Cerca

Danni per quattro milioni di euro Paghi la sinistra scesa in piazza

Il sindaco Alemanno fa la stima. Autobus, tram, strade e cassonetti: quasi due milioni. In più ci sono i privati. Comune parte civile

Danni per quattro milioni di euro Paghi la sinistra scesa in piazza
Danni alla città più quelli ai privati. Il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha provato a quantificare le devastazioni di sabato, provare a tradurre in una cifra i sanpietrini divelti, i mezzi bruciati, etc. Finora siamo a quota 1,6 milioni di euro. Ecco le voci che compongono il bilancio: 250mila sono riferibili ai trasporti (ovvero ad Atac, Agenzia per la Mobilità, Roma Metropolitane): i chilometri persi sono 27.000, e 20 (ma potrebbero aumentare) le telecamere per videosorveglianza in metropolitana rese inservibili.


Decoro urbano - Quanto al decoro urbano, Ama ha calcolato 50 cestoni in ghisa e 80 cassonetti distrutti, 3mila mq di scritte sui muri, oltre al costo per la movimentazione dei cassonetti spostati, dei bagni chimici e per la raccolta di 120 tonnellate di rifiuti: in totale un danno di 485mila euro. I danni più ingenti sono tuttavia quelli alle infrastrutture pubbliche, che ammontano a 800mila euro, stima che con ogni probabilità è destinata a salire: i sampietrini divelti sono 7000, pari a 20 metri cubi e 1.200 metri quadri; 30 i pali di segnaletica verticale divelti; in corso di quantificazione il costo dell’illumunazione pubblica, degli elementi di arredo urbano in ferro e dei lastroni dei marciapiedi distrutti. Infine, 80mila euro è il danno per le 3 garitte dei vigili urbani prese d’assalto dai black bloc e per una vettura di servizio della stessa municipale danneggiata.

Privati - Secondo la Confcommercio Roma i danni al patrimonio privato - per quanto riguarda le vetrine e i negozi devastati sono almeno di un milione di euro, In tutto sono almeno quaranta le vetrine andate in frantumi  Due milioni e seicentomila euro di danni circa.A questa cifra bisogna aggiungere i danni ala ex caserma di via Labicana che è stata incendiata: per un danno da 700mila euro. E poi ci sarebbero una trentina di auto danneggiate, soprattutto Suv, Audi, Mercedes, Bmw, per circa 500mila euro. Un totale di circa quattro milioni di euro. Una domanda: ma chi paga? Una proposta: mandiamo il conto ai politici che sabato erano in piazza, da Nichi Vendola a Luigi de Magistris...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ferro942

    18 Ottobre 2011 - 14:02

    Certamente che la sinistra paghi!!! Se io combino qualcosa che poi ad effetto causa danni a terzi, sono chiamato a risponderne. E perché questo non si applica agli organizzatori di cortei che finiscono male perché organizzati allo scopo di finire male e fare danni??? E perché la Sinistra fa solo casino e non paga mai???? Libertà di protestare non è libertà di danneggiare le cose altrui!!

    Report

    Rispondi

  • ferro942

    18 Ottobre 2011 - 14:02

    Certamente che la sinistra paghi!!! Se io combino qualcosa che poi ad effetto causa danni a terzi, sono chiamato a risponderne. E perché questo non si applica agli organizzatori di cortei che finiscono male perché organizzati allo scopo di finire male e fare danni??? E perché la Sinistra fa solo casino e non paga mai???? Libertà di protestare non è LIBERTA' DI DANNEGGIARE LE COSE ALTRUI!!!

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    18 Ottobre 2011 - 08:08

    Ha ragione Alemanno.Questi danni li dovrebbe pagare la sinistra in quanto organizzatrice di questa manifestazione ,quindi doveva provvedere ad un servizio d'ordine.La Camusso fa l'angioletto incolpando il governo.Chi ha gridato alla mancanza di libertà quando qualcuno ha proposto la chiusura dei centri sociali?La capa della CGL sa benissimo ,ed è quello che cercano loro,che se ci scappa il morto si riapre un altro caso Giuliani. Carlo Zani

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    17 Ottobre 2011 - 23:11

    ma lei dove vive, sulla luna? Quando mai è stato, non dico licenziato, ma anche solo redarguito un magistrato che ha lasciato libero un delinquente colto in flagranza di reato o, ancor peggio, fatto marcire per mesi o anni un innocente in galera? Quando mai il csm, presieduto dal compagno napoletano, ha mai punito un magistrato, se non trasferendolo in una sede migliore (vedi woodstock mandato a Napoli dopo tutti i guai che aveva combinato)? Questi delinquenti sono figli della stessa sinistra che armò gli studenti nel '68 e i terroristi degli anni '70. Cambiano i nomi e le sigle, ma sono sempre gli stessi delinquenti, quelli in piazza e quelli che ce li mandano. E non sono certo di destra!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog