Cerca

Licenziamenti, mezzo Pd è con Ichino

Il senatore democratico: il governo vuole riprendere il mio disegno di legge? Se fa sul serio è giusto appoggiarlo. L'articolo 18 è superato

Licenziamenti, mezzo Pd è con Ichino
Caro Direttore, naturalmente è bastato che nella lettera del nostro governo all’Unione europea di mercoledì scorso venisse menzionata  una nuova disciplina dei licenziamenti per motivi economici nelle aziende in crisi, perché si scatenasse la bagarre. Berlusconi e Sacconi un po’ se la sono cercata, la bagarre: toccare il nervo scoperto dei licenziamenti, con un’indicazione del tutto generica come quella contenuta nella loro lettera, non poteva suscitare reazioni diverse. Venerdì, però, Berlusconi ha corretto l’errore:  su Canale 5 ha dichiarato che il governo intende far suo il progetto di riforma contenuto nel disegno di legge n. 1873, che due anni fa ho presentato in Senato con altri 54 senatori dell’opposizione. Se il governo fa sul serio e resta in piedi  -  cose entrambe delle quali è lecito dubitare -  questa potrebbe essere una vera grande riforma bipartisan, di quelle di cui il nostro Paese ha enorme bisogno. Vediamo perché.

Metà dei nostri lavoratori dipendenti non hanno alcuna protezione per il caso di perdita del posto, o ne hanno una molto debole. Parlo delle centinaia di migliaia di lavoratori a termine, “a progetto”, co.co.co., “partite Iva” fasulle, che hanno perso il lavoro in questi ultimi tre anni di crisi, senza un giorno di preavviso e senza alcun trattamento di disoccupazione. Ma c’è bisogno di una profonda riforma anche per la metà protetta. Perché anche la vecchia protezione forte contro il licenziamento -  il famoso articolo 18 dello Statuto del 1970  -  è molto difettosa. Essa di fatto consiste in una sorta di ingessatura del rapporto di lavoro; ma quando viene l’acquazzone anche il gesso si scioglie, e anche il lavoratore protetto dall’articolo 18 si trova con un pugno di mosche in mano.

Da questa grande crisi alcuni nostri settori e aziende usciranno in declino o in fase di contrazione; altri in crescita: per esempio i settori delle macchine utensili, della meccatronica, dei mobili e arredamento, del cuoio e pelle, della moda, e tanti altri. Abbiamo dunque la necessità assoluta di attrezzarci per trasferire i lavoratori dalle aziende che non possono più valorizzare il loro lavoro a quelle che hanno bisogno di loro, garantendo loro la continuità del reddito, una assistenza intensiva e un investimento sulla loro professionalità nel passaggio dalla vecchia occupazione alla nuova. In altre parole, occorre una riforma semplice ma incisiva, capace di coniugare la massima possibile flessibilità delle strutture produttive con la massima possibile sicurezza per i lavoratori nel mercato del lavoro. E che estenda la nuova protezione a tutti i nuovi rapporti di lavoro dipendente che si costituiranno d’ora in avanti: non soltanto a metà di essi, come è avvenuto fino a oggi con l’articolo 18.

In sostanza si tratta di questo: un codice del lavoro semplificato, composto di 70 articoli molto chiari e facilmente traducibili in inglese, suscettibili di applicarsi a tutta l’area del lavoro sostanzialmente dipendente. Così si supera il dualismo fra protetti e non protetti nel mercato del lavoro. L’idea è che, in partenza, questo nuovo “diritto del lavoro unico”, per la parte relativa ai licenziamenti si applichi soltanto ai rapporti di lavoro nuovi, che si costituiranno da qui in avanti. La nuova disciplina si può sintetizzare così: tutti a tempo indeterminato (tranne, ovviamente, i casi classici di contratto a termine, per punte stagionali, sostituzioni temporanee, ecc.), a tutti le protezioni essenziali, in particolare contro le discriminazioni, ma nessuno inamovibile. E a chi perde il posto una garanzia robusta di assistenza intensiva nella ricerca della nuova occupazione, di continuità del reddito e di investimento sulla sua professionalità. Quello che l’impresa risparmierà in termini di tempestività dell’aggiustamento degli organici basta e avanza per coprire il costo di una assistenza alla danese nel mercato del lavoro. Se davvero fosse questo che il governo si propone di fare - anche nei dettagli, perché è sempre lì che il diavolo si nasconde!  - in questa cosa andrebbe appoggiato.

di Pietro Ichino

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Caronti Massimo

    25 Novembre 2011 - 23:11

    Questi cosi' detti luminari......sanno che cosa stanno dicendo....???Se studiare vuol dire rovinare ogni cosa che si tocca,voglio essere il piu' ignorante di tutti.

    Report

    Rispondi

  • infisso

    01 Novembre 2011 - 18:06

    L'attuale segretario di Rifondazione Comunista ha detto che i comunisti, proprio perchè tali, non sono riformisti. Questo spiega il travaglio interno alla sinistra per il( ni )alle riforme. Chissà quanto bisognerà ancora aspettare perchè diventi un si o un no definitivo? Il lato drammatico della situazione: paralisi del Parlamento e debolezza della maggioranza di governo con una risicata maggioranza numerica. In politica contano i numeri.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    31 Ottobre 2011 - 18:06

    ...Tessera Sindacale della triplice,deve darla entro il mese di Novembre c.a.,all'Ufficio del Personale,in modo che con la retribuzione di Dicembre,non vi sia più la relativa trattenuta della quota. Ve lo dice chi ha collaborato per alcuni anni,in un Ufficio del Personale,di una notissima grande azienda.Colui che decide di non avere più la trattenuta sindacale però,deve farci un...pensierino approfondito,per non entrare nel libro nero della Commissione di Fabbrica.I delegati sindacali di reparto,avvisati dall'azienda,hanno tutto il mese di Dicembre,per convincere chi ha dato la disdetta a rientrare nei ranghi,con le buone,o con delle ventilate minacce dette,ovvio (a tu per tu).I...cani sciolti,non sono tollerati dal Sindacato.Purtroppo,in periodi di mancanza di conflittualità aziendale,vi è la complicità(combutta),della azienda stessa.Da meditare,il perchè della...Marcegaglia,contraria a disattendere il Sindacato in questi periodi.Ossequi.

    Report

    Rispondi

  • ilmagooz

    31 Ottobre 2011 - 18:06

    In Italia non c'è una sola cosa che funzioni per il verso giusto e tra i milioni di cose guaste, con i tempi difficili che corrono, il governo non trova niente di meglio da fare che occuparsi dei licenziamenti. Altra iniziativa lodevole di questo governo pessimo che anche io, da stronzo, ho contribuito ad eleggere, è stata quella di alzare per la terza volta negli ultimi mesi le accise sui carburanti. Stavolta la scusa è l'alluvione in Liguria, ma scommettiamo che rimarrà per sempre? Perché non li prendono dai finanziamenti pubblici ai partiti i soldi. Fanno schifo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog