Cerca

Poi sfida Silvio sulle pensioni

In Consiglio dei ministri la sfida finale sulla previdenza. Berlusconi trema per il 'niet' del Carroccio. Bossi annuncia la guerriglia

Poi sfida Silvio sulle pensioni
Umberto Bossi poche ore prima del Consiglio dei Ministri dove Silvio Berlusconi cercherà di far arretrare il leader leghista dalle sue posizioni arroccate in difesa delle pensioni parla chiaro: "Facciamo scoppiare la rivoluzione". Così il Senatùr ha chi gli chiedeva cosa farà se la riforma della prividenza dovesse entrare tra le misure anticrisi inserite nel decreto legge che dovrebbe essere varato a ore. Quindi se il concetto non fosse ancora abbastanza chiaro, Bossi, ha mostrato il dito medio e aggiunto: "Se togliamo le pensioni ai lavoratori che hanno sempre lavorato per dare i soldi a Roma scoppia la rivoluzione". Quindi il leader leghista si è anche profuso in una sonora pernacchia nei confronti di Napolitano, Monti e dei loro progetti di governo tecnico. Segue l'articolo di Salvatore Dama: tra Bossi e il Cavaliere sarà sfida sulle pensioni.


La molla che fa scattare Silvio Berlusconi è quel profondo rosso a Piazza Affari, con uno spread Bond-Btp da vertigine. Ma sono anche i contatti tra Quirinale e opposizione che spingono il premier ad anticipare il suo rientro a Roma. Per tenere sotto controllo la situazione. Per marcare il territorio con la propria presenza fisica. Per capire. In mattinata il Cavaliere aveva concordato una nota con il portavoce Paolo Bonaiuti in cui assicurava l’attivismo del governo sull’agenda economica e addossava al referendum deciso dalla Grecia la responsabilità del tonfo dei mercati europei. Ma niente da fare: la Borsa di Milano risultava impermeabile alle rassicurazioni di Palazzo Chigi. Giù, sempre più giù.

Si parte allora: Berlusconi decolla, destinazione Ciampino, e varca la soglia di Palazzo Chigi a metà pomeriggio. Da programma, il rientro era previsto a sera inoltrata. Silvio si chiude nel suo ufficio con Gianni Letta e parte la controffensiva. Rassicurare, rassicurare, rassicurare. Il presidente del Consiglio sente al telefono la signora Merkel. Con il cancelliere tedesco Berlusconi si impegna ad approvare il primo pacchetto di misure previsto dal crono-programma portato a Bruxelles «in tempi rapidissimi». Stesso discorso che viene fatto a Napolitano, sentito poco dopo sempre via etere. Al Capo dello Stato Berlusconi annuncia un vertice serale con la Lega e i ministri economici per esaminare i provvedimenti da varare subito in un Consiglio da convocare oggi o, al più tardi, domani mattina. Comunque prima del G20 di Cannes. In modo da dare le prime risposte concrete sia ai partner europei sia ai mercati.
Napolitano sembra tranquillizzato. Ma dopo qualche minuto le agenzie battono un durissimo comunicato del Colle. Il presidente della Repubblica parla del «suo dovere di verificare il concretizzarsi» di «una nuova prospettiva di larga condivisione» intorno alle scelte che l’Europa chiede con urgenza. «Verifica», «nuova prospettiva», «larga condivisione»: cosa vuole dire? Vuol dire che...

Berlusconi è nero. Teme che il sostegno istituzionale del Quirinale, prezioso e salvifico in altre situazioni, in questo drammatico momento venga meno. Perché? Arriva anche a Palazzo Chigi la voce di un possibile esecutivo tecnico, guidato da Mario Monti e formato da personalità non politiche. I “salvatori della Patria” benedetti dal Colle e sostenuti in Parlamento da una maggioranza trasversale. Rumors suffragati dalle dichiarazioni pubbliche del Pd che invoca le dimissioni «a minuti» di Berlusconi (Enrico Letta); le consultazioni tra Bersani, Di Pietro e Casini; la richiesta del terzo polo perché il Cavaliere si presenti in aula prima di partire per il G20. Vogliono lo scalpo, lo vogliono subito. «Questo è un trappolone», si infuria Berlusconi. La paura è che la congiura abbia il sigillo quirinalizio. Silvio non può credere a una manovra tanto sleale: il Colle, informalmente (ovvio), ha sempre sostenuto che mai avrebbe dato via libera a un  “governo degli sconfitti”. Cioè senza l’assenso di Pdl e Lega.  «Vogliono fare fuori il governo eletto democraticamente? Allora noi scendiamo in piazza!», si sfogava in serata con i suoi, Silvio, pronto a mobilitare subito il milione di italiani che ha preso la tessera del Pdl.
 Ecco, questo è il clima in cui si apre il vertice serale a Palazzo Chigi, con tutto il suo portato di drammaticità. Alimentato da un ragionamento di Tremonti che manda su tutte le furie il Cav. Giulio, raccontano, dà ragione ai chi sostiene che «l’esecutivo ha perso credibilità internazionale» e pone il problema del «passo indietro» perché «il problema sei tu». Berlusconi non la prende per niente bene.


Bossi non c’è e Silvio non può tornare alla carica sulla riforma delle pensioni. Si decide allora per un maxiemendamento da inserire nella legge di stabilità con dentro la riforma del lavoro, delle professioni, le liberalizzazioni e le privatizzazioni. Deciso anche il calendario: il voto del Senato arriverà, con la fiducia, il 15 novembre. Quello della Camera il 20 del mese. Sempre ammesso che il governo duri.      

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mpi025

    02 Novembre 2011 - 20:08

    Ultimamente sia sulle televisioni che sui giornali sono sotto attacco, nonostante il punto messo dall’on. Bossi, le pensioni di anzianità,soprattutto quelle dei lavoratori che sono andati a lavorare giovani con 40 anni (41e tre mesi) di contributi. Il triste è che a metterle sotto attacco sono persone con vitalizi assicurati o dirigenti con pensioni d’oro . Tutti a dire dobbiamo lavorare di più, in realtà dovrebbero dire DOVETE perché loro hanno i diritti acquisiti. Io dopo 38 anni di contributi non ho nessun diritto acquisito e dovrei lavorare cinque anni in più(e non so se basta) per pagare un solo mese di pensione a Dini e Amato( 70000 euro al mese)e non per aiutare come dicono le nuove generazioni(prima i diritti acquisiti).Ma perché questi furti non possono essere messi in discussione?Perché a queste persone e a quei dirigenti che con le loro pensioni d’oro hanno sconquassato i conti dell’inps non viene erogata una pensione contributiva come loro stessi chiedono per noi?Perché non facciamo una legge per toccare questi furti acquisiti?

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    02 Novembre 2011 - 19:07

    SEI FUORI STRADA COMPLETAMENTE! Mia figlia non è più a mio carico da parecchio tempo,gode di una sua vita privata e piuttosto realizzata professionalmente,è psicologa da 6 anni laureata!(ha passato i 30...)Dunque io non sono un bischeraccio dal pelo scuro,ma comincio a essere pepe e sale come si suole dire!L'Esercito,nel quale ho svolto professionalmente il mio lavoro dal 1979 al 1989 mi ha dato solo soddisfazioni! L'educazione è una realtà oggettiva opinabile!Se chiedi ai genitori di quelli che hanno devastato Roma e hanno bruciato auto e distrutto proprietà private per protestare contro il nulla,ti diranno che i loro figli sono educati!Tanto più la mia educazione è stata efficiente,sintetica e condotta dal contatto quotidiano delle razzolate paterne,le quali sopperivano ai discorsi di buona creanza che ti sono stati impartiti dai tuoi colti genitori!In definitiva,io ho servito il mio paese,ho un mio lavoro proprio e ho alcuni dipendenti,pago le tasse,offendo gli ipocriti:volutamente!

    Report

    Rispondi

  • franz k

    02 Novembre 2011 - 18:06

    Ci vuole rispetto quando si parla delle pensioni degli altri sopratutto se hanno alla base 40 anni di contributi VERSATI! Quando sento tanta gente,anche pdl ,parlare delle pensioni con leggerezza allora vuol dire la loro fine politica e' vicina.

    Report

    Rispondi

  • grey18

    02 Novembre 2011 - 17:05

    Ma di quei lavoratori anni 50/60 in cassa integrazione/mobilità che, come unica soluzione del loro problema è la pensione di anzianità, cosa ne facciamo? Perchè nessuno ne parla quando si discute di abolire le pensioni di anzianità? Cosa fanno e cosa mangiano fino a 67 anni? Dobbiamo solo sperare che Bossi non cede e che il governo non cada!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog