Cerca

Cuor di Marina: "Mio padre non mollerà"

La presidente di Fininvest spiega le ragioni dell'esposto contro il risarcimento alla Cir, e precisa: Silvio non lascia per l'amore che ha per la democrazia

Cuor di Marina: "Mio padre non mollerà"
 "Mio padre non deve assolutamente mollare e non mollerà" soprattutto "per il rispetto e l’amore che ha verso la democrazia", che "non si può piegare alle trame di qualche Procura e di qualche redazione". Dalle pagine del Corriere della Sera Marina Berlusconi, presidente di Fininvest, spiega le ragioni dell'esposto presentato al ministro della giustizia e al procuratore generale della Cassazione che segnala un'anomalia sul maxi-risarcimento di luglio alla Cir per la vicenda del Lodo Mondadori. "Altro che leggi ad personam, qui siamo alle sentenze ad personam, al diritto cucito su misura: quando ci sono di mezzo mio padre o le nostre aziende spuntano addirittura principi giurisprudenziali inediti e totalmente innovativi. Peccato che siano principi inesistenti, nati dal talgio di una frase addirittura sostituita da puntini di sospensione e dalla mancata citazione di altre".

E assicura: "Mio padre non mollerà, la democrazia non può piegarsi alle Procure". E argomenta: "Qui non si tratta di interpretazioni, questi sono dati di fatto. Sono scomparse frasi intere di una sentenza della Cassazione". Il taglio e l’omissione "di alcuni passaggi", continua, "ribalta totalmente la tesi della Cassazione con la conseguenza che noi dobbiamo firmare un assegno da 564.248.108,66 euro. Le carte sono lì, basta confrontare i testi sul sito della Fininvest. Incredibile, ma vero". Quindi ripercorre le tappe del processo dalla sentenza del '91 della corte d’Appello di Roma, quella che dava torto a De Benedetti, e sentenzia: "La vicenda si concluse con una transazione impostaci dalla politica che De Benedetti accettò entusiasticamente, come dimostrano le sue dichiarazioni di allora, senza neppure ricorrere in Cassazione e ci credo che fosse soddisfatto". E affonda il tiro: "Ormai contro mio padre siamo alla barbarie legalizzata: si inventano inchieste a ripetizione su reati inesistenti e senza vittime solo per fabbricare fango. Poi il fango fabbricato viene palleggiato tra una procura e l’altra e infine riciclato.. Il processo, con relativa inevitabile condanna, lo si celebra sui media". E sulle intercettazioni: "Credo che raramente si sia assistito a un tale spettacolo di inciviltà. Altro che bavagli: ma davvero qualcuno può credere e sostenere che si può continuare così?". E a chi cita Strauss-Khan, Marina Berlusconi risponde: "Mio padre non ha mai fatto assolutamente nulla di male e vedere il modo in cui cercano di

sfregiarlo, per chi come me lo conosce davvero e sa davvero com'è, è ogni volta un pugno nello stomaco. E’ uno di quegli uomini rarissimi che ha sempre saputo far coincidere la realizzazione di se stesso e dei propri obiettivi, la creazione di opportunità per sè con la creazione di opportunità e di benessere per gli altri". Conclude passando all’attuale situazione politica nel contesto della crisi globale: "Mio padre non deve assolutamente mollare e non  mollerà" soprattutto "per il rispetto e l’amore che ha verso la democrazia", che "non si può piegare alle trame di qualche Procura e di qualche redazione".

 "Persecuzione? Non avevo dubbi sul   fatto che si trattasse di una sentenza politica, ora si scopre su che   cosa si basa! Non tiro conclusioni, ma veda lei... Purtroppo la   verità è che parlare di persecuzione non è più sufficiente. Ormai   contro mio padre siamo alla barbarie quotidiana legalizzata". Lo   afferma la presidente di Fininvest, Marina Berlusconi, in un passaggio  della lunga intervista rilasciata oggi al "Corriere della Sera" in cui  spiega perchè ha presentato un esposto su un’anomalia determinate   nella formulazione della sentenza che ha portato la Cir a incassare   564 milioni come risarcimento per la vicenda Mondadori.   "Certo, -prosegue la presidente di Fininvest- mi ha molto   turbato leggere articoli di informatissimi notisti politici in cui si   considera come un dato scontato che questa aggressione furibonda possa  mettere in discussione la sua libertà personale, il futuro delle sue   aziende e addirittura la sua incolumità. E nessuno fa un salto sulla   sedia? Sì, barbarie quotidiana legalizzata, ma assolutamente   illegale".
   "Si inventano inchieste a ripetizione su reati inesistenti e   senza vittime solo per fabbricare fango. Poi il fango fabbricato - continua Marina Berlusconi- viene palleggiato tra una Procura e   l'altra e infine riciclato. Il processo, con relativa, inevitabile   condanna, lo si celebra sui media. Quello in aula, se si farà e come   finirà non interessa più a nessuno. So bene, e ci tengo a ripeterlo,  che dietro tutto questo c'è solo una minoranza di toghe, che la   magistratura come istituzione merita il massimo rispetto. Ma il   risultato non cambia. E mi chiedo che cosa tutto ciò abbia a che fare  con la giustizia, con l’informazione, con un Paese che si considera   civile".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • igna08

    06 Ottobre 2011 - 16:04

    Correggo il mio precedente commento che non era indirizzato a -marinata- ma a --deni...98-

    Report

    Rispondi

  • perfido

    06 Ottobre 2011 - 14:02

    Se ti evitano le "mostruosità" delle foto di Marina, tu potrai occupare quello spazio con una delle tue, e se vuoi anche della tua famiglia?. Non si accettano foto con facce da c...- Saluti.

    Report

    Rispondi

  • igna08

    06 Ottobre 2011 - 10:10

    Marinata, ti rendi conto delle scempiaggini che hai scritto ? ma sopratutto il desiderio che Mediaset possa chiudere con le migliaia e migliaia di persone che restano così senza lavoro . Non si possono leggere certe cose, questo è odio è veleno allo stato puro.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    06 Ottobre 2011 - 09:09

    Scusi, ma non ho spiccioli!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog