Cerca

"Legittimo impedimento" Rinviata l'udienza Mills

Oggi il premier avrebbe dovuto presentarsi in Tribunale, ma dopo l'ultimatum europeo i legali hanno chiesto il legittimo impedimento

"Legittimo impedimento" Rinviata l'udienza Mills
Oggi Silvio Berlusconi avrebbe dovuto essere in aula a Milano, per il processo Mills in cui è accusato di corruzione di testimone ma i suoi legali hanno chiesto il legittimo impedimento: la domanda è stata accolta, cotì ilprocesso milanese sul caso Mills è stato rinviato al 28 novembre.

A seguito del rinvio di oggi salterà anche l’interrogatorio di Silvio Berlusconi previsto per venerdì prossimo. Il legale del premier, Nicolo Ghedini, nel chiedere il legittimo impedimento, ha anche chiesto la sospensione dei termini della prescrizione. "Siamo spiacenti - ha affermato - perchè abbiamo sempre cercato di rispettare la data programmata del lunedì ma da parte del premier c'è l'assoluta impossibilità a partecipare e oggi si deve svolgere un’udienza troppo importante perchè Berlusconi non si presenti. Ci sono incontri e telefonate con Mills da chiarire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    25 Ottobre 2011 - 10:10

    Chi ha lo stomaco per leggere i tuoi commenti sa benissimo che tu, da sempre, hai inequivocabilmente dimostrato di essere un seguace e un sostenitore delle principali istanze del diavolo relativamente al futuro di questo Paese; quindi, non mi pare proprio che tu oggi ci faccia partecipi di una qualche novità sul tuo atteggiamento.

    Report

    Rispondi

  • antari

    24 Ottobre 2011 - 19:07

    C'e' stato un referendum: piu' del 50% degli italiani ha votato, il legittimo impedimento per il premier NON LO VOGLIAMO. Il consenso popolare non c'e', questa e' una TRUFFA.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    24 Ottobre 2011 - 17:05

    Questa volta il CAV ha portato la giustificazione che gli ha fatto Napolitano,e la procura ha esternato : Obbedisco.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    24 Ottobre 2011 - 15:03

    Ma tu guarda se un avvocato, già ladro nell'immaginario collettivo per giustificati motivi secolari, devo anche pagarlo come PRESUNTO PARLAMENTARE. Un'altro ladro che per qualche anno in quel cesso di parlamento andrà in pensione con una pensione in più per cui ha versato SOLO pochi cents di contributi. Alla faccia di chi li ha pagati invece per 40 anni i contributi. E poi si vogliono toccare le pensioni dei cittadini onesti ? si mandino a lavorare questi ladri invece, si riducano gli sprechi di questo maledetto stato spezzettato e costoso, e POI ma solo poi potremo parlare di pensioni. Ed alle prox elezioni voteri per il diavolo pur di non votare PDL.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog