Cerca

Il governo tiene: "Uniti contro le toghe"

La Camera ha respinto la richiesta d'arresto di Milanese. Berlusconi: "Respinta l'offensiva"

Il governo tiene: "Uniti contro le toghe"
La Camera ha accolto respinto la richiesta d'arresto di Marco Milanese: l'ex braccio destro di Giulio Tremonti rimane in libertà. E il governo tiene. Sono stati 312 i voti contrari alle manette, mentre i favorevoli si sono fermati a quota 305. Prima del verdetto di Montecitorio, in Consiglio dei Ministri, non si è presentato Giulio Tremonti, poiché "è in viaggio per Washington" dove venerdì iniziano i lavori del Fondo monetario internazionale.

La Lega con Milanese - Marco Milanese, il diretto interessato, era stato tra i primi ad arrivare a Montecitorio. Era uscito di casa intorno alle 9 del mattino: per l'ex braccio destro di Giulio Tremonti era una giornata decisiva. Ma la Camera votava non solo sul suo arresto: l'esito era decisivo per la tenuta del governo. Se l'ex consigliere fosse finito in carcere la maggioranza avrebbe vacillato paurosamente. La Lega però, dopo le promesse di Umberto Bossi, anche in aula - con Luca Paolini, componente della Giunta per le autorizzazioni -  ha confermato che il partito avrebbe salvato Milanese. "La carcerazione preventiva non è la soluzione del porblema. Bisogna fermare i processi - ha spiegato Paolini -, Papa da due mesi marcisce in carcere e chissà per quanto ci resterà".

Cav: "Uniti contro le toghe" - Pochi minuti prima del verdetto erano trapelate le dichiarazioni di Silvio Berlusconi. Nel corso del Consiglio dei Ministri che ha preceduto il voto alla Camera avrebbe spiegato: "Dobbiamo votare compatti, respingere l'attacco della magistratura, restare uniti". Il premier invita tutti i suoi ministri alla coesione per contrastare l'offensiva di quello che, senza mezzi termini, chiama "Stato di polizia giudiziaria". La prima mossa, dunque, è quella di respingere l'arresto di Milanese. Ma il Cavaliere, nel corso del CdM, è tornato a sottolinare di voler procedere spedito con la riforma sulle intercettazioni, lo strumento più 'gettonato' in quella che ha definito una "persecuzione giudiziaria".

I fronti del voto - Se la Lega si è ricompattata attorno all'ex braccio destro di Tremonti, i democratici - e con loro l'Idv - hanno chiesto a gran voce il voto segreto per cercare di ottenere l'arresto di Milanese. A favore delle manette anche l'Udc: Casini aveva annunciato libertà di coscienza, ma in aula il leader centrista ha annunciato che il partito averbbe votato a favore della richiesta d'arresto. Favorevole anche il presidente della Camera, Gianfranco Fini (Fli si era battuto per il voto segreto).

Le accuse - Sul capo di Milanese pendono le accuse dei pm di Napoli per associazione a delinquere, corruzione e rivelazione di segreto d'ufficio. Secondo l'impianto accusatorio dei pm l'ex consigliere di Tremonti avrebbe rivelato notizie su indagini svolte dalle Fiamme Gialle, mentre secondo il Gip milanese si è occupato dell'attribuzione di nomine in diverse società controllate dal Tesoro ricevendo "come corrispettivo somme di denaro e altre utilità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    22 Settembre 2011 - 17:05

    e' quella di B. nei confronti dell'Italia e di tutti gli italiani. In primis quelli che l'hanno votato. E dura da 17 anni. Ma sta per finire.

    Report

    Rispondi

  • mazimo

    22 Settembre 2011 - 17:05

    Signor vgrossi lei e' veramente un comico nato, anche se ho il forte sospetto che si tratti di comicità involontaria, purtroppo per lei. E già perchè secondo lei è una pratica illegale mettere in galera un accusato di reatucci da niente come corruzione, rivelazione di segreti d’ufficio e associazione per delinquere (sic). Si tratta dell'articolo 275 c.p.p, che guarda caso tratta di "Custodia cautelare in carcere", e si chiama cautelare secondo lei per quale motivo? Ma lei in 10 righe scombiccherate ha riscritto mezzo codice di procedura penale e dunque e' chiaro che ha ragione. Sa qual è la differenza? che se al posto di Milanese c'ero io o lei eravamo gia' stati arrestati un mese e mezzo fa, ma pretendere che la legge sia uguale per tutti è ovviamente da comunisti. E tra uno sproloquio e l'altro, si interroghi perchè il suo caro pdc non ha messo mano a questi argomenti, se le stanno così a cuore, piuttosto che fare lodo alfano, legittimo impedimento, processo lungo e breve e così via.

    Report

    Rispondi

  • tonino

    22 Settembre 2011 - 16:04

    complimenti a berlusconi, alfano, la russa, cicchitto, brunetta, tremonti, bossi , calderoli maroni. coplimenti ai ministri. complimenti anche alle ministre divenute tali per il merito di avergliela data " la loro dedizione intendo dire! . complimenti a fini , casini e rutelli. complimenti a bersani , di pietro e vendola. chiedo venia se non scrivo tutti i nomi, ma siete davvero tantissimi. comq. i miei complimenti vanno a tutta la grande famiglia che è la casta. sono sicuro che con voi faremo tanta tanta strada. A PIEDI TestoCaratteri disponibili: 1000EDI.

    Report

    Rispondi

  • tonino

    22 Settembre 2011 - 16:04

    complimenti a berlusconi, alfano, la russa, cicchitto, brunetta, tremonti, bossi , calderoli maroni. coplimenti ai ministri. complimenti anche alle ministre divenute tali per il merito di avergliela data " la loro dedizione intendo dire! . complimenti a fini , casini e rutelli. complimenti a bersani , di pietro e vendola. chiedo venia se non scrivo tutti i nomi, ma siete davvero tantissimi. comq. i miei complimenti vanno a tutta la grande famiglia che è la casta. sono sicuro che con voi faremo tanta ma tanta strada. A PIEDI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog