Cerca

Timori di Gasparri: Governo? Sopravvivere sarà dura

Capogruppo del Pdl al Senato: "La sfida quotidiana è resistere". E Berlusconi? "Lavoriamo al dopo insieme a lui"

Timori di Gasparri: Governo? Sopravvivere sarà dura
Il governo in carica "ha il 51% di chance di sopravvivere". Lo afferma il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri, secondo il quale "il governo di tutti sarebbe una somma di veti, condannato alla paralisi". I numeri dicono che la maggioranza ha 316 voti: "Pochi - commenta Gasparri -. Vedremo se ci consentiranno di continuare. Sarà la nostra sfida quotidiana".

E Berlusconi? -  "E' il principio fondatore, senza di lui non staremmo qui a parlare. Lavoriamo al dopo assieme a lui. Il momento è delicato e richiede nervi saldi. Com'è stato il gollismo per de Gaulle, il suo più grande successo sarebbe un partito che gli sopravviva nell'arco di decenni". E in merito alle numerose correnti che si stanno creando nel partito: "Ben venga - replica Gasparri - il confronto sulle idee, la pluralità è una ricchezza. Ma va rifuggita ogni posizione individualista e velleitaria. Atteggiamenti scomposti allontanano gli elettori: si può  avere un partito senza correnti, mai visto un partito senza elettori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • benso_ergo_cavour

    17 Ottobre 2011 - 17:05

    Confesso di avere in cordiale antipatia Maurizio Gasparri. Troppe volte "ci ha fatto" in mala fede stuzzicando i pregiudizi faziosi della sua parte. E alzando pure i toni il marrano... Ma davvero non capisco come si sia guadagnata sta nomea di beato imbecille dal cervello annebbiato, che vedo ridondare anche in questi post. Rotassero bene come a lui le rotelle in tanti cervelli che lo criticano. Ha abilità dialettica come pochi. E' lucidissimo nel focalizzare gli argomenti. Sa SEMPRE trovare le parole per valorizzare il suo prodotto (anche il peggiore) ed è efficacissimo nel trovare l'espressione e i tempi giusti per imbarazzare l'avversario . Space dirlo ma al suo confronto un (ben più competente) Bersani fa la figura del pesce lesso dislessico. A me Gasparri sembra uno dei più svegli su piazza. Un affidabile panzer da combattimenti sporchi... Ce l'avesse l'opposizione uno così...

    Report

    Rispondi

  • lello1958

    17 Ottobre 2011 - 17:05

    Forse Gasparri ha ragione:il Govenro è quasi finito. S il PDL non vuole andar eincntro alla dossoluzioen elettroale deve almeno fare 4 cose prima di andare a votare: 1) approvare il decreto di rilancio 2) approvare i condoni 3) modifcare la legge elettroale introducendo solo il voto di preferenza 4) presenare la Legge di riforma costituzionale: ridurre il numero dei parlamentari, ridurre il n. delle province. Se fano almeno queste 4 cose si può rivincere per la semplice ragione che non si intravede dall'altra parte chi possa vincere!!! Se nemmeno queste cose si fanno allora meglio rassegnarci e non andare nemmeno alle urna e consegnare le chiavi direttamente a Vendola.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    17 Ottobre 2011 - 16:04

    Altrimenti noto come "sotto i capelli niente" ha recepito l'ovvietà che nel quotidiano lo sgoverno va in minoranza.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    17 Ottobre 2011 - 16:04

    per riportare l'Italia fra i Paesi normali occorrera' una profonda ristrutturazione con tagli impressionanti al pubblico impiego, agli ammortizzatori sociali , al servizio sanitario, alle pensioni. Non c'e' piu' trippa, signori: il Presidente Berlusconi si e' rotto le scatole. Che ci pensi la sinistra ad aumentare le tasse e provare a mantenere un popolo di mantenuti, ma adesso abbassiamo lo sguardo alla Grecia che pure e' fatta di gente con orgoglio: gli Italiani sono diventati un popolo di invidiosi viziati. I soldi dei tedeschi non basteranno se non si licenziano i mantenuti, non c'e' da scherzare. Che Dio ce la mandi buona. Ci siamo rialzati coi soldi degli Americani nel dopo guerra, potremmo rifarlo se non fosse che l'Italia e' cambiata in peggio e i Tedeschi non sono gli Americani (che nopn ci pensano nemmeno a pagarci i nostri vizi). Non c'e' proprio da scherzare. Per niente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog