Cerca

Maroni: "Si è evitato il morto" Perché Bobo non era a Roma?

Il ministro dell'Interno chiede condanne severe e ringrazia le forze dell'ordine. Ma lui sabato era a Varese, non nella Capitale...

Maroni: "Si  è evitato il morto" Perché Bobo non era a Roma?
Roberto Maroni attacca: poteva scapparci il morto, ringrazia le forze dell'ordine senza il cui impegno la protesta poteva ulteriormente degenerare, e dice: "Voglio che gli autori di queste violenze, veri e propri criminali, paghino in modo esemplare. Il Paese non può dividersi. Quanto accaduto "è un fatto di inaudita gravità che va condannato da tutti senza esitazioni" . Ma, ci chiediamo, perché sabato scorso il ministro dell'Interno non è rimasto a Roma ma ha preferito seguire gli scontri dalla sua casa di Varese?  Ha tenuto sotto controllo la situazione a centinaia di chilometri di distanza.   Domani il ministro riferirà in Parlamento illustrerà le iniziative che intendo assumere per evitare che quanto accaduto ieri possa tornare a ripetersi in futuro». «Il Paese - ha osservato il titolare del Viminale in una dichiarazione a Sky tg - non può dividersi di fronte alla violenza. Sabato e successo successo un fatto di inaudita gravità, va condannato da tutti senza esitazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • corto lirazza

    17 Ottobre 2011 - 16:04

    innanzitutto poliziotti e carabinieri tengono famiglia (molti si sono dedicati a quel lavoro perche' non ne trovavano altri), poi temo che con un ministro come maroni (ricordate l'invasione dei tunisini?) non si possa che fare di queste figuracce. Alla fine poi bisogna ricordare cosa farebbe la magistratura. Da noi si dice: "a sen mess mel" (siamo messi male...)

    Report

    Rispondi

  • antari

    17 Ottobre 2011 - 11:11

    E parlate male anche di Bossi ogni tanto -.-'

    Report

    Rispondi

  • Caninforato

    17 Ottobre 2011 - 10:10

    Una piccola testimonianza diretta: un mio conoscente residente in via Merulana ha assistito dal vivo all'inizio di alcuni disordini che tento di sintetizzare: dal suo balcone, al terzo piano, ha visto nettamente distaccarsi dal corteo un gruppetto di circa venti individui, che, indossati dei caschi che avevano in mano hanno iniziato a spaccare il bancomat e le vetrine della BPR lì difronte. Le persone che sfilavano hanno iniziato ad inveire contro costoro ed in molti (anche il mio conoscente) hanno tentato di chiamare il 113, 118 ecc. senza risultato. Solo dopo molti minuti e le insistenze dei manifestanti, un gruppo di carabinieri (fino a quel momento immobili!) con due furgoni sono intervenuti sparanto lacrimogeni e crendo il caos! Gente che scappava da tutte le parti, il corteo interrotto, i violenti ormai padroni della strada e che in mezzo a quella confusione hanno preso a spaccar vetrine, ecc. mentre i Carabinieri si limitavano ad andar avanti e indietro... Perchè?

    Report

    Rispondi

blog