Cerca

Bossi insulta Tosi: vuole cacciarlo

Il Senatùr: "Uno stronzo, ci porta i fascisti". Il sindaco: "Ha frainteso". Ma a Varese il leader ha cenato con un ex di Storace

Bossi insulta Tosi: vuole cacciarlo
Umberto Bossi contro Flavio Tosi: «È uno stronzo. Ha tirato nella Lega un sacco di fascisti, cosa che non potrà essere sopportata per molto. Abbiamo altri progetti». Poi alza il solito dito medio pensando al sindaco di Verona. Il leader reagisce così, in modo brutale, all’intervista che il primo cittadino ha concesso alla trasmissione radiofonica «La Zanzara»: Tosi aveva confermato, tra le altre cose, il disagio della Lega per alcune scelte «da voltastomaco» del governo. Il sindaco risponde: «Spiace che Bossi abbia frainteso le mie dichiarazioni e lo invito ad ascoltare per intero la registrazione, durante la quale ho difeso lui e il nostro movimento». E poi: volevo «far capire agli ascoltatori che talvolta alcune votazioni in Parlamento che possono sembrare poco comprensibili, come ad esempio alcuni salvataggi di parlamentari, sono fatte dai nostri deputati, pur non condividendole appieno, per senso di responsabilità». Una pausa. «Spiace che il mio segretario federale, persona alla quale devo il fatto di essere diventato sindaco, abbia usato quelle espressioni nei miei confronti senza prima verificare il contesto delle mie dichiarazioni».



In radio, Tosi aveva anche assicurato che la cosiddetta “circolare bavaglio”, con cui i vertici del movimento volevano limitare le dichiarazioni degli amministratori, non lo riguardava. Commento di Marco Reguzzoni, capogruppo alla Camera: «Bossi ha fatto bene» a tuonare contro Tosi, perché «nella Lega non ci sono bavagli, anzi qualcuno parla troppo e a vanvera. Ognuno dovrebbe parlare di quello che sa, io non parlerei mai del Comune di Verona, non si capisce perché da Verona Tosi deve parlare di quel che accade in Parlamento». Inutile ricordare che il sindaco è in sintonia con Roberto Maroni, mentre Reguzzoni è indicato come punta di diamante del cerchio magico, ovvero il gruppo di colonnelli più vicini alla famiglia del Senatur. La Lega è sempre più lacerata: da 48 ore s’interroga anche sui video del congresso di Varese (disponibili su libero-news.it) che dimostrano i malumori della base. Ieri, il Senatur aveva il chiodo fisso dei fascisti. Perché anche a proposito delle immagini diffuse dal nostro sito tirava in ballo presunti estremisti di destra: «An aveva messo un po’ di gente. Il segretario provinciale, che ho mandato via, ha dato le tessere a un po’ di loro e la base ha chiesto di andare via dal partito. Qualcuno ha preso anche quattro sganassoni perché aveva le braccia tese». Nel mirino finisce Stefano Candiani, maroniano di ferro, che dopo tre anni ha lasciato il testimone a Maurilio Canton, così come desiderato dal Senatur e dal cerchio magico che l’hanno imposto come candidato unico.

Una cosa è sicuramente vera: ci sono estremisti che bussano alla Lega di Varese. Ma al momento la porta è rimasta chiusa, almeno per alcuni di loro. È il caso, per esempio, di Simone Eligio Castoldi, vicesindaco di Rancio Valcuvia e in pole per avere una poltrona nel parco regionale Campo dei Fiori in quota Carroccio. Si tratta di un ex iscritto alla Destra e che frequenta la stessa sezione di Roberto Libertà, il secondo figlio di Umberto e Manuela Marrone. Poco tempo fa, proprio in zona era stata organizzata una cena con Castoldi e la famiglia Bossi al gran completo (sì, c’era pure la moglie). La domanda di militanza dell’ex storaciano è stata stoppata da Candiani su precisa indicazione di Giancarlo Giorgetti, il leader della Lega in Lombardia che il cerchio magico vorrebbe sostituire con Reguzzoni. Proprio Giorgetti, ieri, ha convocato una riunione organizzativa in via Bellerio per parlare anche di tesseramento. In sostanza è stato ricordato di prestare grande attenzione prima di dare il via libera alla militanza di Tizio o di Caio.

Il clima è così avvelenato che i giovani padani, considerati dal cerchio magico affamati di poltrone e troppo maroniani, sono stati sfrattati dal quartier generale di Varese. Canton, appena eletto, ha fatto cambiare le serrature. E nella stanza degli under 25 sono stati aperti i cassetti con tanto di piede di porco. Il segretario provinciale ha minimizzato dicendo che doveva semplicemente tinteggiare i locali. Le ruggini tra giovani e cerchio magico risalgono a tempi lontani, quando l’allora leader dei ragazzi, Paolo Grimoldi, aveva litigato con Reguzzoni. Le tensioni esondano pure su Facebook, dove i maroniani accusano: delle ragazze ci chiedono l’amicizia, ma sono profili falsi usati dai nostri rivali per controllarci. Sempre ieri Canton ha incontrato il presidente della Provincia di Varese Dario Galli: i bene informati raccontano che è stato chiesto lo scalpo della responsabile della Cultura Francesca Brianza, giudicata troppo vicina ai maroniani. Al suo posto si sta scaldando Marco Colombo, uno dei tre esponenti del cerchio magico eletti nel direttivo. Dal Pirellone, Renzo Bossi ringhia: «Chi non è d’accordo se ne vada». Un caos a cui s’aggiunge la riconferma (all’unanimità) del maroniano sindaco di Varese Attilio Fontana alla guida di Anci Lombardia, l’associazione dei comuni che il primo cittadino voleva lasciare su pressione del suo movimento. Ieri, ha annunciato resterà alla guida dei municipi fino al 2014. La Lega lo punirà?

di Matteo Pandini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eovero

    14 Dicembre 2011 - 14:02

    e bossi che deve andarsene lui è famiglia compresa la rosy mauro x il bene della lega....poi perchè non torniamo alla lega veneta? sarebbe molto meglio.

    Report

    Rispondi

  • antari

    19 Ottobre 2011 - 18:06

    non ci sono leghisti qui? Non commentate? Teste nella sabbia come gli struzzi??

    Report

    Rispondi

  • libero42

    19 Ottobre 2011 - 15:03

    Con tanto di giullari variopinti (Speroni), streghe inquietanti(Rosimauro), bambocci ritardati(trota), veggenti bresciane(Adriana Sossi) , mangiafuoco corpulenti (Calderoli ), buttafuori panzoni (Borghezio), governatori rintronati( Cota), false psicologhe( Monica Rizzi) di un indefinibile (per rispetto ad un malato) sovrano. E il popolo bue che li applaude.

    Report

    Rispondi

  • Claudio49

    19 Ottobre 2011 - 13:01

    Non siete ancora andati a cagare? Andate perchè già tardi!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog