Cerca

Silvio ha paura dei teppisti: "Vogliono farmi fuori"

Dopo la guerriglia nella Capitale, il premier teme i rivoltosi: "Sono dei pazzi. E la sinistra alimenta un brutto clima"

Silvio ha paura dei teppisti: "Vogliono farmi fuori"
Tornare nella capitale: non è che Berlusconi salti di gioia all’idea. Roma, sabato scorso, è stata teatro di una guerriglia urbana che ha molto turbato il Cavaliere. E gli scontri sono successi lì, a poche decine di metri da casa sua. «Se fossi stato presente, quei pazzi che hanno messo sottosopra una città avrebbero puntato dritto a Palazzo Grazioli, me li sarei trovati davanti al portone e...». E adesso Silvio vede a rischio la sua incolumità: «Temo per la mia vita, quelli mi vogliono morto». Berlusconi non ha dubbi sul vero obiettivo degli incappucciati: lui, mica i banchieri o la finanza. L’antiberlusconismo  è inculcato dalla «sinistra politica, giudiziaria, mediatica», quella che «lavora per distruggermi». In Italia si respira «odio e violenza» ed è l’opposizione «ad alimentare questo brutto clima». Sì, anche Di Pietro, che ieri chiedeva di inasprire le leggi contro i violenti: «Ma chi ci casca! È lui uno dei principali fomentatori degli estremisti». Oggi il premier deciderà sul giro di vite anti black bloc,  se procedere con un decreto come chiedono i suoi ministri. Nel frattempo, dopo la pubblicazione di altre sue telefonate con Lavitola, il premier è tornato alla carica: vuole la legge. Subito.  Silvio è indignato con l’opposizione che lo accusa di eversione («Ma quando mai, sono cose che ho detto in pubblico mille volte!) ed è furibondo con i giudici: «Bastava il dieci per cento delle intercettazioni che hanno fatto a me per stanare gli anarcoinsurrezionalisti e assicurarli alla giustizia prima che assaltassero Roma. Ma si sa come funziona nelle procure: non si perseguono i reati, l’unico obiettivo è Berlusconi...».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jacksony

    18 Ottobre 2011 - 21:09

    forse qualcosina hanno fatto i tagli alle forze dell'ordine ormai ridotte al lumicino, (tanto silvio ha le sue guardie del corpo personali e preferisce spender soldi nominando ministre le sue "ballerine private"), così ridotti in ranghi e mezzi non hanno potuto fare altro che circondare le sedi dei palazzi di Governo e Stato (l'unica difesa tecnicamente possibile) dovendo giocoforza abbandonare il resto della città !

    Report

    Rispondi

  • jacksony

    18 Ottobre 2011 - 21:09

    Non penso che ci sia troppo da preoccuparsi, a pensarci bene, loro sono contro il Sistema, e berlusconi non ne rappresenta che uno degli ingranaggi (forse nemmeno il più importante). Anzi finchè occuperà quel posto, loro saranno ben contenti, perchè incarna appieno (a torto o a ragione) il marcio e la decadenza del sistema medesimo. Da come la dice Berlusconi sembra quasi che confermi il fatto di ritenersi responsabile del penoso svilimento delle istituzioni e della crisi attuale, mentre, dal loro punto di vista, è esattamente l'opposto; la sua presenza ad una delle più alte cariche dello Stato non rappresenta che il sintomo di un sistema ormai a pezzi. Quindi dal loro punto di vista non hanno che da augurare cento e passa anni di lunga vita al Premier Silvio Berlusconi ! Gli conviene !

    Report

    Rispondi

  • rafaloca

    18 Ottobre 2011 - 16:04

    che centra distruggere la citta' e la proprieta' di gente qualunque??? Attaccate ministri e deputati, occupate il parlamento e palazzo chigi e poi avrete tutto il popolo con voi. Cacciamo ladri e corrotti dal paese!!! noi come i libici!!!

    Report

    Rispondi

  • spalella

    18 Ottobre 2011 - 15:03

    Se io fossi al posto suo, ed avessi paura dei violenti, mi renderei almeno ben accetto agli altri. Farei riforme, migliorerei la vita delle persone per bene, non farei pappa e ciccia con le lobbies, con i mon0poli economici, e cercherei di ricevere la protezione dei non violenti. Invece berlusoni dorme, e mentre dorme ha pure gli incubi.... è un misero, mi pena e pietà.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog