Cerca

Bersani suicida coi radicali. Per Pannella "Pd in malora"

Il segretario del Pd: "Governo morirà di fiducia". Parla, ma ha perso. Ha rotto con Pannella e ora non ha più né idee né prospettive: lasci

Bersani suicida coi radicali. Per Pannella "Pd in malora"
E ora cosa dirà Pier Luigi Bersani? Rosy Bindi se l'è presa con i radicali, che hanno votato alla prima chiama facilitando il raggiungimento del numero legale e dando indirettamente una mano al governo. Colpa di Pannella (che nel frattempo, intervistato da Libero, sentenzia: "Il Pd? Sta andando in malora")? No, colpa proprio del segretario democratico che ha premuto il piede sull'acceleratore dell'intransigenza rompendo forse definitivamente con i radicali. La prova? Prima le parole di Marco Pannella, che l'ha presa con ironia ("Meglio i radicali liberi, sono ricchi di enzimi") per poi picchiare duro: "Bersani sta mandando il Pd in malora". Quindi la reazione dei deputati che il Pd ha arbitrariamente e categoricamente messo "fuori dal gruppo". Un'estromissione che ha dato il frutto amaro del voto a Montecitorio, in piena autonomia. "Per coerenza i democratici dovrebbero dimettersi". Un po' quello che invitava a fare un Ignazio La Russa su di giri a Otto e mezzo, mercoledì sera.


Evitato da tutti - Dopo il verdetto della Camera, l'uomo di Bettola prova a far finta di nulla e anzi, quasi quasi, canta vittoria. "Il governo oggi ha avuto un voto al ribasso e morirà di fiducia", annuncia il segretario prima di spararla grossa: "L'alternativa in questi giorni si è rafforzata". In attesa della piazza ("Noi continueremo la nostra battaglia, come abbiamo fatto in modo incisivo con la manifestazione nazionale a Roma del 5 novembre"), Pier Luigi incassa la botta del rottamatore Matteo Renzi. Atteso alla manifestazione del Pd nella sua Firenze, il sindaco ha cortesemente rifiutato di salire sul palco insieme a Bersani mandandogli un sms e spiegando che non sarà della serata perché oggi è il compleanno di suo papà. Più che una scusa, una mazzata.

Pannella ironico - "Non possiamo fare di mestiere quelli che salvano i carcerati e i Democratici. Sono riusciti a ragalare di nuovo al povero Berlusconi un altro successo". E' ancora più ironico di qualche ora prima il commento post-voto di Marco Pannella. "Sospetto che ci sia del masochismo. Anche quando l'altro è ridotto a polpette, quelli che sono mangiati sono loro", attacca i democratici, che non invidia affatto: "Se ci tengono a essere totalmente dipendenti dalla loro mediocrità, facciano pure".

Cattivo stratega - Visto che, dopo l'ennesima fiducia incassata dal premier, il Pd ha avuto la riprova di non riuscire a ribaltare, voti alla mano, il governo, forse è Bersani a dover trarre una conclusione: come stratega Pier Luigi non vale molto, considerata la rottura coi radicali. E dunque? "Bersani si deve dimettere", parafrasando l'ormai trito refrain del segretario. Un ultimo dubbio: dimettersi da cosa, visto che in mano gli è rimasto poco o niente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spacchio

    15 Ottobre 2011 - 12:12

    scusate ma vi rendete conto che state esaltando un governo che, tanto per dirne una, nei prossimi due anni ha previsto 60 milioni di tagli alle spese per la tanto sbandierata sicurezza? ma possibile che per voi quello che conta è che vinca berlusconi a prescindere, senza MAI entrare nel merito delle cose? non basta dire che la sinistra italiana è una porcheria per sostenere questo governo, che sta facendo dei disastri che sono tutti i cittadini a pagare. e a voi fa piacere che berlusoni vince e fini e bersani rosicano? ma siete capaci di pensare in maniera più adulta e non secondo una logica da tifoseria? a leggere questi commenti mi sembra di leggere le cose che dicono i ragazzini di 10 anni quando vince la propria squadra del cuore.

    Report

    Rispondi

  • allanemadapalla

    15 Ottobre 2011 - 08:08

    "MMMMMMMM"... rosi bindi è quììììììììì ! ! !

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    15 Ottobre 2011 - 00:12

    e non è finita qui...... dopo i radicali arriverà - alle spalle, si fa per dire - Vendola ..... comunque complimenti alla Bindi e al suo "stronzi" : una sorpresa inaspettata! Un po' di volgarità a volte non guasta, anche se, da chi ha sempre criticato la volgarità segnandosi con la croce come le suore Orsoline del Sacro Cuore, non me lo sarei mai aspettato. Fosse questa la novità del PD? Forza Bindi .. sei tutti loro!

    Report

    Rispondi

  • ottina

    14 Ottobre 2011 - 23:11

    ti andava bene quando i radicali si sono candidati con voi? Ma certo tutto fa brodo pur di vincere, ora invece gli dai degli stronzi? D'altronde voi siete abituati a maltrattare chi non vi asseconda più, un altro esempio? ma certo, scaiola, che per quanto mi riguarda potrebbe andare a quel paese, quando venne colpito dalla malasorte lo volevate crocifiggere, mentre adesso che è diventato un anti cav. lo esaltate, andate a nascondervi per sempre e vergognatevi di esistere, pagliacci tutti!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog