Cerca

Berlusconi si sente in trappola schiacciato tra Giulio e il Colle

Il Quirinale frena il provvedimento d'urgenza voluto dal Cav. Attacco a Giulio: se avessi potuto fare il premier come volevo, saresti altrove

Berlusconi si sente in trappola schiacciato tra Giulio e il Colle
La strada che porta a Cannes è un calvario. Da fare in ginocchio. Sui sampietrini. La vigilia del G20 è una giornata difficile per Silvio Berlusconi. Problemi su problemi. Ne accomoda uno, ne arriva un altro. Altri due. Tre. Buona parte del tempo del premier va via nella preparazione del provvedimento che deve tradurre in legge l’agenda europea. È il badge di Silvio per il vertice dei Grandi, quello che comincia oggi in Costa Azzurra. Per dare l’impressione ai partner europei (e i mercati) della reattività del governo che guida, Berlusconi vuole che il tutto sia contenuto in un decreto. È sicuro che si tratti di un decreto. Lo è fino a sera. Finché non arriva il veto del Quirinale, a pochi minuti dall’inizio del consiglio dei ministri.

«Ci sta mettendo i bastoni tra le ruote. Perché?», si sfoga il presidente del Consiglio. È la seconda volta che Silvio sente arrivare puzza di zolfo dal Colle. In ventiquattro ore. Martedì il comunicato sulle larghe intese, adesso il no alla decretazione d’urgenza dopo che lo stesso Napolitano aveva messo fretta. Trappolone? Silvio rileva il comportamento non lineare del Presidente della Repubblica. In Consiglio, i ministri si innervosiscono, i leghisti sbottano. I contenuti del decreto non erano attinenti, spiegano al Quirinale, eppoi Napolitano ha l’esigenza di tutelare i diritti dell’opposizione dopo averla invitata alla responsabilità nelle consultazioni di giornata.

Morale: Silvio voleva stupire i leader europei con effetti speciali, arriverà a Cannes col solito vecchio tubo catodico. I contenuti del dl vanno diluiti nel maxiemendamento alla legge di stabilità e in più provvedimenti. Nessuno, però, con valore immediatamente cogente. Sacramenta contro il Quirinale, Berlusconi, ma anche verso Tremonti, pure lui contrario all’ipotesi decreto (pare sia stato proprio Giulio a mettere la pulce nell’orecchio quirinalizio) e favorevole al maxiemendamento, che il ministro dell’Economia può scrivere e riscrivere a suo piacimento. I due vanno beccandosi per tutto il giorno. Toni da coppia inacidita: «Dovremmo prendere atto della situazione e andarcene. Dimettiamoci tutti», ha alzato bandiera bianca il professore, facendo infuriare Silvio: «Non esiste io vado avanti, non mollo». Ancora le recriminazioni tremontiane: «Se avessi potuto fare il ministro dell’Economia come volevo io, non staremmo in questa situazione...». Risposta berlusconiana, fulminante: «Se avessi potuto fare il premier come volevo io, tu Giulio non saresti ministro dell’Economia...». Facce brutte, toni che si alzano. Controreplica di Tremonti: «Ho uno studio avviato, se vuoi torno a fare il fiscalista...». Certo che Berlusconi vorrebbe: «Giulio è diventato peggio di Fini». Ma oramai. I vaffa volano, la polemica con il superministro si trascina tutto il giorno. Durante l’ufficio di presidenza il professore finisce anche nel mirino di Brunetta e Cicchitto. Ma un po’ tutti ce l’hanno con lui: addirittura si parla di una cinquantina di deputati del Popolo della Libertà pronta a presentare una mozione di sfiducia individuale.

Ma a Montecitorio Berlusconi ha altri problemi. Gli raccontano che sarebbero 12 i suoi deputati avvicinati da Casini. Con successo. «Quel Pier va lì, se li intorta, gli fa credere che è vera la storia del governo tecnico. E quelli ci cascano», si rammarica il Cavaliere. «Prospetta la nascita di un nuovo partito moderato, con un finto simbolo», aggiunge dettagli Alfano. È allarme rosso. E anche se Silvio, durante il bureau azzurro, fa il duro con i carbonari («Io li sfido, mi sfiducino alla Camera.  Vediamo chi si vuole assumere la responsabilità di far precipitare l’Italia nel baratro»), in privato trema. Bastano una decina di voti per mandare a casa il governo. Allora il premier ha dato mandato a Verdini e ai capigruppo di tentare ogni strada per trattenere i congiurati o agganciare altri onorevoli: «Sono fiducioso sul recupero di Antonione», e uno lo si riporta all’ovile. L’obiettivo, spiega Alfano nel corso dell’ufficio di presidenza del Pdl, è il panettone: «Bisogna arrivare fino a Natale. Poi se dopo ci sarà una crisi, la prospettiva è il voto anticipato.
di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    03 Novembre 2011 - 15:03

    Perché....perché...perché...? Per colpa dei komunisti che non lo lasciano fare, come dice il candido piccione. Ma non si decide in maggioranza, nel nostro Parlamento? e chi la ha la maggioranza? Vuoi vedere che il CSX è arrivato alla maggioranza e non ce ne eravamo accorti? Ma perché nessuno ci informa?

    Report

    Rispondi

  • toni resetti

    03 Novembre 2011 - 14:02

    vma vorrei porre alcune domande. 1) perchè, se B. non va d'accordo con Tremonti non lo caccia (non l'ha cacciato finora)? 2) perchè B. NON presenta ai mercati (altro che Sarkò/Merkel che, oggigiorno valgono 2 di picche) delle proposte forti? Straquadanio (un berlusconiano di ferro) ha spiegato, alcune settimane fa, che il vero problema per l'Italia sone le spese correnti. Se lo ha capito Straquadanio... Perchè B. non approfitta (approfittato -ormai-) di questa situazione per presentare nuove piante organiche con riduzione delle spese spalmate in un decennio. C'è da dire che, incredibilmente, il governo, con il blocco delle assunzioni GIA' LO FA!!! E perchè non sistemizzarlo? Si sa quanto risparmieremo nei prossimi anni. A cascata si poteva fare un discorso sulle province ecc. (invece che le proposte sghangherate presentate qui e lì)? 3) perchè B. sta facendo una figura cosmica con questi balletti ridicoli... annunci roboanti... si tega presente che i mercati non si fanno fottere?

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    03 Novembre 2011 - 13:01

    Anche stavolta il vetero-compagno Woody..non si smentisce..Nel suo arrogante, ottuso, meschino... arrovellarsi con quel pocoi cervello rimastogli..tuttora non intasato dalla segatura insufflatagli abbondantemente..nel retrobottega della Casa del popolo ..de periferia umbra..Cerca..con estremo sforzo e fantasia.. di attaccarsi ad un evanenescente presunto giovanilismo (sic!!)..che tra l'altro...non possiede affatto..Povero bolscevico fallito..da quattro soldi..e una lira..!!

    Report

    Rispondi

  • woody54

    03 Novembre 2011 - 12:12

    Finalmente la lacuna della mancanza di un idiota nel blog è stata colmata!! grazie Unghia, sei il solito deficiente, ma lavorare mai?? Somaro!!!"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog