Cerca

Dietro i sorrisi la tentazione: sfiduciare Giulio Tremonti

Berlusconi al G20 scherza col ministro: "A cazzotti dovrei prenderti". Ma è guerra: "Se la scampo, faccio un rimpasto e lo caccio"

10
Dietro i sorrisi la tentazione: sfiduciare Giulio Tremonti
"Se fossi premier come vorrei io, tu non saresti il mio ministro". Roba vecchia di mercoledì, sempre attuale. Perché anche ieri Silvio Berlusconi è andato giù duro con Giulio Tremonti. Con i suoi, perché almeno in pubblico ha provato a scherzare. C'è il G20, entrambi rappresentano l'Italia e non giova a nessuno fare i separati in casa. E così, ieri mattina, sul volo per Cannes, il Cavaliere scherzava: "Secondo i giornali ti dovrei prendere a cazzotti!", ha detto il premier al ministro dell'Economia, mostrandogli i pugni a mo' di boxeur. Poi, secondo la versione ufficiale, amore e accordo: il premier e il ministro hanno studiato i dossier per il G20. Secondo altri, Silvio avrebbe semplicemente ignorato Giulio, approfittando del volo per recuperare il sonno perso nell’ultima durissima settimana di lavoro. La realtà è che il Cavaliere ce l'ha con Giulio, eccome: "Ha giocato sporco, è andato da Napolitano a raccontargli i contenuti del decreto". Decreto che, in una prima stesura, conteneva anche il processo breve. Logico che il Colle abbia bloccato tutto. Ma il Cavaliere tira dritto: se ottiene la fiducia ed esce indenne da questa storia, "faccio un rimpasto di governo e lo mando via". Il lo, naturalmente, non è rivolto a Napolitano, per cui pure Berlusconi prova un misto di rispetto e diffidenza. E' tutto dedicato a Tremonti.


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mau340

    05 Novembre 2011 - 14:02

    Non c'è piu tempo da perdere, berlusconi ci sta costando miliardi di euro. Con tutti i soldi in piu che dovremo pagare di tasse potremmo comprarci 100 volte una societa del valore di mediaset.

    Report

    Rispondi

  • gattocucu

    05 Novembre 2011 - 14:02

    Dott. Belpietro, il disegno o vignetta riportata non è per niente giusta e mi spiego: non in croce doveva comparire tremari (come Gesù), ma ai piedi della croce con la lancia che trafigge il costato di Cristo perchè questa è l'immagine che si ha di lui nel tourbillon della politica italiana, l'AGUZZINO NON IL MARTIRE.

    Report

    Rispondi

  • Tirreno

    05 Novembre 2011 - 12:12

    Avrebbe dovuto sfiduciarlo da mesi, perché non lo ha fatto? Tremonti a rovinato il paese ma non si preoccupi il professorino: gli italiani non dimentivcano! Il rimpasto e la cacciata di Tremonti è l’ULTIMA carta che ha Berlusconi: speriamo se la giochi bene.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media