Cerca

Quella visita "politica" al Colle Facebook sbugiarda Gianfry

Sulla sua pagina Fini svela il motivo della salita al Quirinale. Un'agenzia riprende la frase, lui smentisce... e toglie il post

Quella visita "politica" al Colle Facebook sbugiarda Gianfry
Facebook frega Gianfranco Fini. Non si scappa ai social network, soprattutto se si prova a porre una pezza peggiore del buco. Lo ha scoperto una volta di più Gianfranco Fini. Poco prima delle 13, sulla sua pagina di Facebook, il presidente della Camera annunciava:"Nel pomeriggio salirò al Quirinale per spiegare come sia diventato difficile, vista la situazione in cui versa la maggioranza, garantire il normale andamento dei lavori parlamentari". Un incontro, quello con Napolitano, presentato dunque non tanto come una missione istituzionale in rappresentanza dei capigruppo quanto come un faccia a faccia politico. Il capogruppo del Pdl Cicchitto, in Aula, chiede conto di quella frase ripresa da un'agenzia e il presidente Fli ha spiegato che avrebbe fatto rettificare l'errato lancio di agenzia. Il guaio è che i social network, come detto non mentono. Lo staff di Fini, infatti, la frittata l'ha combinata anche su Twitter postando lo stesso messaggio intorno alle 14.30 con tanto di link alla pagina di Facebook. Piccolo particolare: il link porta ad una pagina inesistente perché, resisi conto della figuraccia, gli uffici stampa di Gianfranco hanno cancellato con un po' di ritardo il post su Fb. Un ultimo sberleffo a Gianfry arrivava da un commentatore: "Onorevole presidente, lei mentre presiede la Camera smanetta su Facebook?".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Antony36

    13 Ottobre 2011 - 14:02

    Fini si è rivelato un politicante vile, falso e senza dignità. Non aveva giurato sulla sua parola che, qualora il fratello della sua compagna fosse risultato proprietario della casa di Montecarlo, che una contessa di provata fede missina aveva donato al partito per "la buona causa", si sarebbe dimesso da presidente della Camera? Ebbene, ormai i fatti hanno chiarito da tempo la verità, ma lui, carrierista politico, da quella poltrona non si è per nulla staccato. Che valore ha la sua parola? Come potremmo dargli fiducia per il futuro? Forse un furfantello qualunque avrebbe avuto un po' più di ritegno! Qualche rimorso? Si, per il voto qualche volta datogli!

    Report

    Rispondi

  • ego1

    13 Ottobre 2011 - 08:08

    Lei preso com'è dall'odio antiberlusconiano, continua a sciorinare impressionanti banalità demagogiche. Ma lei crede veramente che un Bersani, un Di Pietro, un Vendola, una Bindi, un Franceschini, saprebbero creare posti di lavoro per i giovani? Ma lei crede che le suddette persone farebbero improvvisamente emergere dalla crisi l'Italia, mentre il resto dell'occidente affonda? Piuttosto l'articolo metteva in rilievo il grave e sostanziale vulnus alla Costituzione di un buffonesco presidente di Camera che si reca dal Capo dello Stato per consumare la sua personale vendetta verso B., senza che il suddetto Capo dello Stato lo prenda a calci nel sedere. Queste sono le vere violazioni antidemocratiche!!! Altro che le feste private o i presunti bunga bunga!!!

    Report

    Rispondi

  • 22101938

    13 Ottobre 2011 - 08:08

    E come potete pensare che quel sub di Fini possa azzecarne una.Vedrete che oggi, nel mentre parlerà Berlusconi alla Camera, il sub per antonomasia uscirà dall'aula come tutte le opposizioni.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    13 Ottobre 2011 - 08:08

    ci spieghi, emerito genio saccente della sinistra oltranzista, come mai si dedica a queste cosucce da lavandaia o meglio da gossipari, inerenti alle figure porche che continua a fare il "fu presidente della camera"(in quanto riconosciuto solo da voi sinistri) e non ci racconta come stanno andando gli interrogatori di quella brava persona di " spennati", ladro gentiluomo in quanto ruba per sostenere il partitino. Ci dica come mai i verbali sono stati segretati e come mai il vostro scribacchino del copia incolla, travagliato, non li ha ancora pubblicati sul falso quotidiano.Se al posto del galantuomo ci fosse stato il Cav. a quest'ora tutti i giornalini della sinistra del mondo, li avrebbero avuti in copia. Per quanto riguarda le porcate pugliesi, le ricordo che tedesco, e' uno di voi, che tarantini si accompagnava nottegiorno con baffetto trinchetto, e i favori di signorinelle le faceva anche a voi "porcelloni" della sinistra. S'informi cosa procurasse a ventola al posto delle ochette.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog