Cerca

Intercettazioni alla Camera: è sfida sulla fiducia

Il ddl sarà mercoledì alla Camera. Il centrodestra arriverà compatto al voto sul provvedimento?

Intercettazioni alla Camera: è sfida sulla fiducia
Il ddl sulle intercettazioni telefoniche da domani sarà all’esame della Camera con un interrogativo: si ricorrerà o meno alla fiducia? Fabrizio Cicchitto, capogruppo Pdl, prova a dare segni di compattezza alla maggioranza: «La fiducia sarà evitata». Ma soltanto «se si presenterà la possibilità di una dialettica sul tema». Vale a dire: se il centrodestra arriverà compatto al voto sul provvedimento che mette un freno alla possibilità di pubblicare le intercettazioni autorizzate dai magistrati, nemmeno sotto forma di riassunto, e che prevede anche il carcere per i giornalisti.

Il destino del provvedimento, che ha spinto alle dimissioni Giulia Buongiorno (Fli) dall’incarico di presidente della commissione Giustizia, si conoscerà al massimo venerdì. Due, infatti, i giorni in calendario per il voto al ddl che, in caso di mancato accordo, spianerebbe la strada al voto di fiducia. Per questo quella di oggi sarà una giornata cruciale per il neo-presidente della commissione, Enrico Costa, alle prese con incontri e trattative allo scopo di evitare la fiducia, aprire al Terzo polo e a qualche deputato scontento. Il diktat è di evitare tensioni, anche alla luce del “processo breve” che la settimana prossima sarà all’esame della commissione Giustizia del Senato e che, in caso di approvazione veloce, potrebbe avere come primo effetto quello di  liberare il premier dall’accusa di corruzione nel caso Mills. Nonostante tutto, però, sono in molti a temere che alla Camera non tutto possa filare liscio. Si teme, infine, anche il giudizio del presidente della Repubblica, che potrebbe bocciare un provvedimento bollato da tempo come “legge bavaglio”.

di Tiziana Lapelosa




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vittorio.desarro

    11 Ottobre 2011 - 10:10

    Speriamo che questa volta si vada fino a fondo

    Report

    Rispondi

  • curcal

    11 Ottobre 2011 - 09:09

    sacrosante ed indispensabili. Con il limite di diffusione di solo quelle che, raccolte dai PM, vengono ammesse agli atti dal GUM. Onde evitare la solita fuga di notizie il cui colpevole (al solito) non sara mai individuato, sono ancor più indispensabili provvedimenti disciplinari per gli addetti ai lavori ed altrettanta rigidità per colo ro che, commettendo reato, le pubblicano. Questo non significa "bavaglio" ma ri spetto della personalità e serietà ed impegno nella conduzione delle indagini. Il processo mediatico dev'essere parallelo a quello giudiziario.

    Report

    Rispondi

  • cioccolataio

    11 Ottobre 2011 - 08:08

    Non i provvedimenti per lo sviluppo, rimandati di settimana in settimana, non misure per i giovani, non un nuovo contratto di lavoro, non liberalizzazioni, non modernizzazioni, no, infine ad una organica e condivisa riforma della giustizia, ma stop alle intercettazioni, anche se rese pubbliche e processo breve per salvare Berlusconi dal processo Mills. Queste le precedenze del Governo. Mi chiedo come possa ancora esserci qualcuno che, in buona fede, pensi che questo governo sia insostituibile e, in fondo, il meno peggio. Ma non vedete la semplice realta'?

    Report

    Rispondi

blog