Cerca

Berlusconi contro l'euro: "Non convince nessuno"

Il premier: "La crisi è dovuta all'attacco alla moneta unica. E' debole e manca una politica unitaria". Sui licenziamenti "campagna oltraggiosa"

Berlusconi contro l'euro: "Non convince nessuno"
Un attacco all'Europa, anzi all'euro. Moneta che "non ha convinto nessuno". Va giù piatto Silvio Berlusconi e quando parla di crisi non ha mezze misure: la colpa è della moneta unica con dietro il nulla. Intervenuto agli stati generali del commercio estero, il premier ha parlato un po' di tutto ma a far rumore saranno soprattutto le critiche a uno dei pilastri dell'Unione europea.


Attacco degli speculatori - "Siamo di fronte a un attacco all'euro, una moneta strana che non ha convinto nessuno e che è di per sé molto attaccabile", spiega il Cavaliere e i motivi sono semplici: "Non è di un solo Paese ma di tanti che però non hanno un governo unitario né una banca di riferimento e delle garanzie". "Ecco perché - ha proseguito Berlusconi - c'è un attacco della speculazione ed inoltre risulta anche problematico collocare i titoli del debito pubblico". Problema non da poco e caldissimo, perché Piazza Affari oggi ha registrato un'impennata dello spread Btp-Bund.

Grana Bce - E sempre in materia europea, c'è da risolvere la grana Lorenzo Bini Smaghi, il rappresentante italiano nel board della Bce che con l'arrivo del connazionale Mario Draghi alla presidenza la Francia preme per congedare. Il governo, però, non ha poteri di rimozione. Si tratta dunque di convincere Bini Smaghi a lasciare per senso di responsabilità. Lo farà? "Lo spero", ha risposto Berlusconi ai cronisti, lasciando di fatto un velo di incertezza sulla questione. Una svolta però potrebbe arrivare dall'incontro avvenuto oggi pomeriggio al Quirinale tra lo stesso Bini Smaghi e il presidente Giorgio Napolitano.

Licenziamenti e demagogia - A tenere banco è comunque la lettera presentata a Bruxelles sulle riforme in cantiere. "Oggi ne sono ancor più convinto: arriveremo al 2013, abbiamo un programma preciso di riforme che metteremo in campo", ha spiegato il premier.
"Provvederemo a lavorare in questi 18 mesi fino al termine della legislatura e sono convinto che anche l'opposizione, dopo aver visto che il governo tiene, dovrà adeguarsi a questa esigenza di tutto il paese e ci renderà più facile la vita in Parlamento". Nonostante, attacca Berlusconi, sui licenziamenti "sia stata fatta una campagna falsa e oltraggiosa", una polemica "figlia di una cultura ottocentesca che ignora i cambiamenti del mercato mondiale ed è oltraggiosa per l’intelligenza degli italiani. Già ora - ha proseguito Berlusconi - nelle aziende con meno di 15 dipendenti, dove lavora circa la metà degli occupati, non vige la giusta causa".

Impegno continuo - Anche per questo il Cavaliere non molla. Nonostante "il numero delle udienze che mi aspettano da oggi al 15 gennaio sono 37, cioè 72 giorni che devo dedicare alla mia difesa". Un problema, quello della giustizia, che riguarda Berlusconi ("Sono uscito con una completa assoluzione per non aver commesso il fatto da 25-26 processi ma pensate al disdoro, al tempo perso e ai 400 milioni in avvocati e consulenti. Insieme ai 600 milioni a De Benedetti fanno un miliardo") e lo Stato: "Se una legge approvata non piace a magistratura democratica, un pm la porta davanti alla Consulta che essendo composta per la maggioranza da giudici di sinistra boccia la legge". Il premier dunque si sente circondato, ma non vittima di una congiura dei suoi fedelissimi.
"La lettera degli scontenti Pdl è una bufala - ha spiegato -, non ne abbiamo traccia, né c'è un autore". Ma dopo 17 anni di politica, Berlusconi tornerebbe in campo? "Non entrate in politica che ve ne pentirete - ha avvertito schezando la platea -. Io non mi sono pentito. Ho salvato l'Italia dalla sinistra comunista. Adesso mi piacerebbe moltissimo lasciare, ma se penso alle mie aziende, ai colleghi e ai figli e vedo una coalizione Bersani-Vendola-Di Pietro sento assolutamente la responsabilità di stare qui per mandare avanti il governo".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    30 Ottobre 2011 - 01:01

    Sig.Presidente del Consiglio, anche se non ce lo avesse ulteriormente confermato, avevamo comunque capito il perché della Sua "discesa in campo". Visto che é in vena di sincerità, ce lo spiega finalmente cosa ne pensa veramente dell'EURO? Sembra quasi che esprimersi in modo univoco sia , per Lei, quasi impossibile! Grazie.

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    29 Ottobre 2011 - 13:01

    Un Premier di un paese UE non dovrebbe mai pronunciare certe cose. Confalonieri lo giustifica dicendo che è quello che pensano altri. Lui è il Premier di un paese membro, ma ragiona e straparla come l'uomo qualunque

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    29 Ottobre 2011 - 13:01

    Panem...sempre meno (non serve alla dieta e poi, per fortuna ci sono le famiglie, pilastri dell'Economia)...ma Circenses, mai mancati come in questo periodo; e questi super-simpaticoni, leaders della Terra, dove andranno ad attingere le tante barzellette che si sforzano di raccontare alla gente nelle assemblee (in alternanza, forse, a dubbi contenuti politici) ? Una volta era il Capo che bisognava far sorridere, con questa crescente e nuova ridanciana abitudine di (volendo credere) di tener sù il morale dei cittadini sembra che l'attuale Premier la stia estendendo anche ad altri Capi europei e viceversa... dev'essere creduta forse una nuova strategia dell'attenzione e distrazione dai problemi inerenti al...Panem (del come alleviare la crisi, aspettando che passi ? Resistendo sul superamento (e facendolo dimenticare)...di quell'organico e moderno TAGLIO DEI COSTI della politica. Furberie d'altri tempi ? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • coolhandluke

    29 Ottobre 2011 - 08:08

    Tra paesi dove tutti pagano le tasse e paesi dove molti non le pagano?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog