Cerca

Fini fa il conto alla rovescia "Manca poco e si va alle urne"

Il presidente della Camera si prepara: "L'asse Berlusconi-Bossi non può più rappresentare il centrodestra"

Fini fa il conto alla rovescia "Manca poco e si va alle urne"
Dall'alto del suo scranno imparziale di Montecitorio, il presidente della Camera Gianfranco Fini ci vede lungo. Il leader di Fli, per esempio, riesce ad intuire la caduta del governo: "Non passerà molto tempo prima che si torni alle urne", si abbandona al vaticino ad Agrigento, durante un convegno futurista. "L'asse Berlusconi-Bossi - ha spiegato Fini - non può rappresentare il centrodestra". Ci vede talmente lungo da intravedere il futuro del centrodestra italiano, che presumibilmente girerà intorno a Fini, Casini e quel che resterà del Pdl. Naturalmente senza il Cavaliere e il Senatùr. E pazienza se Berlusconi abbia assicurato di non aver intenzione di dimettersi se non in presenza di un voto di sfiducia. Ma in attesa di manovre di Palazzo Fini parla già al segretario Angelino Alfano. "Cosa aspetta a dire a Bossi che le sue parole sono intollerabili? So che non la pensa diversamente da me, ma Alfano non ha libertà di farlo e deve ingoiare bocconi amari pur di mantenere la gestione del potere". In ultimo, l'affondo sulla "questione morale", che "deve essere affrontata con rigore. Ad esempio - ha concluso, che fine ha fatto la legge anticorruzione? E' stata dimenticata in un cassetto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • villiam

    28 Settembre 2011 - 11:11

    ma su fini che se si vota manco portinaio ti rivedono alla camera certo che l'avvenire te lo sei preparato,un appartamento a montecarlo vale una vita di lavoro per uno normale!!!!!!!!poi qualche amico fra i magistrati ce l'hai,forse ti danno la laurea onoris causa nel seppellire gli inciuci famigliari!

    Report

    Rispondi

  • encol1

    28 Settembre 2011 - 07:07

    La politica del dito alzato evidentemente non paga se è vero che i sondaggi danno FLI a o,6% - Mons. Bagnasco ieri ha lasciato un duro quanto preciso monito ai politici : occorre serietà, sobrietà, consapevolezza del ruolo- Vale per tutti anche per il gianfry. Gli italiani non hanno dimenticato l'affaire Montecarlo e le vergognose falsità conseguenti e successive. Occorre tornare lontano nel tempo per trovare la statura politica del conte di Cavour. Di certo i nostri politici faticano a sapere chi fosse ed ancor meno possono immaginare come iniziò la propria carriera questo grande della politica. Ai giorni nostri siamo veramente alla frutta . Le maggiori preoccupazioni sono: Un lauto stipendio + vitalizio, Cene al ristorante + inn, mogli e amanti ingioiellate, auto, viaggi e via di questo passo.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    27 Settembre 2011 - 19:07

    con rutelli sul filo dell'1 per cento....

    Report

    Rispondi

  • ziociro0

    27 Settembre 2011 - 18:06

    ma non si vergogna ? è vero che dopo tanti anni in politica il culo se lo mettono in faccia, per permettersi di parlare ancora ci vuole veramente un grande coraggio come quello che ha avuto nel tradire chi .........................

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog