Cerca

I lettori: perché deve mollare

Le lettere di chi ha perso la fiducia e vuole che il premier lasci al più presto per "salvare il salvabile"

I lettori: perché deve mollare
Sono da sempre un berlusconiano (ora profondamente deluso), ma devo dire che ora è giunto veramente il momento che Berlusconi ceda immediatamente il passo ad un altro premier che consenta l’ingresso nella coalizione dell’ Udc, dei transfughi e magari di altre forze affinché il governo possa immediatamente dare esecuzione a quanto promesso (e possibilmente anche di più, vedi patrimoniale) e portare a termine il suo mandato.
Vittorio Merli

* * *

Caro direttore, innanzitutto mi congratulo con lei perché ha sempre iniziative pregevoli. Il mio pensiero sul presidente del consiglio? Ritengo sia ormai conclusa la sua fase politica, per tanti motivi, visti anche gli attacchi giudiziari che subisce da mezze procure d’Italia da quasi due decenni impedendogli di governare e decidere. E’ giusto quindi che lasci, ma a testa alta.  Indichi un gruppo di persone capaci, motivate e propense al bene del Paese, così da far tacere una volta per tutte tutti i sinistroidi d’Italia e oltre. In questo modo il centrodestra rinascerà (sono sicuro) più forte, più coeso e più numeroso.
Donato Di Noia

* * *

Sono sempre stato berlusconiano, lo sono anche adesso e lo sarò sempre. Parlo del Berlusconi politico, naturalmente. Purtroppo è stato sempre attorniato da una maggioranza di fastidiose sanguisughe quando non di spregevoli traditori e da un’opposizione becera, chiassosa e inconcludente. Al contrario è il Berlusconi uomo che mi ha deluso profondamente: una figura istituzionale oltre che essere specchiata, deve anche apparire tale.
Dino Aricò


* * *

Spett.le Direttore, se proprio deve mollare (obiettivamente si è dimostrato incapace), né governi tecnici né altre soluzioni, ma solo elezioni anticipate, questa è la mia opinione! Riguardo ai banchieri, industriali, sindacalisti, politici di destra e di sinistra dov’erano quando in Italia si regalava qualcosa a tutti(baby pensioni etc…. non si negava niente a nessuno) e si creava un debito immenso?
Maurizio Beltrametti

* * *

Io che nel 1994 avevo creduto nelle promesse liberali di Silvio Berlusconi. Io che avevo sognato e lavorato con tutte le mie forze in quel meraviglioso movimento politico chiamato Forza Italia. Io che speravo nella nuova e rivoluzionaria politica per cambiare il destino del mio Paese, provo, oggi, la più grande delusione della mia vita. Mi sento tradito nel cuore e nell’anima da un uomo che mi ha venduto un sogno durato 17 anni. E tale è rimasto. Fine.
Giovanni Da Lio

* * *

Spero solo che un bel giorno arrivi fuori un tizio che mi dica “Sorridi sei su una candid camera”.
Marco Tullio Girardi

* * *

Berlusconi deve lasciare. Porti avanti quanto ha già fatto con Angelino Alfano. Non molli la maggioranza, ma lasci a qualcun altro che sia accetto anche dalla Lega (che è il grosso problema di questo governo). Non pensi alle elezioni. Il nuovo governo sempre di destra deve presentarsi con due, tre idee precise da realizzare.
Pietro Mecenati

* * *

Consiglio Berlusconi di mandare tutti a casa e di andare a votare a Natale senza perdere altro tempo con i tecnici.
Achille Tocci

* * *

Troppe vecchie facce e anche Berlusconi deve fare un passo indietro (per il suo bene).
Giovanni Fina

* * *

Urne subito! Stiamo affondando allegramente!
Flavio Gueli

* * *

Subito al voto con un candidato di centrodestra alternativo a Berlusconi.
Emanuele Brambilla

* * *

Deve mollare? Assolutamente sì.
Nicole Piccione

* * *

Premier a casa. Sì a governo tecnico. Caro Libero grazie mille per la vostra idea. Speriamo bene…
Lucio Matassoni

* * *

Berlusconi ha fatto il suo corso. Deve cedere il passo a un governo di unità nazionale con a capo un non politico.
Stefano Garibaldi

* * *

Caro Direttore, prendendo spunto dalla sua iniziativa, ritengo, mio malgrado, che Berlusconi debba fare un passo indietro e che ci siano nuove elezioni a Gennaio 2012. Purtroppo,da alcuni mesi, l’Italia è messa a dura prova: gli speculatori, l’opposizione che fa ostruzionismo, la lega che si impunta sulle pensioni, i processi del premier, che in questo momento sono passati in secondo piano, ma che prima o poi riaffioreranno.

Nicola Chiti

* * *

Egregio direttore, Berlusconi deve mollare? Certamente! Se fossi al suo posto mollerei immediatamente la patata bollente in mano a questi nuovi super eroi. Batman Bersani, Superman Fini, Spiderman Casini, non dimenticando Black macigno Di Pietro e Capitan Niki Vendola guidati da Super Mario Monti. Lasciasse la patata a loro, e noi andremo a raccogliere alle prossime elezioni. Pensi che scherzetto!
Lucio Vicini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alexieimp39

    06 Novembre 2011 - 08:08

    Egr. Direttore Ho letto le lettere dei favorevoli alle dimissioni del Premier, e mi è sembrato, se sono sincere le dichiarazioni fatte, che emerge una certa disillusione sulla condotta del Capo del Governo. Certamente questi signori non hanno una visione chiara di come si sono svolti i fatti. Come ho già evidenziato nel mio fax, ho osservato che ad ogni tentativo di innovare seriamente il sistema retto dalle varie caste, si sono verificati distacchi, opposizioni o meglio veri e propri tradimenti, anche nei confronti personali di chi li ha beneficati. (vedasi il sig. fini ). Pertanto non tanto è colpevole ma è stato intrappolato, irretito dal quel mondo costituito dai cosidetti esperti mantenuti politicanti. A mio personalissimo parere, visto in quale democrazia pattumiera viviamo direi che il nostro Capo del Governo, se potesse, dovrebbe realizzare un sistema tipo " DICTATOR " di antica memoria. Nessun governo tecnico-inciucio ma eventualmente elezioni.

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    06 Novembre 2011 - 01:01

    In teoria dovrebbe mollare, ma in pratica no. Ora come ora non c'è nessuno che può prendere il posto del CAV. Se fanno fuori Silvio l'Italia sprofonda ancora di più.

    Report

    Rispondi

  • onorio1904

    05 Novembre 2011 - 23:11

    secondo me ha un modo tutto suo di valutare le cose e personalmente sono convinto che ci voglia far credere che quello che fa lo fa x il nostro bene. nella realtà i fatti mi dicono che x noi non ha fatto altro che allegerirci le tasche sia pure indirettamente. quella che viene definita la casta continua x contro a sperperare in modo molto lontano da quello che dovrebbe essere il comportamento del buon padre di famiglia.

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    05 Novembre 2011 - 20:08

    Il debito pubblico italiano è il quarto al mondo e, purtroppo, sembra che il 36% (?) del nostrodebito sia detenuto dalla Francia (44% totale estero ?). Per quanto molto apprezzabile l'idea dello sconosciuto signore di Pistoia non sarebbe del tutto nuova, visto che negli anni passati lo Stato ben pensò di imporre anche a noi lavoratori dipendenti dell'Industria...uno stipendio con una quota parte di "titoli di Stato", successivamente convertita. Per rimanere alla lodevole iniziativa, perchè allora non riproporla, ma in dosi più massicce, come moneta di retribuzione per politici e funzionari statali ? La stessa politica deve, comunque, fare un'energica cura dimagrante...riducendosi di numero. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog