Cerca

Prestigiacomo contro Tremonti "Troppi tagli al mio ministero"

Il ministro per l'Ambiente si ribella al nuovo ddl stabilità: perdero il 90% delle risorse, non lo voterò né in Consiglio dei ministri nè in Aula

Prestigiacomo contro Tremonti "Troppi tagli al mio ministero"
Sui provvedimenti economici si è ormai arrivati alla rissa. Con mezzo governo infuriato contro Giulio Tremonti al punto, come ha fatto Stefania Prestigiacomo, di annunciare il voto contrario sulla legge di stabilità sia in Consiglio dei ministri sia in parlamento. Nessun sostegno, ha tuonato in serata, ad un testo che «di fatto cancella il ministero dell’Ambiente». Per nulla contento di come si stanno mettendo le cose è anche Paolo Romani, che nella bozza del ddl che continua a circolare tra i ministeri si è visto tagliare con un colpo netto la bellezza di 800 milioni che avrebbe voluto destinare al progetto della banda larga. Decurtazione a cui si aggiunge la minaccia di pesanti (ed aggiuntive rispetto ai 7 miliardi complessivi che riguarderanno tutto il governo) riduzioni di budget per il suo dicastero. Operazione che diventerebbe possibile sempre grazie ad una norma inserita da Tremonti nel ddl stabilità per punire i ministri che non rispettano i suoi obiettivi di spesa.

Dopo una giornata (quella di mercoledì) passata a lavorare in silenzio per le vie diplomatiche nel tentativo di raddrizzare le misure punitive contenute nel testo, ieri il responsabile dello Sviluppo economico, che nel corso del Cdm ha preteso lo slittamento del ddl alla riunione di oggi, è sbottato. Sottrarre risorse alla banda larga, ha tuonato Romani, rappresenta «un grave danno al settore delle tlc e all’Italia». Il ministro fa capire di non essere solo a combattere. «Come ampiamente condiviso dai gruppi parlamentari di maggioranza», ha proseguito Romani, «è necessario garantire, anche sul fronte delle tlc, la continuità degli investimenti e della crescita». Quanto a trattamento di favore, la Prestigiacomo non sta davvero messa meglio.  Secondo gli ultimi dati delle tabelle che circolano, con i tagli il ministero per l’Ambiente passerebbe da un bilancio di 1 miliardo e 650 milioni del 2008 a un totale di 444 milioni nel 2012, di cui 320 milioni solo di spese fisse tra stipendi e altro. Il risultato è che nel 2008 il ministero poteva spendere per le bonifiche, i parchi, la riduzione delle emissioni di Co2, ecc oltre 1 miliardo e 300 milioni, mentre nel 2012 potrebbe spendere per le stesse cose non piu di 120 milioni di euro con un taglio pari al 90 per cento.
L’aria non è migliore sul fronte del dl sviluppo. Ieri in aula Silvio Berlusconi ha promesso che il governo «terrà conto dei suggerimenti» chiedendo ai parlamentari di «far pervenire le suggestioni che ritengono positive». Più che suggestioni, però, si vedono bastonate che volano senza tregua. Tremonti vuole un dl a costo zero? «È il Cdm a decidere», gli ha risposto secco il ministro degli Esteri, Franco Frattini, aggiungendo che «il decreto sviluppo non può essere a costo zero». Il provvedimento, ha spiegato, «avrà una parte con degli oneri e bisogna trovare le coperture». Mentre ci si azzuffa ormai su ogni cosa che riguardi via XX settembre, si dice che il premier abbia trovato la quadra sull’affaire Bankitalia. La soluzione non piacerà  a Tremonti. L’idea, infatti, sarebbe quella di piazzare il dg Fabrizio Saccomanni alla guida di Via Nazionale e di intervenire  anche sul direttore generale, Vittorio Grilli, sostituendolo con Lorenzo Bini Smaghi. Uno scenario al vetriolo, tutto da verificare.

di Sandro Iacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • limick

    15 Ottobre 2011 - 07:07

    Tutti gli altri continuano a fare finta di niente come se dopo l'assalto alla diligenza avessero lasciato qualcosa... cara Prestigiacomo ma lei un bilancio famigliare sa come affrontarlo???

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    14 Ottobre 2011 - 16:04

    che negava i tagli si è accorta dei tagli. E' rinsavita o ha smesso vedere il TG1?

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    14 Ottobre 2011 - 11:11

    con più sono incapaci e valgono niente con più alzano la cresta. Dimezzare subito i parlamentari e a casa gli incapaci preteniosi.

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    14 Ottobre 2011 - 11:11

    La Prestigiacomo ci vuol far intendere che lei tiene a cuore le sorti dell'ambiente o che lei stessa in consiglio dei ministri ha voce nelle varie decisioni..diceva il grande TOTO': mi facci il piacere!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog