Cerca

L'Europa promuove Silvio: impressione molto buona. Draghi: "Passo importante"

Il presidente Tusk; "Lettera ben accolta, dettagliata e precisa". Fassina: "Misure approvate e non attuate in passato"

L'Europa promuove Silvio: impressione molto buona. Draghi: "Passo importante"
Una "impressione molto buona". E' l'indiscrezione che filtra dal premier polacco Donald Tusk, presidente di turno dell'Unione europea, sulla reazione dei leader continentali che stanno valutando la lettera presentata da Silvio Berlusconi a Bruxelles per illustrare il piano per la crescita dell'Italia. Il testo, illustrato dal presidente del Consiglio Herman van Rompuy, ha trovato i capi di stato e di governo positivamente impressionati dall'agenda molto dettagliata allegata dal premier italiano. "Per quanto riguarda Silvio Berlusconi e il problema italiano - ha detto Tusk - non era il centro del nostro dibattito (del vertice a 27, ndr) di stasera. Herman Van Rompuy ci ha informato di una lettera da Berlusconi e di un piano dettagliato, entrambi i documenti hanno fatto una impressione molto buona e sono stati accolti molto bene. Il premier Berlusconi era presente ma non ha preso parte al dibattito". Nell'agenda dei 27 ci sono anche ricapitalizzazione delle banche e fondo salva-stati, per cui Tusk ha già detto che "l'accordo è molto difficile". Ancora una volta, dunque, decisivi i contrasti tra Germania e Francia.


Opposizione all'attacco - Misure concrete con tanto di calendario e in parte concordate con gli stessi vertici Ue in mattinata, quelle di Berlusconi, che convincono i suoi colleghi così come il quasi ex governatore di Bankitalia e futuro presidente della Bce, Mario Draghi, che nel pomeriggio ha parlato di un "passo importante" con "riforme coraggiose e da attuare". L'opposizione però protesta comunque. "Delle 14 pagine annunciate dal governo, 13 e mezzo sono di interventi già approvati ma in larga misura non attuati", dice Stefano Fassina, responsabile Economia e Lavoro del Pd. "La mezza pagina di novità che riguarda il mercato del lavoro, se il governo avesse davvero la capacità di imporla non solo agli altri ma anche alla sua maggioranza, sarebbe oltre che iniqua recessiva: saremmo l'unico Paese al mondo che in una drammatica fase economica e sociale, con oltre un milione di occupati in meno dall'inizio della crisi, aumenta le possibilità di licenziamento". Dichiarazioni che fanno il paio con quelle, agguerrite, dei sindacati. Si prevedono tempi agitati, e non solo per colpa di Cgil & Co visto che pure Umberto Bossi si mette di traverso al Cav.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    27 Ottobre 2011 - 19:07

    non l'ha firmato e nemmeno è andato a Bruxelles. Ma come si può andare avanti così? Maldestri, siete solo dei maldestri

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    27 Ottobre 2011 - 00:12

    sono negativi per il Paese, in un momento critico per il nostro futuro: servono solo ad assicurare un posto fisso da deputato, ma a noi interessa il bene del Paese.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    27 Ottobre 2011 - 00:12

    l'Italia ha bisogno di sterzate cosi'. Pronta risposta, ottimi gli intenti: e' un ottimo inizio, prosegua cosi'.

    Report

    Rispondi

  • donpancrazio

    26 Ottobre 2011 - 21:09

    giusto riformare le pensioni a condizioni che si passi tutti al contributivo ANCHE QUELLE DEL PASSATO: BABY PENSIONI E QUANT'ALTRO; si scarichi l'imps di oneri non di sua pertinenza: è un ente pennsionistico che si dovrebbe basare sulle tavole attuariali che regolano l'erogazione delle pensioni e non deve essere un essere assistenziale; ci sia l'eguaglianza del cittadino anche se onorevole o ceo e venga fissato il tetto massimo di euro 5000 mensili omnia comprensivi dei vari benefi- questo è un piano che consentirebbe di non elevare il limite d'età ma nessun onorevole è d'accordo a prescindere la pseudo colorazione politica : la buona pappa piace a tutti

    Report

    Rispondi

blog