Cerca

Maroni: "Non tifo per le urne"

Il ministro smentisce i retroscena di stampa dopo la sua apertura sul referendum elettorale: "Frutto della fantasia di chi interpreta"

Maroni: "Non tifo per le urne"
A smentire i retroscena che hanno riempito le pagine della stampa italiana negli ultimi due giorni ci pensa il diretto interessato, Roberto Maroni. "Sono tutti retroscena infondati", taglia corto il ministro dell'Interno commentando le ricostruzioni di chi, dietro le sue parole sul referendum, ha letto un parere favorevole (anzi, una spinta verso) il voto anticipato. "Le interpretazioni - ha aggiunto il titolare del Viminale - sono frutto della libera fantasia di chi interpreta". Lasciando la sede del partito a Milano, in via Bellerio, ha continuato: "Io ho detto un'altra cosa, ho parlato solo del referendum. Io ho detto solo quello che ho detto". Maroni, infine, non ha voluto commentare le parole di Umberto Bossi, che ha tuonato contro le "troppe persone che nella Lega parlano a vanvera". Possibile, nelle parole del Senatùr, un riferimento proprio a Maroni. "Tutto bene, tante belle cose", ha tagliato corto il ministro dell'Interno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    03 Ottobre 2011 - 19:07

    a pensare male ci si indovina quasi sempre........! La "difesa" di Maroni appare debole. Forse, avendo fatto bene agli Interni, pensa di poter passare a fare il capo del governo. Mah....... Comunque è evidente che tra i "discepoli" di Silvio c'è già il Giuda pronto a venderlo...............

    Report

    Rispondi

blog