Cerca

Usa-Ue: meglio il Cav della sinistra

Al G20 i leader mondiali approvano il pacchetto di Berlusconi. Sarkozy e Merkel: "Misure giuste, ora bisogna applicarle"

Usa-Ue: meglio il Cav della sinistra
Bene il pacchetto, ora bisogna applicarlo. Il messaggio dell'Ue e del G20 all'Italia è chiaro. Le misure predisposte dal maxiemendamento del governo italiano vanno nella direzione giusta. "L'importante è che quel che c'è dentro venga messo in atto", ricorda il presidente francese Nicola Sarkozy a Berlusconi. "Gli imprenditori italiani sono da sempre straordinari", blandisce Sarkò per poi chiedere a Roma e all'Europa "misure certe in tempi brevi e sicuri", in coro con la cancelliera tedesca Angela Merkel. Quel che è certo, è che i leader internazionali preferiscono Berlusconi alla sinistra, il cui spread con le riforme richieste da Ue e Bce, riprendendo le parole di Piero Ostellino in un editoriale del Corriere della Sera di giovedì, è sempre più ampio e irrecuperabile.

Il pacchetto Europa - Sono dieci i punti fondamentali che passeranno nel prossimo mese al vaglio di Senato e Camera. Il piano Eurosud, con 8 miliardi di euro di fondi europei sbloccati per rilanciare il Mezzogiorno. Le dismissioni del patrimonio immobiliare pubblico, da cui dovrebbero fruttare 15 miliardi (tra i beni messi a disposizione dalla Difesa ci sono 9 fari e 52 caserme, ma anche   forti ed ex alloggi demaniali, depositi munizioni e magazzini) . Via libera poi alle liberalizzazioni con abolizione delle tariffe minime delle professioni. Incentivi alle infrastrutture con sgravi fiscali di Ires e Irap ai privati che partecipano alle grandi opere. Una nuova Agenzia del commercio con autonomia gestionale, patrimoniale contabile. I trasporti pubblici locali non potranno essere più affidati in esclusiva. Operatori privati e Cassa depositi e prestiti coinvolti nell'estensione della banda larga per i servizi web, mentre per la ricerca è previsto un credito d'imposta dell'80% per i primi tre anni a chi assume giovani ricercatori sotto i 30 anni. Sempre per il lavoro, nessun contributo per 3 anni sulle nuove assunzioni di apprendisti nelle aziende fino a 9 dipendenti e aumento di un punto per i contributi previdenziati dei CoCoPro. Riduzione dei contributi per l'assunzione di donne con contratto di inserimento. Infine, c'è il pacchetto sulla giustizia civile, con misure per lo smaltimento degli arretrati con guadagno di 5 miliardi di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vgrossi

    04 Novembre 2011 - 15:03

    ansa delle 15:48 ''Abbiamo concordato con il Quirinale la nostra richiesta di certificazione all'Fmi''. Lo ha detto il premier, Silvio Berlusconi, a Cannes sottolineando che il Quirinale si e' fatto ''parte attiva'' nel dialogo con le istituzioni Ue.", e, più esplicito ancora un flash (notizia fdi sola headline, senza testo) della Borsa Italiana "Berlusconi: chiesta sorveglianza FMI per responsabilizzare opposizioni" ... non ci avevo visto male, stamattina. Thanks, Reuters

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    04 Novembre 2011 - 15:03

    ... la melma fetida, intendo. Non vedi e non senti altro. Comunque, datti una risposta da solo : QUANTI PDL debbono sostenere il "governo tecnico" ? dai, diccelo, che ci facciamo quattro risate. Non solo sogni, ma hai incubi. E non c'è, ohibò, solo la Camera, c'è anche il Senato ... ti è sfuggito questo dettagliuccio ? E il governo di nessuno con chi si deve accordare ? sindacati ? cobas ? gilda ? confapi ? confindustria ? CEI ? no global ? notav ? nono ? nonni ? e rappresentando chi ? tutti, cioè nessuno, ma forse qualcuno e qualcun altro ? te ? certo non me e non chi dispone di a) QI circa 100 b)onestà c)onestà intellettuale d)senso del ridicolo. Hai scritto un post veramente inutile. Meglio, comunque, che non ci riprovi.

    Report

    Rispondi

  • peaolta

    04 Novembre 2011 - 13:01

    Non si vede allo specchio e quindi ha bisogno di un buon oculista. Nel maggio 2008 ha ottenuto una maggioranza bulgara, quindi comunista, e non ha saputo far altro che curarsi dei propri interessi (infischiandosene del paese) ed ora cerca di raccattare le briciole come pollicino, per non perdere la sedia. La faccia è già andata. Quando era la sinistra a recuperare parlamentari erano ribaltonisti, lui è da oltre un anno che raccatta pezzenti in parlamento sono diventati santi, ministri o sottosegretari. Voltagabbana.

    Report

    Rispondi

  • civimar

    04 Novembre 2011 - 12:12

    .....come la riduzione delle tasse, le liberalizzazioni, la riduzione delle province, la riduzione dei parlamentari, la riduzione dei costi della politica............

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog