Cerca

Ecco i berluscones che si ribellano

Due deputati del Pdl passano con l'Udc, i movimenti di neocentristi, sudisti e indecisi: chi può tradire Berlusconi

Ecco i berluscones che si ribellano
Due ribelli, Ida D'Ippolito e Alessio Bonciani, hanno lasciato il Pdl per l'Udc. La maggioranza così scende alla Camera da 316 a 314. Numeri da brivido che potrebbero però calare nelle prossime ore. E la colpa non è di Responsabili o leghisti, ma dei frondisti Berluscones. Un maldipancia sempre più diffuso che, secondo i pessimisti, rischia di abbassare la soglia alla cifra choc di 308 o forse meno. Frutto della delusione, come riferiscono i 6 firmatari della ormai famosa lettera al Cav (Antonione, Stracquadanio, Pittelli, Bertolini, Destro e Gava),alcuni dei quali però non sono più affidabili al 100% da almeno un mesetto. Ci sono poi altri movimenti piuttosto complessi: gli ex finiani Ronchi, Urso e Scalia stanno pensando ad un proprio gruppo di sostegno a Berlusconi. Il premier nel frattempo si deve guardare ai neocentristi del suo partito, sempre più attratti da Pier Ferdinando Casini e sulla strada di D'Ippolito e Bonciani. Malumori crescenti tra le fila dei cosiddetti "sudisti". In questo caso bisogna guardare tra i responsabili, con Iannacone (ex Mpa), Porfidia (ex Idv) e Belcastro (sottosegretario all'Ambiente) che prima giurano fedeltà al governo poi, in maniera inquietante, pensano alla creazione di un gruppo autonomo, "Lega Sud-Ausonia". C'è infine il manipolo degli indecisi, quelli che già lo scorso 14 ottobre si astennero dal votare la fiducia: Santo Versace, Calogero Mannino e Luciano Sardelli. Proprio Sardelli avrebbe preparato un'altra lettera, da far firmare anche a Scotti e Milo. Serve un pallottoliere, e forse pure una buona dose di mastice.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    04 Novembre 2011 - 17:05

    Era Berlusconi che comprava i parlamentari: infatti questi mercenari fuggono quando la nave affonda.

    Report

    Rispondi

  • Dream

    04 Novembre 2011 - 15:03

    corrono i comprati per uno scranno? ma non era Berliusconi che pagava chi correva da lui? Male ha fatto il Cavaliere fidarsi di Cirino Pomicino! ( ma non possiede una fabbrica di tombini?, e all'UDC va bene ugualmente? ah! non c'è conflitto d'interesse,,,Ok!)

    Report

    Rispondi

  • armateviola

    04 Novembre 2011 - 14:02

    Con che coraggio chiamarli berluscones ? Io sono un berluscones, non questi quattro inetti senza spina dorsale. Hanno paura, sentono la barca che vacilla, e allora gli viene il mal di pancia, i malpancisti. Alla fine è solo questione di dissenteria. La cosa assurda è che fino ad oggi osavano definirsi berluscones, mentre erano solo opportunisti. Mandiamoli a calci da Casini a rilasciare il loro prezioso carico. E noi .. al voto!

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    04 Novembre 2011 - 13:01

    Politici pezzenti che pensano solo alle loro tasche altro che servitori del cittadino. Berlusconi chiede sacrifici? E loro lo tradiscono perché sanno che è finita la pacchia non se magna più e allora tirano fuori che è per il bene del paese. No si deve dimettere si faccia dare la sfiducia da chi lo vuole fuori firmi insieme all'Opposizione le proprie dimissioni dal parlamento. UTOPIA UTOPIA purtroppo è utopia Chi andrà a votare le prossime elezioni sarà un testa di c............. perché in una democrazia governa chi vince e chi vince mantiene gli impegni fino all'ultimo Solo uno può salvare l'italia ma è morto 71 anni fa. Hanno ucciso l'uomo ragno chi sia stato non si sa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog