Cerca

E su Giulio dissidente: Si è defilato

Bossi: "Io e Tremonti siamo amici, ma Berlusconi ha i voti per il federalismo". Alta tensione tra Cav e superministro (assente all'ultimo vertice)

E su Giulio dissidente: Si è defilato
Giulio Tremonti e Silvio Berlusconi: mai come ora così distanti. Soprattutto dopo la lettera di intenti presentata ieri all'Europa. I rapporti personali tra i due, si sa, si erano già deteriorati da tempo. Dopo le liti della scorsa estate sulla manovra economica, negli ultimi giorni sembrava però che i due si stessero sforzando di mettere a segno una pacifica convivenza in vista del decreto Sviluppo da varare e delle richieste dell'Europa da soddisfare. Ma nei tre giorni passati è successo di tutto. E il divario tra premier e ministro dell'Economia sembra ormai incolmabile. A certificare la distanza ci ha pensato anche Umberto Bossi con una frase sibillina che si presta a mille interpretazioni.

Umberto sceglie Silvio - Dopo la pax siglata tra Silvio Berlusconi e l'Europa - che ha promosso il pacchetto proposto nella notte tra mercoledì e giovedì - ha parlato il Senatùr. Il leader leghista che con la difesa a oltranza delle pensioni ha fatto seriamente traballare il governo. "Con l'Europa ci siamo impegnati, mica potevamo spaccarla - ha spiegato -. E dall'Unione europea è arrivato un giudizio positivo". Così il leader del Carroccio parlando con i giornalisti all'aeroporto di Ciampino. Poi la bordata contro l'amico (?) Giulio Tremonti. Bossi rivendica il fatto che "ci siamo riuniti per fare questa lettera...e Tremonti si è defilato. Sono suo amico - ha aggiunto sornione -, ma Berlusconi ha i voti per fare il federalismo, e questo non l'ho dimenticato". Come dire - improvvisiamo una 'traduzione' delle parole di Bossi -: Giulio mi tirava per la giacchetta e mi chiedeva di pormi ancora più lontano dal Cavaliere, ma alla fine ho scelto Silvio.

Tremonti "commissariato" - La crepa tra Berlusconi e Tremonti era emersa in ultima istanza durante la trattativa con la Lega Nord sulla questione delle pensioni di anzianità. Mercoledì mattina, poi, a scavare del tutto il fossato ta i due, c'è stato lo scambio di cosigli e suggerimenti tra Roma, Europa e Bce. E c'è qualcuno che, come riporta il Corriere della sera, dice che di fatto Tremonti sarebbe stato "commissariato", anche grazie all'aiuto di Mario Draghi (a cui oggi si aggiunge il Bossi che di fatto lo ha scaricato per poi spiegarlo davanti alle telecamere).

Giulio chiede le dimissioni del Cavaliere - Giulio Tremonti e Silvio Berlusconi nella stesura delle misure europee, in realtà, distanti lo erano già in partenza. E anche gli altri ministri della coalizione ora sembrano rivendicare il fatto che nel documento presentato all'Europa delle sclete di Tremonti ci sia poco o nulla. Addirittura c'è chi racconta di una richiesta esplicita, seppur pacata, da parte di Tremonti a Berlusconi di fare un passo indietro e dimettersi, visto che la situazione all'inizio della settimana sembrava bloccata e senza via d'uscita. Richiesta alla quale il Cavaliere avrebbe replicato con una controrichiesta: il paso indietro fallo tu. Ovviamente, pare che nessuno dei due abbia intenzione di muovere neanche un piede.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • highlander5649

    27 Ottobre 2011 - 15:03

    l'astro nascente del 1994 quello ammirato del nuovo corso della seconda repubblica.. acclamato per le idee rivoluzionarie per l'epoca , la sua legge che permetteva di usufruire sconti fiscali altissimi su nuovi investimenti, adesso sembra un gabelliere del 700 tutto tassa sul sale e sul macinato.. mentre da là caccia a piccoli evasori fa le soffiate ai grandi evasori, blocca le liste di chi esporta i capitali in svizzera, non fa accordi con la medesima come hanno fatto altri ed intanto non fa nulla per i tagli alla casta, l'elettorato del centro destra è al lumicino, i sondaggi danno il pdl al 26, 5% ma la percentuale esatta è molto più in basso, perchè non tiene conto di chi ex elettore cdx non andrà alle urne per rabbia e vendetta.. allora tutta colpa di tremonti? macchè la colpa è equamente divisa tra tttui i governi dal 1963 in avanti da quando è nato il famigerato centrosinistra...dopo la congiuntura ed il boom economico .

    Report

    Rispondi

  • Tirreno

    27 Ottobre 2011 - 12:12

    Tremonti si deve dimettere, ha tradito gli ideali del popolo di centro destra. E’ il paladino dei GRANDI evasori, prima il centro destra se ne libera prima il centro destra salirà nei sondaggi popolari.

    Report

    Rispondi

  • jerico

    27 Ottobre 2011 - 11:11

    Viene spontaneo il sospetto ,che sia un infiltrato della sinistra,quest'ultima gli ha forse promesso ''mari e Monti...? ''

    Report

    Rispondi

  • libero

    27 Ottobre 2011 - 11:11

    saranno disinformati ma il divorzio e' diventato da tempo una norma legislativa,non e'necessario l'uxoricidio.

    Report

    Rispondi

blog