Cerca

Videoeditoriale: "Il Pd è ridicolo"

Il vicediretore di Libero, Massimo De Manzoni: "La sinistra spera nella spallata, ma Bossi è troppo scaltro"

Videoeditoriale: "Il Pd è ridicolo"
Oggi si vota la sfiducia al ministro dell'Agricoltura, Saverio Romano. "E' comico osservare in questa vigilia dell'ennesima sconfitta che si prepara delle opposizioni, il loro agitarsi soprattutto nei confronti della Lega", commenta il vicedirettore di Libero, Massimo De Manzoni, nel suo videoeditoriale su LiberoTv. "Invece di prendersela con se stessi, si accusa il Carroccio di non essere più quello di una volta". Un fatto "francamente surreale". Perché, si interroga De Manzoni, "il governo dovrebbe votare contro un proprio ministro accodandosi alle opposizioni?". Il discorso sarebbe diverso se la mozione fosse stata pensata e presentata dalla Lega Nord, ma fino a prova contraria così non è.



Il vicedirettore di Libero, dopo le considerazioni di carattere politico, entra nel merito della vicenda giudiziaria, che lascia perplessi almeno quanto le grida che si alzano dai banchi delle opposizioni. Romano è infatti indagato per concorso esterno in associazione mafiosa a Palermo, "un reato che - prima anomalia - non esiste nel Codice penale italiano". Ma ce n'è un'altra, e ben più grossa, di anomalia: il pm, dopo otto anni di indagini, aveva chiesto l'archiviazione per il ministro. Ma "il gip ha rigettato l'istanza: una cosa che succede ogni morte di Papa, più o meno ogni sei o sette anni, e fatalità quando c'è di mezzo Silvio Berlusconi".

De Manzoni sottolinea con ironia come ora "l'urgenza della nazione è processare il ministro mafioso romano". E c'è infine un altro dettaglio che rende la vicenda ancor più inquietante: "Il processo è stato riesumato dopo otto anni in cui la Procura sostanzialmente dormiva. E' stato riesumato subito dopo che Romano, lo scorso 14 dicembre, ha contribuito a vanificare la spallata preparata da Fini, Bersani e poteri forti". E se aiuti il Cavaliere la devi pagare. Le opposizioni, conclude De Manzoni, sperano che "pronunciando le parole 'siciliano' e 'mafioso' scatti nella Lega una specie di riflesso pavloviano, e che votino in automatico. Ma per fortuna Bossi e i suoi sono molto più scaltri di così".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vgrossi

    28 Settembre 2011 - 21:09

    io ho copincollato un TUO scritto: se non hai citato la fonte è una fesseria tua, e lo scritto è, per i MOTIVI che ti ho detto, a parere mio una stupidaggine: non sono uso a jurare in verba magistri. Che tu non abbracci indagato=colpevole lo puoi dire, sono fatti tuoi, ma i tuoi scritti dicono altro, quindi regolati. Ma se non abbracci indagato=colpevole, e consideri che la vicenda in oggetto va avanti da 8 anni (! "almeno finche' non si faccia piena luce sui fatti"...) non ti viene qualche dubbio ? scrivi "Ma visto che tutto questo non accade è inevitabile chiedere la sfiducia verso un indagato" è inevitabile ? ne sei certo ? inevitabile o comodo ? ma se è comodo polticamente dove sta la inevitabilità al di fuori dei riti della casta ? Io credo che tu sia bipartisan, onestamente, ma questo non esenta dal ragionare. Guarda che una cosa è la casta, un' altra il Parlamento. Fra un parlamento delegittimato e quattro mariuoli sfuggiti tu cosa preferisci ?l' acqua è sporca, ma il bambino ?

    Report

    Rispondi

  • raucher

    28 Settembre 2011 - 18:06

    Lei ha indubbiamente ragione , in particolare ci sono un paio di parlamentari particolarmente suscettibili , famosi per la quantità di denunce , anche se uno di loro è noto per insultare quotidianamente . I malcapitati dovrebbero adottare lo stesso metodo nei suoi confronti e non si capisce perchè subiscano in silenzio. Comunque , leggendo i giornali di questi tempi , le offese fioccano a raffica.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    28 Settembre 2011 - 17:05

    se la prende con la Lega? La insultano tutti i giorni , vedi Di Pietro oggi , quindi non si vede per quale motivo la Lega dovrebbe dare una mano in una storia poco chiara di indagini durate OTTO anni e concluse con richiesta di archiviazione. Se la prendano con la magistratura.

    Report

    Rispondi

  • Elviatar

    28 Settembre 2011 - 17:05

    Vai Alvit facciamo a chi ha più conoscenze mafiose per giustificare l'ingiustificabile.....Travaglio e Di Pietro possono pure marcire in gattabuia o crepare domani mattina per quel che mi garbano....ora posso ritenere Romano in odore di mafiuccia e quindi impresentabile a rappresentare gli italici beoti ???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog