Cerca

Silvio: "Io penso alle riforme, gli altri alla mia poltrona"

Berlusconi: "Decreto sviluppo entro metà ottobre". "Mi interessano i problemi veri, non la legge elettorale. Il resto è teatrino"

Silvio: "Io penso alle riforme, gli altri alla mia poltrona"
La crescita viene prima di ogni polemica giudiziario-mediatica. Lo ribadisce in una nota il premier Silvio Berlusconi che pone l'accento sullo sviluppo. Contro la crisi "governo e maggioranza stanno lavorando a un nuovo decreto legge, con misure concrete ed efficaci che ridiano fiducia ai cittadini, alle famiglie e alle imprese. Lo presenteremo entro la metà di questo mese, come ci siamo impegnati a fare". Un problema concreto, che incide sulle tasche dei cittadini e sul futuro del Paese. Per questo Berlusconi accantona ogni altro punto sull'agenda. "La riforma del sistema elettorale non è materia sulla quale mi sto esercitando. Le riforme che mi interessano in questo momento sono quelle del fisco, della architettura istituzionale, della giustizia, che sono il completamento delle riforme attuate in questi tre anni".

"Teatrino mediatico" - Per portare a termine il programma di governo, il Cav ha anche rinviato la sua partecipazione a Porta a Porta, il salotto televisivo condotto da Bruno Vespa che sarebbe dovuto andare in onda in diretta in prima serata mercoledì su Raiuno. Tutto saltato per "sopraggiunti impegni di governo", spiegano da viale Mazzini. Tutto saltato, sottintende Berlusconi, perché si deve "lavorare presto e bene in Parlamento". Dove, ripete il premier, "sarebbe auspicabile un contributo fattivo dalle opposizioni, se pensassero davvero al bene comune e non solo alla mia poltrona di premier". Polemiche montate ad arte dal "teatrino dei media - attacca il presidente del Consiglio - che confonde e demoralizza la gente". E che purtroppo - incalza - va in scena tutti i giorni sui quotidiani, nelle tv e on line".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcopoz

    05 Ottobre 2011 - 16:04

    Un po' come quei cartelli che si leggono in certi bar di periferia: Domani si farà credito, oggi no! E' da quando è al governo che pensa alle riforme che farà entro la settimana prossima, non questa. B A S T A e basta anche con il decreto contro le intercettazioni, bisogna farlo, d'accordo MA NON E' IL PUNTO DI PARTENZA, ci sono cose più urgenti, da pensare e fare adesso. Se questo governo, preso atto che è stato il peggiore della storia d'Italia, non ritiene sia il caso di darci la possibilità di farne un altro (ma ne va della loro sopravvivenza politica), che provi davvero a prendere almeno una, dicasi una, qualsiasi decisione intelligente.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    04 Ottobre 2011 - 13:01

    Dal tuo commento si evince che non capisci niente di mobili, eppure era logico pensare,che io da un clineti non porti mobili tarlati, ma nuovi.Come sempre girate la frittata a vostro uso e consumo.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    04 Ottobre 2011 - 12:12

    intanto, il mobile tarlato lo butto in discarica. Dopodiché qualcosa troverò, magari anche dall'Ikea: sarà sempre meglio, meno dispendioso e meno pericoloso.

    Report

    Rispondi

  • uffa

    04 Ottobre 2011 - 09:09

    Aspetto ancora di vedere risolto un problema vero dal cav.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog