Cerca

Governo cinque volte sotto L'antipasto della crisi?

Alla Camera si vota lo sviluppo degli spazi verdi urbani. La maggioranza cade, il Pdl abbandona la Lega. Giovedì c'è Milanese...

Governo cinque volte sotto L'antipasto della crisi?
Il governo va sotto cinque volte alla Camera.  Il tema è secondario: un provvedimento sullo sviluppo degli spazi verdi urbani.  Ma quello che è successo questo pomeriggio a Montecitorio denuncia le difficoltà e la confusione della maggioranza, in vista di un voto assai più delicato: quello col quale  giovedì i parlamentari dovranno decidere sulla richiesta d'arresto per Milanese, il deputato Pdl ex braccio destro di Giulio Tremonti.

Il governo alla fine ha alzato bandiera bianca, rimettendosi all'Aula su tutti gli emendamenti al testo. Un epilogo, annunciato dal sottosegretario all'Ambiente Elio Belcastro, giunto dopo che il centrodestra è andato sotto ben quattro volte sugli emendamenti presentati da Pd e Radicali ed è stato battuto anche al momento di votare la richiesta di rinvio del testo in Commissione, avanzata dal relatore della legge, il leghista Angelo Alessandri.

Sotto accusa le assenze nei banchi della maggioranza ma anche lo stato di confusione che regna nel centrodestra. Al punto che, sul secondo articolo della legge, comunque approvato, ha votato contro solo il gruppo della Lega. "Visto che il relatore del testo è della Lega, vuol dire che nella Lega ci sono problemi", ha notato il deputato Pd Roberto Giachetti. Proprio la posizione della Lega sarà decisiva giovedì quando si decideranno le sorti di Milanese. A differenza di quanto accadde per Papa. per il quale i leghisti votarono sì alla richiesta d'arresto, il Carroccio sarebbe ora orientato a votare contro l'arresto. Ma il voto è segreto e questo potrebbe favorire il malessere dei maroniani, tentati di votare a favore dell'arresto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nilo01

    21 Settembre 2011 - 13:01

    è già un bel pezzo che il governo è caduto, non bastano le compravendite dei vari scilipoti, il governo non si è visto negli ultimi tre anni, era troppo occupato a confezionare provvedimenti su misura per salvare il premier dalle sue malefatte

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    21 Settembre 2011 - 12:12

    Se il governo cade,credo che il miglior presidente del consiglio dei ministri potrebbe essere Rosy Bindi. In Inghilterra ci volle una dama di ferro per rimettere in moto l'economia,in USA ci volle un Reagan,dalle balle di ferro. Ecco in Italia Rosy Bindi,ce la vedo bene.E' stata l'unica che ha impresso una svolta alla sanità in positivo,quando fu ministro della salute,difatti proprio per questo il suo partito ,sotto la spinta delle lobby sanitarie,la epurò,levandola di torno. Ci misero il mister tentenna Veronesi,molto fumo e poco arrosto.Difatti la sanità è ricaduta nell'infimo limbo. Non ho dubbi, un tipo così farebbe bene il primo ministro,provare per credere. Se questo governo dovesse cadere,votate la Bindy,ha il carattere che serve a mettere in riga un po' di gente. Veramente.

    Report

    Rispondi

  • paolospyder

    21 Settembre 2011 - 08:08

    da noi e Berlusca a casa. Così rimarranno con il culo per terra quelli che ci deovno andare, e rimane a galla chi lavora e ha voglia di fare come è giusto che sia. Tutto questo prima che il default ci arrivi da solo addosso e chi ha voglia di lavorare se ne è andato e finiamo tutti con il culo per terra tranne quelli che hanno la casa a montecarlo.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    21 Settembre 2011 - 00:12

    Non penso che seriamente qualcuno nel cdx possa ipotizzare una data tanto lontana per andare a nuove elezioni. Visto che nell'articolo si cita il "noto criminale" Alfonso Papa che sta morendo in galera...di grazia qualcuno è in grado di spiegare perché i pericolosi golpisti della P4, vista la loro onnipotenza, non sono ancora riusciti a liberare il "criminale morente"? E se finisse tutto in una bolla di sapone, com'è molto probabile, che figura ci farebbero quei parlamentari che lo hanno condannato a morte? Con quanto sta accadendo in Parlamento in questi giorni siamo tornati in piena I Repubblica. E di cosa ci dobbiamo ancora meravigliare? Forse che ricompaia un nuovo giustiziere che va in vacanza e getta via le chiavi della prigione? Poveri noi chi ci canterà la messa!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog