Cerca

L'ipotesi: due euro a testa

La cifra che sarà richiesta ai promotori

L'ipotesi: due euro a testa
Se la proposta del ministro dell'Interno dovesse essere approvata, la cifra che sarà chiesta ai promotori potrebbe essere di due euro. Lo anticipa il Corriere della Sera partendo dai conti fatti al Comune di Roma lo scorso anno, al momento di varare il nuovo regolamento per le manifestazioni.  "Il tema è controverso. Perché una norma di questo genere - scrive il Corriere - rischia di essere incostituzionale, ma anche un regolamento porterebbe a una grave discrasia tra chi ha i messi per fornire garanzie economiche come le grandi organizzazioni sindacali o le associazioni di categoria e chi invece scende in piazza proprio perché non ha nulla". Se si troverà l'accordo politico sulle nuove misure è probabile che si chieda una versamento di almeno il 50% delle spese previste.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    19 Ottobre 2011 - 17:05

    che a Maroni vengano i mente certe idee....Se questi non hanno nemmeno gli occhi per piangere figuriamoci se hanno due euro in tasca.Pugno di ferro:VIETARE qualsiasi manifestazione a rischio.Se poi la fanno lo stesso...LEGNATE.

    Report

    Rispondi

  • ulisse2001

    19 Ottobre 2011 - 17:05

    Non sono d'accordo di estendere il provvedimento DASPO alle manifestazioni politiche: la sinistra ( i post/ex/neo - comunisti) ci arresterebbero tutti , una volta al governo . Sono invece d'accordo sul pagamento di una cifra, che potrebbe essere anche simbolica ( 1 centesimo di Euro a persona ) , come cauzione contro i danni eventuali provocati dai manifestanti. La stesssa cifra potrebbe essere utilizzata come polizza infortuni a vantagio dei manifestanti, che durante e a causa del corteo venissero a subire danni fortuiti . La stessa cifra/cauzione indurrebbe gli organizzatori a valutazioni realisticche sul numero dei partecipanti . Adesso , vedi cinquemila persone, e ti dicono che sono cinquantamila , più della moltiplicazione dei pani !

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    19 Ottobre 2011 - 12:12

    Anche qui si persevera nell'errore già messo in atto in altre occasioni. Nelle stazioni dei treni,poichè i soliti vandali distruggevano i wc,si è pensato bene di chiudere gli stessi.Ovvero,invece di perseguire i teppisti si preferiva farla fare addosso ai viaggiatori onesti. Qui,invece di menare i delinquenti,si preferisce tassare gli onesti.In questo paese ormai è divenuta una prassi comune.Attenti ad essere onesti !!!.

    Report

    Rispondi

blog