Cerca

Salvastati, il Cavaliere tentenna

Il programma per le riforme slitta di una settimana per il ponte di Ognissanti e gli impegni istituzionali. Il Cav pensa alla fiducia

Salvastati, il Cavaliere tentenna
I tempi non saranno così stretti. Causa la Camera a mezzo servizio per il ponte di Ognissanti e gli impegni internazionali di Silvio Berlusconi, il varo dei primi provvedimenti previsti dalla lettera spedita a Bruxelles (dismissioni e Piano Sud)   dovrebbe slittare alla prossima settimana.  Il Cavaliere è ad Arcore, impegnato nei consueti appuntamenti familiari del lunedì. L’occhio è rivolto alla Borsa di Milano e allo spread che vola oltre i 400 punti base. Silvio è molto preoccupato: «Tutti i mercati  sono sotto attacco speculativo, ma il nostro debito pubblico ci espone più di altri. Rischiamo di veder vanificati i nostri piani».   L’agenda settimanale non cambia: il primo impegno nella capitale è previsto per domani, quando Berlusconi parteciperà all’ufficio di presidenza del Pdl. Il bureau del partito è convocato per studiare i provvedimenti da portare in consiglio dei ministri, in ossequio agli impegni presi dal premier con Barroso e Van Rompuy. Ma anche per affrontare a viso aperto i malumori che si annidano tra i parlamentari vicini a Pisanu e Scajola: l’ex ministro dello Sviluppo economico siede nell’organo esecutivo del Popolo della Libertà.


Il calendario - C’è troppo poco tempo per poter riunire il gabinetto di Palazzo Chigi e licenziare i primi decreti per rilanciare la crescita e contenere il debito pubblico. In più i mercati che ballano consigliano prudenza. Un’alternativa per fare prima c’è:  inserire le prime misure nella legge di stabilità, già incardinata nel calendario del Senato. Il premier sta valutando l’ipotesi.   Giovedì Berlusconi sarà di nuovo in viaggio, verso Cannes, dove c’è il vertice G20. Occasione in cui Silvio dovrebbe limitarsi a esporre  i contenuti del crono-programma che si è dato il governo per portare l’Italia fuori dalla crisi.  Al rientro l’intenzione del presidente del Consiglio è quella di presentarsi alla Camera. Non solo per riferire al Parlamento degli esiti del vertice internazionale: Berlusconi vuole anche rivolgere un appello all’opposizione perché collabori all’approvazione del piano in nome «dell’interesse nazionale». In questi giorni Silvio ha più volte teso la mano alla sinistra invitandola alla responsabilità. Non che gli interessi sul serio la partecipazione di Bersani, Casini e C. alla approvazione dei decreti e delle leggi delega che tradurranno in norme i singoli capitoli della lettera. No. L’obiettivo berlusconiano è quello di mettere la sinistra con le spalle al muro. Addossare alla minoranza la colpa di eventuali ritardi o, peggio, la mancata approvazione del piano. Avere l’alibi, al minimo accenno di ostruzionismo parlamentare, per procedere con lo strumento della fiducia. Un modo per blindare le riforme, ma anche l’opportunità per mettere il lucchetto alla maggioranza e togliere ogni tentazione alle fronde interne: «Voglio vedere chi si azzarda a togliere la fiducia al governo  mentre l’Europa ci guarda».

Sondaggi ottimisti - Con l’accordo di Bruxelles Berlusconi ritiene di  aver tolto la smania ai potenziali congiurati del Pdl e sostiene di aver legato la sopravvivenza del suo esecutivo al destino della lettera: «L’Italia, non solo Berlusconi, si è impegnata con l’Ue ad approvare quei punti» e se Montezemolo invoca le larghe intese per un governo di salvezza nazionale ha fatto male i conti: «Un’ammucchiata del genere non sarebbe mai in grado di varare il nostro piano, fallirebbe dando il Paese  in pasto agli speculatori». Insomma: «Non c’è alcuna alternativa al nostro esecutivo». Silvio ha seguito il dibattito nel Pd e ha commentato negativamente: «Un partito spaccato, dilaniato dalla guerra tra capetti per la leadership».Il Pdl invece fa sorridere il capo del governo. Nei sondaggi è tornato a crescere e ieri  Berlusconi ha ricevuto i primi dati sul tesseramento: positivi, oltre le previsioni (più di 500mila iscritti). Un segnale di vitalità importante per Silvio, testimonianza che il suo popolo non l’ha abbandonato del tutto. È lì, dormiente o incazzato, ma c’è.

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • adrico

    01 Novembre 2011 - 16:04

    presidente vada in tv a rete unificate e spieghi agli italiani la situazione e il motivo dei provvedimenti. poi vada in parlamento e metta di fronte ad ognuno la responsabilità di votare o meno. pur rendendomi conto occorre tempo per la "quadra", non possiamo andare avanti al rallentatore. auguri per lei, gli italiani e gli europei

    Report

    Rispondi

  • effata

    01 Novembre 2011 - 15:03

    Ecco, la nostra povera Italia, in questo momento drammatico, sembra proprio il Titanic. La nave va a fondo, ma il nostro governo continua a dimostrare la sua totale incompetenza, la sua drammatica incapacità a tracciare qualsiasi rotta. Certo, perchè troppo preso dalle sue rotture interne : Tremonti no, Brunetta si ecc. ecc. Daltronde un governo con un ministro delle finanze che non gode più la stima del Premier, mi sapete dire che razza di governo è? Ma qui la crisi è economico-finanziaria o mi sbaglio? E allora, per rispetto a se stessi, non all' Italia, guardate, non sarebbe finalmente giunto il momento di salire al colle e passare la mano? O abbiamo anche la presunzione di ritenere di essere gli unici al mondo? Riflettete, gente, perchè non ci rimane tanto tempo : dopo, scusate la parolaccia, "saranno cazzi amari"!

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    01 Novembre 2011 - 15:03

    E' giunta l'ora che se ne vada. La sua incapacità di politico è evidente a tutti. Negli anni ha saputo solo parlare nel dire menzogne

    Report

    Rispondi

  • OIGRESINOR

    01 Novembre 2011 - 14:02

    Finche' avra' dei vermi cosi' attorno...ci vuole pulizia ed una rivoluzione interna. Hai tutto : soldi , figli in gamba, aziende super, potere economico e politico...fai funzionare una volta per tutte il tuo "contratto" con gli Italiani e rivoluziona per il futuro gli assetti politici tnato perdere per perdere e' meglio attaccare...e lasciare di nuovo tutti stesi al tappeto. Ma fuori sti pappamolle capaci solo di essere degli approfittatori...taglia i parlamentari, taglia gli stipendi dei parlamentari, e con Bossi fai sto c@zzo di federalismo che non vuol dire secessione ma essere ancora piu' uniti e responsabili valorizzando le varie regioni d'Italia e togliendo ossigeno a Burocrazia e centralismo politicizzato. Prendi esempio dagli USA.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog