Cerca

Berlusconi all'Ue: "Aiutate tutti i governi, riformate voi le pensioni"

Premier a Bruxelles: "Manovra? Sono tranquillo. Sono qui per colpa dell'opposizione che cerca la spallata. L'euro è la nostra bandiera"

Berlusconi all'Ue: "Aiutate tutti i governi, riformate voi le pensioni"
Silvio Berlusconi è arrivato a Burxelles per l'incontro con il presidente permanente del Consiglio Europeo, Herman Van Rompuy. Prima del summit sulla crisi del debito, il Cavaliere ha spiegato: "Sono assolutamente tranquillo sulla manovra, tuttavia ci sono state queste dichiarazioni dell'opposizione differenti dai fatti e dalla verità che ci costringe a rassicurare le istituzioni europee sulla manovra". In mattinata il procuratore Lepore (che aveva convocato il Cavaliere per ascoltarlo sul caso Tarantini, un confronto saltato per l'impegno in Europa: l'episodio è stato al centro di aspre polemiche) ha spiegato che, a suo parere, Berlusconi non sta scappando dai giudici. E quello che più conta nella missione diplomatica del Cavaliere è fugare i sospetti che abbia sfruttato le autorità europee per rimandare il faccia a faccia con gli inquirenti.

"Ue imponga riforma previdenza" - Nella conferenza stampa che ha seguito l'incontro con Van Rompuy, Berlusconi ha chiesto all'Unione Europea di imporre agli stati membri la riforma del sistema previdenziale e l'aumento dell'età pensionabile. "La vita media è aumentata", ha spiegato Berlusconi, sottolineando che sarebbe intenzione di molti governi "innalzare l'età pensionabile. Tuttavia ogni governo ha difficoltà a farlo perché perderebbe voti. Se l'Europa decidesse di dare indicazioni precise in questo senso e costringesse gli Stati, tutti i governi sarebbero felici di farlo".

"Opposizione vuole spallata" - Il premier ha poi spiegato che "noi sentiamo l'euro come nostra moneta. E' un compito di tutti noi difenderlo perché è sulla moneta unica che si sta costruendo un processo di unificazione che va oltre l'Europa. L'euro - ha aggiunto - è la nostra bandiera, e potrà rendere l'Europa protagonista delle vicende mondiali". Il presidente del consiglio ha confermato "al presidente Van Rompuy che terremo fede agli impegni e raggiungeremo il pareggio di bilancio nel 2013". Per quel che riguarda la governance europea, il Cav ha spiegato che "l'Italia è a favore di una riforma per migliorarla" poiché "è opportuno che l'Europa parli con una voce unica e autorevole". Quindi il duro attacco all'opposizione. "In Italia siamo a una paradosso. L'opposizione critica la manovra con un unico desiderio: dare una spallata al governo, senza rendersi conto che in questo modo darebbe una spallata all’Italia

Lo schiaffo di Buzerk - Berlusconi vuole convincere l'Europa della bontà della manovra e delle misure prese. Van Rompuy ha definito il pacchetto di misure "un progetto ambizioso". Ma non tutte le autorità del Vecchio Continente sembrano avere tanta voglia di stare ad ascoltare il Cavaliere. Così, lunedì, il capogruppo dei Verdi, Harms, e quello dei liberaldemocratici dell'Alde Werhofstadt, hanno definito "inopportuna" la visita del premier, anche se la tensione alle stelle sarebbe lì a dimostrare tutt'altro. Ancor più clamoroso l'episodio che ha coinvolto il presidente del Parlamento di Strasburgo, il polacco Jerzy Buzerk, lavora per alzare il livello della tensione. Prima ha precisato che quella di Berlusconi a Strasburgo "non è una visita ufficiale". Inoltre, secondo quanto avrebbero riferito altri eurodeputati, Buzek avrebbe anche detto di non conoscere il motivo della visita del premier e di avere altri appuntamenti in agenda. "Si potrà fissare un incontro di cortesia di un paio di minuti", ha spiegato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vgrossi

    14 Settembre 2011 - 08:08

    ... hai scarrellato di brutto. Leggiti "...rinnovare o arricchire i poteri del "governo" europeo allo scopo d accrescere la qualità operativa dei governi nazionali..." cretinaggine. Se ragioni scopri che non si tratta proprio di "accrescere la qualità operativa dei governi nazionali", ma l' opposto, di creare una BASE anche legislativa COMUNE a tutti gli Stati in una materia delicata. Si tratta di TOGLIERE ai governi dei singoli Stati la autonomia di gestire la materia a piacer loro, e di porre tutti i cittadini UE su di un piano di parità. Insomma si chiede di togliere un altro elemento di sovranità agli Stati per attribuirlo all' UE. Questo significa spingere avanti la INTEGRAZIONE POLITICA della UE. Temo che si tratti solo di una manovretta a breve, purtroppo: cozza contro l' abulia proverbiale della Commissione UE e del pletorico parlamento, e contro governi e governicchi che tutto pensano, ma non alla integrazione europea.E non riescono a gestire manco l' Euro ...

    Report

    Rispondi

  • caio

    13 Settembre 2011 - 22:10

    mah...dubito che il parlamento europeo riesca a dare un'indicazione generica sull'età pensionabile prima del 2050...nemmeno han la traduzione di quel che ha detto oggi il Berlusca...poteva anche parlare di broccolini ...è stato pietoso...per fortuna sarà l'ultima figuraccia che ci farà fare....

    Report

    Rispondi

  • ulisse di bartolomei

    13 Settembre 2011 - 20:08

    chiedere al parlamento europeo di deliberare su provvedimenti che i governi nazionali non osano prendere onde non perdere voti. Adesso si comincerà a discutere come rinnovare o arricchire i poteri del "governo" europeo allo scopo d accrescere la qualità operativa dei governi nazionali. Bravo Silvio passerai alla storia non soltanto per le doti nascoste,,, bè poi mica tanto: tutti i magistrati le conoscono... almeno quelli napoletani!

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    13 Settembre 2011 - 18:06

    visto che hai informazioni di prima mano, per favore passacele. Detto questo, a costo di esser banale, tio ricordo che a F. e zone limitrofe, sono morte decine di migliaia di persone, e TUTTO (tranne, ironia non casuale, le centrali) è stato raso al suolo. Che l' area sia disabitata ancora oggi non stupisce: non si tratta di ricostruire le case, abbastanza veloce come l' Aquila, se ricordi, ha dimostrato, si deve ricostruire TUTTO, da meno di zero perchè si deve rimuovere un agglomerato infernale di cose e, purtroppo, persone. Quel che violentemente mi irrita nei post sulla catastrofe di F. è che NESSUNO, mai, ha una parola per quelle decine di migliaia di vite spazzate via. Solo le centrali, solo la polemichetta da due soldi della bassissima cucina politica. Per me è una barbarie, ed acefala.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog