Cerca

Il centrodestra vince in Molise Terzo mandato per Iorio

Il medico chirurgo strappa la vittoria all'avversario di centrosinistra Paolo di Laura Frattura. I grillini conquistano un seggio

Il centrodestra vince in Molise Terzo mandato per Iorio
Michele Iorio ce l'ha fatta e, per la terza volta consecutiva, è presidente della Regione Molise. Ma per il medico chirurgo molisano è stata davvero dura: appena lo 0,79 per cento di differenza, 1.505 voti, il 46,94 per cento contro il 46,15 di Paolo Di Laura Frattura, fino a due anni fa nel Pdl e ora a capo della coalizione di centrosinistra.

A rendere incerta una rielezione che sembrava quasi scontata é stato certamente il voto disgiunto: il 12 per cento circa di chi ha votato i partiti del centrodestra non ha poi dato la preferenza a Iorio, dandola quasi sempre a Frattura, che ha riportato 87.637 voti personali contro i 72.807 della sua coalizione, mentre Iorio ha ottenuto 89.142 voti contro i 101.359 del centrodestra, del quale facevano parte anche l'Udc, in lista con il proprio simbolo (ha preso poco più del 6%), e una parte di Fli (il coordinatore regionale, Quintino Pallante, é nel listino di Iorio, mentre altri esponenti - tra i quali il capogruppo regionale, Tony Incollingo - sono candidati con Frattura).

Ottima la "performance" del Movimento 5 stelle che ha ottenuto il 5,60% dei voti e un seggio in Consiglio per il suo candidato presidente, Antonio Federico. Canta vittoria, anche se ha perso la guerra, Antonio Di Pietro: l'IdV con l'8 per cento circa è il secondo partito del centrosinistra, ma in alcuni casi ha toccato punte ragguardevoli, come a Montenero di Bisaccia, patria del suo leader, con il 35 per cento dei voti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    18 Ottobre 2011 - 21:09

    Vince perché plurindagato (regola Berlusconi)

    Report

    Rispondi

  • Uchianghier

    Uchianghier

    18 Ottobre 2011 - 16:04

    Quando il figlio di Di Pietro parlerà all'assemblea, cosa faranno i suoi sodali? Lo faranno parlare a porte chiuse come per il diploma per evitare che possa dire qualche cassanata?

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    18 Ottobre 2011 - 16:04

    A casa tua ti conoscono bene Di Pietro, o meglio Di Dietro, dove vigila Vendola. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • perfido

    18 Ottobre 2011 - 16:04

    Abbiamo frequentato normalmente la chiesa, fino alla fine di WOJTYLA. Adesso, non più; mio figlio ragazzo universitario, è stato chierichetto per un decennio, anche quando si è sposata la sorella, ha voluto presenziare all'altare, fin quando un giorno tornando a casa, esclamò: "basta, non voglio fare più il chierichetto, quel prete è proprio un comunista". Mi chiedevo sempre, dall'inizio del pontificato di Giovanni Paolo II, perchè quest'ultimo andava sempre in giro per il mondo; la risposta che mi davo era: "forse all'interno del Vaticano non si respira aria pulita", nonostante i bei giardini. Oppure, perchè anche lì dentro, esisterà la destra e la sinistra. Mi convingo sempre di più, che il Papa sia morto di crepacuore. Saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog