove e spiazzare gli avversari". Ammesso che gli resti il tempo per farlo.

"Un passo indietro" - Fini chiede a gran voce la revisione della legge elettorale. Ma la questione è scivolosa, perché il 90% dei sostenitori di Fli di una revisione del cosiddetto 'porcellum' chiedono a Gianfranco un passo indietro dalla presidenza della Camera "per occuparsi di più del partito". Ma da quest'orecchio Fini continua a non sentirci, preferendo sdoppiarsi tra la presidenza di Montecitorio e la guida di Fli con buona pace del ruolo super partes che dovrebbe avere in Parlamento. Gianfranco non ascolta nemmeno Italo Bocchino, che dal triste palco di Mirabello gli chiede di andare "ai comandi" per proseguire "dritti al traguardo". Quale questo traguardo sia, però, resta un mistero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    14 Settembre 2011 - 18:06

    le opinioni in quanto tali, anche se non condivise, vanno rispettate ed io rispetto le sue. Il progetto berlusconiano presupponeva un allenza tra le forze di centro rappresentate da Casini-Buttiglione e la destra storica italiana, cioè Fini con l'allenza della Lega. Sono rimasti sul palco solo Berlusconi e Bossi e la più grande maggioranza di destra ora si regge grazie a Scilipoti. Chi ha tradito quel progetto? Lei dice Casini e Fini, io dico Berlusconi che non ha saputo creare in Italia una centrodestra liberaldemocratico ma ha voluto mantenere la dimensione aziendale e padronale del partito.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    14 Settembre 2011 - 00:12

    Berlusconi,ha portato il centrodestra ad una maggioranza mai vista.Prima Casini ,poi Fini l'hanno sabotata.Casini si è ritirato,come un buon democristiano,in attesa di tempi migliori,Fini invece ha sfasciato la coalizione.La cosa che è gravissima e dimostra la sua malafede, è quando all'indomni delle ultime elezioni vinte,ha chiesto il saldo anticipato dei contributi elettorali,lasciando parecchi milioni di euro alle banche per il prelievo anticipato.Nessuna giustificazione,men meno che politica,si può dare al responsabile delllo sfascio della coalizione di centrodestra.Da allora ci sono stati i problemi che conosciamo.Questa è storia,non opinione,e per questo le dico che si sbaglia a dare la patente di destra ad uno che la destra l'ha tradita.

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    13 Settembre 2011 - 17:05

    Fini è un Giuda non per avere "tradito" Berlusconi ma per aver tradito la destra italiana alleandosi con Berlusconi e la Lega che hanno contribuito a distruggere sia la destra che il Paese. Alleandosi con Berlusconi e Bossi Fini ha tradito la sua storia culturale e politica ed anche se è rinsavito non ha più la credibilità necessaria per poter rappresentare la destra italiana. Temo però che gli italiani, non appena sarà definitivamente archiviata la brutta parentesi berlusconiana, acclameranno Fini come salvatore della Patria ed i primi saranno proprio coloro che oggi belano alla corte del cavaliere di Arcore. Spero di sbagliarmi.

    Report

    Rispondi

  • ottina

    12 Settembre 2011 - 22:10

    Que c'est triste flini au temps de l'amour morte que c'est triste flini quand on ne s'aime plus (Slivio) ........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog