Cerca

Flavio Tosi assomiglia a Fini: tra Repubblica e Santoro

Il quotidiano elogia il sindaco leghista: "Voce libera che si oppone al pensiero unico". Poi lui paga il teletribuno

Flavio Tosi assomiglia a Fini: tra Repubblica e Santoro
Puntuale come un avvoltoio, Repubblica  si è appollaiata sulla spalla di Flavio Tosi, sindaco leghista di Verona. Accade ogni volta che il giornale di Ezio Mauro sente puzzo di insubordinazione, di grane interne al centrodestra: non vede l’ora di sobillare, ravanare alla ricerca della scintilla che scateni il pandemonio.  «Flavio Tosi si toglie il bavaglio», era l’incipit dell’articolo di Rodolfo Sala. La trama del racconto l’abbiamo già sentita: ecco l’eroico dissidente che si ribella agli autocrati Bossi e Berlusconi; ecco finalmente una voce libera pronta a opporsi al pensiero unico.

In effetti Tosi non ci è andato leggero. «Berlusconi si faccia da parte, ci vuole un nuovo governo», ha proferito. Ha spiegato che serve una maggioranza più ampia e solida, aperta ad altre forze  come l’Udc e, chissà,  Futuro e Libertà. Inoltre, vede la necessità di una «nuova premiership», magari di Alfano o Maroni. Più Tosi ripeteva che «Berlusconi  dovrebbe fare un passo indietro», più ribadiva che l’esecutivo è poco credibile e non ha la forza per governare, e più a Repubblica si eccitavano, osservando il fiume impetuoso d’acqua che affluiva al loro mulino disfattista. Chissà poi come hanno goduto (condividendo il piacere con i colleghi del Fatto) quando ieri il sindaco veronese ha versato un obolo a Michele Santoro, il quale da qualche giorno sta raccogliendo elemosine per sostenere la  nuova trasmissione Comizi d’amore. 

«Pur non condividendo le idee di  Santoro», ha detto Tosi,  «aderisco alla sua iniziativa sottoscrivendo 10 euro per l’associazione Servizio pubblico perché ritengo giusto garantire libertà di espressione anche per idee diverse dalle nostre». Bastano queste prese di posizione a trasformarlo  in un piccolo eroe degli amici progressisti, i quali ora non perderanno occasione per coccolarlo. La domanda, tuttavia, è se al sindaco convenga davvero incamminarsi su questa china. Già nei mesi scorsi si era profuso in elogi per il sindaco di Salerno De Luca (di centrosinistra). In giugno dichiarò di essere stato favorevolmente colpito dall’elezione di Luigi De Magistris a Napoli.  Ora scodella carichi più ponderosi.  Per Flavio Tosi, non lo nascondiamo, abbiamo sempre avuto una spiccata simpatia. Amministratore capace, attento alle esigenze reali dei cittadini, in  grado di esprimere il sentimento vero del popolo leghista senza fumisterie da Cerchio magico.  E - aspetto che non guasta -  giovane. Non ci spaventa il fatto che esprima opinioni  forti: il dissenso è una risorsa e se il centrodestra se ne fosse accorto qualche tempo fa, forse oggi avrebbe meno problemi. Tuttavia resta una preoccupazione, cioè che il primo cittadino di Verona  s’incammini su un sentiero impervio. Un tracciato un po’... finiano.

Gianfranco cominciò la sua parabola discendente esprimendo dubbi legittimi sul governo, poi cambiò rotta. Uscì de facto dal centrodestra,  s’impelagò in campagne che con la destra, per quanto moderata, non avevano nulla a che fare. Non è stato cacciato dal Pdl per il suo «dissenso», ma perché faceva il gioco della sinistra. Qui, attenzione,  non si tratta di essere fedeli alla linea. Siamo grati a Tosi se suona la sveglia, se pungola il governo affinché faccia il suo mestiere. Ma c’è bisogno  di foraggiare Santoro o di fornire a Repubblica carne da macellare? Così non si aiuta il centrodestra, semmai si rischia di renderlo più fragile.

Lo sappiamo, l’abbraccio mediatico è suadente. È piacevole farsi invitare nell’arena del santorino Corrado Formigli; è galvanizzante ricevere gli elogi di chi fino a ieri ti considerava un bifolco razzista. La stessa fascinazione l’ha subìta il presidente della Camera e pure  Tremonti non ne è rimasto immune. Ma a che prezzo?  Fini   perse per strada la gran parte dei suoi elettori. E quando i giornali non ebbero più bisogno di lui, lo scaricarono. Sappiamo che Tosi non è come il leader di Fli, vale molto di più. Auspichiamo perciò che continui a farsi sentire, ma prestando attenzione a corvi e avvoltoi. A Fla’, ricordate degli amici. E, soprattutto, dei tuoi elettori.

di Francesco Borgonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FOXINOGI

    02 Febbraio 2012 - 11:11

    A parte Bossi e qualcun'altro i leghisti si vendono un pò quà un pò là. Tosi ormai è diventato un soldatino agli ordini di Repubblica di Ezio Mauro, di De Benedetti che se lo girano per i loro scopi politici. Mi congratulo con sua moglie per la coerenza, cosa che suo marito non ha. I soliti leghisti che al bisogno hanno mangiato nel piatto di Berlusconi, finita la pappa lo hanno tradito.

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    16 Ottobre 2011 - 17:05

    Forza Flavio, avanti con il rinnovamento nella Lega

    Report

    Rispondi

  • jacky

    16 Ottobre 2011 - 15:03

    Ma l'avete visto ieri sera alla trasmissione condotta da Luca Telese e Nicola Porro "In Onda", su La7, parlava esattamente come Diliberto, su tutto era praticamente d'accordo con lui (patrimoniale, ecc...) Ma questo è un politico di destra? Dalla Lega ci si aspettava il federalismo non la patrimoniale (questa la può proporre solo la sinistra più estrema)

    Report

    Rispondi

  • carla11

    16 Ottobre 2011 - 11:11

    attento alle esigenze dei suoi concittadini? Sta per costruire un'autostrada in città, in una delle poche zone verdi rimaste a Verona, a pochi metri da scuole e ospedale, nonchè case

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog