Cerca

Fini prende la palla al balzo "L'ora di cambiare il premier"

Il leader Fli contro Berlusconi: "Dedica tempo a questioni private, così non va. Spero se ne accorgano anche Pdl e Lega"

Fini prende la palla al balzo "L'ora di cambiare il premier"
A Gianfranco Fini non è parso vero. In poche ore, sia Silvio Berlusconi sia Umberto Bossi gli hanno dato un doppio assist per tornare alla carica e ritrovare un po' la parola dopo le disavventure ecologico-subacquee delle vacanze. Il presidente della Camera interviene sul caso Tarantini e le intercettazioni che mettono a nudo il premier: "Io non giudico ma dico che purtroppo l'immagine dell'Italia a livello internazionale si aggrava giorno dopo giorno - spiega Fini da Novedrate, in provincia di Como, in occasione della prima festa futurista del Fli -. Nessuno capisce più quello che sta accadendo nel nostro paese e nessuno capisce per quale motivo il presidente del Consiglio dedichi buona parte del suo tempo a questioni che non sono relative alla crisi economica e al rilancio dell'economia". Insomma, di via d'uscita ce n'è solo una, secondo Fini: "Auspico un altro governo che presuppone un altro presidente del Consiglio. Credo - ha aggiunto il leader di Futuro e Libertà - che al di là delle dichiarazioni di questo o di quello gli italiani abbiano capito che così non si può andare avanti e fra questi anche tanti di loro che hanno votato per il centrodestra o per la Lega. Personalmente spero che anche nell'ambito della maggioranza prevalga il buon senso e la decisione di dare vita a un altro governo che abbia maggiore credibilità internazionale, si occupi dei problemi dell'economia e faccia uscire il Paese da questa crisi".

Contro Bossi - Il presidente della Camera ne ha anche per Bossi, che sul Monviso davanti ai sostenitori leghisti ha agitato di nuovo lo spettro della secessione. "Non offende solo gli italiani dal Po in giù ma tutti. Quelli del Nord come quelli del Sud", lo accusa Fini, secondo cui l'Italia sta attraversando un momento in cui "deve saper ritrovare il senso di essere una nazione. E' per questo che è estremamente grave che da parte di chi ha responsabilità di governo o politiche, siano sempre più flebili le proteste ogni qualvolta da parte della Lega c'è una violenta polemica nei confronti dell'unità nazionale". "Peggio ancora - ha aggiunto Fini - che dopo le parole di Bossi di ieri, con una palese invocazione alla secessione è grave che chi ha responsabilità politiche nel Pdl taccia come se si trattasse di una sciocchezza, come se fosse il caso di non prendere sul serio queste parole. Parole che offendono gli italiani tutti".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    19 Settembre 2011 - 23:11

    Fini dovrebbe avere la decenza di stare zitto, quando leggo i suoi commenti o lo vedo di sfuggita in tv: capita quando non riesco a recuperare subito il telecomando, mi succede di arrossire al posto suo. Ma lui non ha vergogna?

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    19 Settembre 2011 - 09:09

    occorrerebbe cambiare il presidente della camera piu' che quello del consiglio.Fino a prova contraria Berlusconi oggi come oggi è l'unico LEADER in grado di gestire il Paese.Se la sinistra ha un leader alla pari di Berlusconi....che lo metta in campo alle prossime elezioni.

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    19 Settembre 2011 - 09:09

    Giudanco, pesca specie protette, il suo FLI riceve monetine alle convention a Pisa, si allea con la sinistra nelle elezioni spacciandosi per destra, i suoi gli chiedono di dimettersi e lui apre bocca e parla? E' demenziale!!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    19 Settembre 2011 - 06:06

    ma la casa a montecarlo di chi e'? non e' che me la sono dimenticata.. poi magari ascoltero' le sue visioni politiche ma prima la casa a montecarlo per cortesia: ha poi chiesto a elisabetto? prego risponda e non cambi discorso

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog