Cerca

Di Pietro gioca allo sfascio Lettera anti-Cav all'Europa

Tonino annuncia la contro-missiva che insieme a Vendola e Bersani invierà a Bruxelles. Ma il segretario Pd lo smentisce

Di Pietro gioca allo sfascio Lettera anti-Cav all'Europa
Il tris d'assi dell'opposizione si inventa la contro-lettera. Antonio Di Pietro, Pierluigi Bersani e Nichi Vendola annunciano una missiva che invieranno a Bruxelles, ai vertici dell'Eurogruppo, come alternativa a quella scritta la scorsa settimana dal premier Silvio Berlusconi. L'annuncio arriva dal pasdaran Tonino: "La settimana prossima ci incontreremo anche per buttare giù la nostra lettera all'Europa. Garantiremo all'Europa i saldi, ma il modo di trovare - giura il leader dell'Idv - sarà assolutamente differente. Nessuna macelleria sociale. E se qualcuno dice che il programma di Berlusconi è una chimera, io aggiungo: Per fortuna".

La 'smentita' di Bersani - Intanto di questa fantomatica lettera non c'è ancora nulla di scritto. Probabilmente sarà una prima buona occasione per litigare all'interno dell'opposizione: come conciliare le politiche di un giustizialista (Di Pietro) di un comunista (Vendola) e del democratico Bersani a corto di idee? Mistero. E a certificare il caos dell'opposizione ci si mette anche l'intervista concessa da Bersani al Mattino. Il segretario del Pd, in soldoni, contraddice Di Pietro. A chi gli chiedeva che lettera avrebbero fatto loro, Bersani risponde: "Non saremmo mai arrivati a scriverla perché prima avremmo fatto le riforme che il centrodestra non ha fatto". Insomma, nel momento in cui Di Pietro dice che stanno per mandare la missiva, Bersani lo nega: poche idee e ben confuse.

La sinistra vuole lo scontro - A rendere ancor più comico l'intento 'letterario' dei tre - svelato da Di Pietro in un'intervista a La Stampa - c'è il fatto che la stessa Europa che è stata più volte critica nei confronti del governo Berlusconi ha già accolto con favore la lettera presentata lo scorso mercoledì. Ma alla sinistra non importa: meglio cercare di spaccare il Paese e mettere in cattiva luce l'esecutivo a Bruxelles. Secondo l'opposizione non è ancora arrivato il momento di attuare le ricette: meglio cercare l'ennesimo scontro.

Le lusinghe a Casini - Nell'intervista Di Pietro, indossando i panni del Bersani, coccola anche il Terzo Polo, che vorrebbe trascinare con sè nella sgangherata iniziativa. "In questa direzione va coinvolto anche il Terzo Polo. D'altra parte vedo che Casini è disponibile anche lui". I centristi da tempo caldeggiano l'ipotesi di un governo tecnico, e così Tonino vuole coinvolgere Casini nell'operazione-fango con cui screditare il governo a Bruxelles. "Non è facile accorrere al capezzale di un morituro - conclude Di Pietro -. Se noi dell'opposizione ragionassimo cinicamente, sarebbe meglio aspettare. Vinceremmo facilmente le elezioni per il plebiscito negativo che seppellirà questo governo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    01 Novembre 2011 - 20:08

    una delle nostre peggiori disgrazie, non sto ad elencare i motivi , sarebbero troppi e comunque risaputi , come l'ultimo , il trota2.

    Report

    Rispondi

  • Vito la Civita

    01 Novembre 2011 - 13:01

    Ti consiglio di farti ricoverare

    Report

    Rispondi

  • Vito la Civita

    01 Novembre 2011 - 13:01

    Ho sempre votato Fini e quindi neanche io sono compagno! Ho subito scontri anche fisici, con quelli che attualmente sono diventati i suoi alleati! Che delusione vederlo in TV stringere la mano a Vendola !!!!!!!!!!!!!!!!!! Povero Almirante. A questo punto è meglio essere Compagno che Finiano !

    Report

    Rispondi

  • ambastianelli

    01 Novembre 2011 - 11:11

    Lei mi fa orrore, Lei e' un'esaltata,Lei non ha il minimo senso dell'AMOR PATRIO da dove l'hanno importata?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog