Cerca

L'accordino che l'Europa deve digerire

Intesa tra Berlusconi e Bossi sulle pensioni. Bruxelles è debole e dovrà farsi andare bene l'intesa

L'accordino che l'Europa deve digerire
Silvio Berlusconi e Umberto Bossi hanno raggiunto un 'accordino' sulle pensioni. I dettagli non sono ancora trapelati con i crismi dell'ufficialità, ma secondo fonti vicine alla maggioranza l'intesa prevederebbe ritocchi sui baby pensionati e sulle pensioni d'oro. Non si mette quindi mano alle pensioni di anzianità. Il Senatùr pare averla spuntata (per ora), e lo ha confermato nella serata di martedì, dopo aver raggiunto la mini-intesa: "Le pensioni di anzianità non si toccano. Se sono ottimista sul futuro del governo? No, resto pessimista...". Inoltre, l'intesa di massima prevederebbe anche la possibilità di mettere mano al sistema relativo all'invalidità, e non viene escluso nemmeno l'innalzamento dell'età pensionabile delle donne nel privato, seppur in tempi graduali.

Su queste basi mercoledì a Bruxelles il premier potrà presentare almeno un piano di intenti, anche se non si tratta della riforma, messa nero su bianco, che l'Europa vuole imporci al più presto. Bruxelles presumibilmente vorrà bocciare l'accordo di massima stretto tra Berlusconi e Bossi. Eppure lo scenario in cui verrà presentata la proposta è quello di un'Europa debole, spuntata e divisa. Volente o nolente, il Vecchio Continente dovrà digerire l'accordino messo a punto dalla maggioranza. Con l'intesa, inoltre, Berlusconi e Bossi - contando sui 'mugugni' di Bruxelles - cercano anche di prendere tempo. Una settimana. Sette giorni per continuare una trattativa estenuante con cui trovare la quadra definitiva sulle pensioni. Una quadra che, si spera, riceverà alla fine anche la benedizione di Bruxelles, ammesso che Bossi non tiri troppo la corda cercando la caduta del governo (che farebbe comodo a lui e al suo partito).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    26 Ottobre 2011 - 13:01

    Un ''accordino'' sulle pensioni PER NON TOCCARE LO SPRECO ENORME DELLO STATO, DELLE CENTINAIA DI ENTI INUTILI DELLO STATO, E PER NON FARE LE RIFORME CHE TAGLIANO I PRIVILEGI DEI SOLITI SETTORI PROFITTATORI. Bossi, vatti a curare il cervello, perchè credo che il danno provocato dalla malattia sia ben più grave di quel che sembra. Non ne gioisco ovviamente, ma non credo sia onesto tacerne, vero ?

    Report

    Rispondi

  • marcopcnn

    26 Ottobre 2011 - 05:05

    Ormai sembre l'unica cosa che questo Governo riesce a fare. Non muoversi, non agitarsi, muovendosi si rischia ad ogni passo di cadere. E ne Bossi ne Berlusconi sono pronti a lasciare. Meglio seprare che "La nottata passi" un anno e mezzo è lungo e prima delle prossime elezioni si potrebbe scoprire in Italia il piùà grande giacimento di petrolio del mondo, oppure chissà, alla fine del 2012 il mondo finirà davvero come vuole la profezia Maya. L'Italia avrebbe bisogno di altro, di provvedimenti incisivi, di riforme... ma si sa di fronte aghli interessi di Silvio ed Umberto tutto il resto passa in secondo piano

    Report

    Rispondi

  • rafaloca

    25 Ottobre 2011 - 21:09

    TI PREGO NAPOLITANO!!!! Non ti rendere partecipe di questa umiliazione dell'Italia e del popolo italiano. Fa male vedere Sarkozy che se la ride a ragione

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    25 Ottobre 2011 - 21:09

    E se domani TUTTA la commissione europea si mette a ridere quando Berlusconi legge la letterina, che si fà? Forse Ignazzio La Rissa dichiara guerra alla Francia e a Brussels? Mandiamo monsieur Fratin in missione perenne in giro per l' Europa. Oppure, più realisticamente, ce ne torniamo a casa con le pive nel sacco e convinciamo con le cattive Berlusconi ad andar fuori da co***oni!!!?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog