Cerca

Formigoni: "Nel 2012 si vota. Ora voglio le primarie Pdl"

Il governatore della Lombardia sicuro: "Con il via libera al referendum presto alle urne. Entro gennaio scegliere il candidato"

Formigoni: "Nel 2012 si vota. Ora voglio le primarie Pdl"
Roberto Formigoni ha le idee chiare, chiarissime. Con il probabile via libera al referendum si andrà al voto nel 2012. Quindi, il Pdl, deve fare presto le primarie per la scelta del candidato premier del centrodestra. Il governatore della Lombardia, a margine di una tavola rotonda promossa dalla Fondazione Nuova Italia di Gianni Alemanno, è tornato a insistere sulla necessità delle consultazioni: "Mi fa piacere che Alfano ha confermato la necessità di fare le primarie a tutti i livelli - ha osservato -, e poiché ieri La Russa ha detto che Berlusconi non si ricandiderà, bisogna attrezzarsi rapidamente anche per scegliere il nostro candidato premier per le politiche".

Primarie e legge elettorale - Del resto, ha aggiunto Formigoni, "abbiamo fretta perché con il referendum, che prevedo verrà ammesso, immagino che le elezioni nel 2012 siano la probabilità più vicina e quindi le primarie per la scelta del nostro candidato premier vanno fatte al massimo nel gennaio del 2012", tra una manciata di mesi, dunque. Poi l'attenzioni si sposta sulla legge elettorale (una moneta preziosa in mano a Silvio Berlusconi che cerca di ricucire i rapporti con l'Udc di Casini). "Mi fa piacere - ha proseguito - l'annuncio di Alfano: la legge elettorale doveva essere riformata da tempo. Non ci possiamo più permettere di mandare in Parlamento e nei consigli regionali persone nominate dall'alto. La democrazia, la scelta del popolo, è la base fondamentale del Pdl rinnovato. I nostri elettori ne hanno piene le tasche", ha chiosato Formigoni, secondo il quale "i valori fondamentali della legge elettorale sono: l'eliminazione dei deputati e senatori nominati, l'eliminazione dei listini bloccati a livello regionale e l'introduzione della preferenza".

Bastone e carota per Tremonti - Al centro del dibattito politico, però, c'è sempre Giulio Tremonti (leggi il piano del Cavaliere per farlo fuori). Del ministro dell'Economia ha parlato anche Formigoni: "Deve accettare che ci sia collegialità nelle decisioni", è tornato a rimproverarlo. Poi però lo ha difeso per l'assenza alla Camera in occasione del voto sull'arresto di Marco Milanese: "Anche la riunione del Fondo monetario internazionale era importante, sarebbe stato un grave errore lasciare la sedia vuota a Washington, anche se è stato notatao che si poteva prendere il volo successivo" e prendere parte al voto di Montecitorio. E dopo queste premesse il governatore della Lombardia prosegue: "Tremonti è un'intelligenza sopraffina, ma deve accettare la collegialità del governo, deve accettare che il direttore d'orchestra sia Berlusconi. E' Berlusconi incaricato di suonare i pezzi, poi i virtuosi nell'orchestra - ha concluso - emergono sempre".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mapen

    26 Settembre 2011 - 15:03

    un consiglio a berlusconi.si facciano le primarie e spero venga eletto formigoni.al momento è il migliore:ha dato ottima prova di governorato, è onesto e quindi è il più presentabile:solo lui ci potrà far vincere le elezioni

    Report

    Rispondi

  • tinverpier

    25 Settembre 2011 - 21:09

    ma cosa vuole ? non ha capito che lo ha rotto a quasi tutti i lombardi ? ma che regole vuol dettare ? se ne vada per primo lui prima che lo cacci una sommossa popolare. si comporta da piccolo duce ma non ha fatto altro che nepotismo creando una serie di gabelle per far satr bene i suoi parenti e far star male anche chi lo ha votato vedere cened ed altre accozzaglie di manzoniana memoria. fuori subito dai c......-ni

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    25 Settembre 2011 - 19:07

    Nel Pdl, come nella Lega, qualcuno incomincia ad accendere le miccie. Tra poco inizieranno i fuochi pirotecnici. Che spettacolo. A proposito, il partito dell'amore?

    Report

    Rispondi

  • ciuenlai

    25 Settembre 2011 - 19:07

    Cosa si aspetta ancora per capire che è necessario andare a votare? "Il popolo è sovrano" dichiarano spesso alcuni esponenti del Pdl. Se fossero coerenti capirebbero che quello stesso popolo, alla luce di quanto è successo, che non è poco, merita di pronunciarsi rispetto ad un momento cosi delicato. Soprattutto per rispetto di coloro che hanno votato PDL. Il resto è brama di potere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog