Cerca

Il Senatùr: non si arriva al 2013

Bossi sul Monviso: "Fine legislatura? Troppo lontana", Poi parla di secessione: "Italia a picco ma c'è la Padania"

Il Senatùr: non si arriva al 2013
Il 2013 "è troppo lontano", dice Umberto Bossi a Paesana, Cuneo, dove parla al termine della cerimonia dell’ampolla alla sorgente del Po. Per Silvio Berlusconi è una doccia gelata, ma durante la “festa dei popoli padani” che si concluderà domani a Venezia il Senatur è solito alzare i toni. E infatti torna a insultare il collega nel governo Renato Brunetta, «il nano di Venezia» che «non capisce un cazzo». Quindi tuona: «L’Italia va a picco ma c’è la Padania», perché «milioni di persone aspettano solo che succeda qualcosa per mettersi in cammino». I militanti urlano «secessione secessione» e il leader osserva: «Anche durante il giro della Padania abbiamo visto che certi passi vanno fatti in favore della storia, altrimenti c’è soltanto il caos». Applausi. «Dopo la crisi il Nord non potrà permettersi più di continuare a mantenere tutto il Paese. Il Nord non muore». D’altronde, promette Umberto, «ci aspetta un anno positivo, un anno in cui la Padania va a disegnarsi con grande determinazione. Noi siamo buoni ed educati, lo avete visto anche durante il giro della Padania, qualcuno lo voleva fermare ma in quell’occasione occorreva stare con i nervi saldi e per fortuna che c’è mio figlio Renzo che ha tenuto i nervi calmi». Eccolo, il riferimento al rampollo. Il giovane consigliere regionale l’ha seguito passo passo durante la cerimonia dell’ampolla.

Ed è anche della sua famiglia e del rapporto tra i parenti e il movimento che parla Bossi senior. Soprattutto dopo la valanga di polemiche che è seguita all’articolo pubblicato dal berlusconiano Panorama, che ha descritto la moglie del leader Manuela Marrone come «l’imperatrice della Padania» capace d’influenzare il marito e gli equilibri interni, contrapponendosi a Roberto Maroni. Un affresco che ha scatenato una raffica di reazioni indignate nel Carroccio, spedite anche all’indirizzo del premier che poi s’è dovuto dissociare dal settimanale. Ecco, per Bossi quelli della rivista «sono degli stronzi. È un danneggiamento alla mia famiglia. Mia moglie è brava». Poi un’altra carezza al figlio: «Verrò qui tutti gli anni e dopo di me verrà mio figlio Renzo che oggi ho portato qui», perché «a 23 anni bisogna svegliarlo, portarlo in mezzo alla gente e fargli vedere la vita vera». Parole al miele pure per Roberto Calderoli, tra i più inferociti con Panorama. Il titolare della Semplificazione dice che lo strappo «è chiuso relativamente» visto che «ringraziamo Berlusconi ma ci aspettiamo anche altro» perché «dietro un articolo c’è un direttore e una giornalista». Ecco, mentre Calderoli difende la famiglia Bossi e giura sulla compattezza dell’asse Berlusconi-Lega, Umberto lo loda: «Calderoli è il mio braccio destro a Roma». I padani restano sulle barricate per le pensioni: «Il mondo è alla rovescia, con la sinistra che vuole toccarle» ma «la Lega dice no» sbotta il Senatur. Che gongola: sì, sulla previdenza «l’abbiamo spuntata».

 E poi: «Abbiamo ottenuto il federalismo e i contratti territoriali» con i quali ci sarà «uno stipendio diverso regione per regione. Questi due passaggi spingeranno verso un grande cambiamento e soprattutto avremo degli stipendi in base al costo della vita». Certo, restano i mal di pancia dei Comuni. Bossi ha risposto con il gesto delle corna (sì, corna, né dito medio né pernacchie) ad alcuni sindaci piemontesi che lo aspettavano sul Monviso cantando a squarciagola l’inno di Mameli, ma agli enti locali ha spedito una vaga rassicurazione: «Troveremo un modo per aiutarli...». I giovani padani, invece, hanno distribuito un volantino ai primi cittadini col mal di pancia con la scritta «Sindaco scegli il tuo futuro! Schiavo e povero in Italia o ricco e libero in Padania? Con il Nord o con Roma». Calderoli aggiunge: «Abbiamo ridotto i tagli e salvato i piccoli comuni» mentre il governatore piemontese Roberto Cota insiste che «la soluzione all’attuale crisi è il modello Padania».
Al di là delle spacconate da comizio, il Bossi che s’è inerpicato sul Monviso riserva a Berlusconi anche dei messaggi rassicuranti. Perché sulle intercettazioni «bisogna finirla di ascoltare la gente», però Giorgio Napolitano «non vuole il decreto». Bossi sbuffa: «Siamo venuti anche se un po’ acciaccati. Speriamo che l’acqua del Po ci porti fortuna...».

di Matteo Pandini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    18 Settembre 2011 - 14:02

    Sul 2013 ho dubbi anch'io, dubbi di opportunità. Ma Bossi ormai non mi interessa più. Dopo aver votato Lega per oltre dieci anni per avere un federalismo necessario, ma annacquato, sono deluso dalle parole e dalla mancanza di inziative di Bossi. Credo che Bossi abbia capito tempo fà che era meglio far restare le tasse della lombardia in loco, ma che abbia capito SOLO quello. Perchè non vedo nulla nella visione di bossi che sia innovazione, e che utile ANCHE alla lombardia. Non ha parole sull'organizzazione statale che è da cestinare, non ha parole sugli sprechi statali anzi difende le province, non capisce che le pensioni si devono adeguare alla durata della vita altrimenti lasceremo i nostri figli senza protezione, non fà alcuna proposta per cambiare uno stato che OPPRIME ANCHE LA LOMBARDIA. Questo vuol dire aver capito solo un pelo del problema...ed è ora che lascia la sedia e lo scettro a chi più capace, tipo Maroni....

    Report

    Rispondi

  • caiogracco

    17 Settembre 2011 - 23:11

    Anche quest' anno si celebra il "tradizionale" rito della Sacre Ampolle. Peccato che, in realtà, sia una furba trovata di Bossi degli anni '90. Come l' invenzione della Padania (che è un po' come il mulino bianco). Ma quando qualche giornalista con la schiena diritta incomincerà a far presente che queste sono solo delle gran pagliacciate?

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    17 Settembre 2011 - 16:04

    con tutte le minkiate fatte sino ad ora,con tutte le promesse mancate riguardo l'allontanamento dal suolo Patrio della spazzatura pervenuta via mare negli ultimi tempi,ho l'impressione che di voti la Lega ne perderà parecchi.E non per colpa dei giornali.

    Report

    Rispondi

  • antari

    17 Settembre 2011 - 15:03

    E' anche colpa tua che hai protetto il Porco, ora siamo nella cacca, grazie tante eh!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog