Cerca

Sinistra sempre più rossa Fischi al rottamatore Renzi

Democratici in piazza a Roma, sindaco di Firenze contestato: "Vai ad Arcore". Lui: "Accuse imbarazzanti". D'Alema: "Fenomeno mediatico"

Sinistra sempre più rossa Fischi al rottamatore Renzi
Fischi e contestazioni per il dissidente Matteo Renzi alla festa del Pd. Il rottamatore è stato prima accolto con gelo a Roma, alla manifestazione democratica in piazza San Giovanni, quindi si è beccato cori di scherno come "Vai ad Arcore", "Sei un comunista di destra", "Dì qualcosa di sinistra". Insomma, Renzi separato in casa, anche se lui ribadisce: "questa è la mia casa". "L'accusa di connivenza con il nemico è imbarazzante - ha detto il sindaco di Firenze - significa non avere argomenti. Io non parlo mai mai di Berlusconi come elemento costitutivo della mia politica, Berlusconi appartiene al passato".  Dunque, ha insistito Renzi, "chi continua a vivere di antiberlusconismo deve rendersi conto che nelle prossime ore Berlusconi andrà in pensione e con lui gli anti Berlusconi". Il muro contro muro ormai è conclamato: sia parte della base sia la quasi totalità della nomenklatura democratica, infatti, vede di cattivo occhio il rottamatore. Figurarsi un vecchio volpone come Massimo D'Alema, che liquida il nuovo che avanza come "un fenomeno mediatico costruito dalla stampa". Opinioni piuttosto esplicite (e acide) che l'ex premier prova a celare con espressioni di maniera: "Non ho mai polemizzato con Renzi e non intendo farlo adesso. Il suo è un contributo. Comunque, è sindaco di Firenze e come tale va valutato". Male, evidentemente. E che la linea del sindaco non sia condivisa dai leader diventa chiaro quando prende la parola il segretario Pier Luigi Bersani: "Berlusconi se ne deve andare da solo o lo cacciamo noi". Il solito disco, che non piace al sindaco. Ma per sua fortuna se n'è già andato, a 5 minuti dall'inizio del comizio di Bersani.


La piazza rossa - In mezzo alle bandiere tricolori ci sono anche quelle dell’Idv e una delegazione di Sinistra ecologia e libertà. "Vogliamo dimostrare tangibilmente che c’è un alternativa di governo", ha spiegato Antonio Di Pietro. Non c’è invece Nichi Vendola: troppo impegnato in Puglia ad accogliere il Capo dello Stato. Ci sono però la segretaria della Cgil, Susanna Camusso e Laura Boldrini, portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr). Ma sono più le spine che le rose per la sinistra che manifesta. Non sono mancati degli attimi di tensione: una quarantina di persone si sono posizionate nell'area immediatamente sotto il palco con delle bandiere gialle con la scritta 'Moderati per il centrosinistra'. La loro presenza ha scatenato la reazione di alcuni manifestanti del Pd. "Buffoni, andate via subito", ha gridato qualcuno. A rasserenare gli animi ci ha provato Roberto Vecchioni. "Non è più tempo di mezze misure: Berlusconi deve proprio andare via, lo dobbiamo cacciare, in un minuto. Lo dico perché sono italiano e voglio bene all'Italia", ha urlato dal palco di San Giovanni scatenando i manifestanti. E chissà cos'avrà pensato Renzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    07 Novembre 2011 - 09:09

    Durante un servizio di canale 5 sull'alluvione di Genova,c'era una ragazza talmente arrabbiata che nei confronti della zarina Marta gli ha gridato.."Vallo a dire a quella che gli è morto il figlio B°°°°da!"a poco piu' di un metro da lei...Quella si è girata e ci ha fatto una faccia che mi pareva di vedere quella di Ceausescu quando lo hanno contestato in piazza nell'89.Nei successivi servizi messi in onda,tale mitica scena l'hanno censurata.Mi chiedo,nel dopo alluvione a chi daranno la colpa di tutto quando al governo della città ci sono loro da 66 anni?Sarà la volta buona che Genova la rossa diventerà azzurra?

    Report

    Rispondi

  • Ale1960

    07 Novembre 2011 - 06:06

    Renzi non e' una persona di centro sinistra, piace troppo alla destra, Renzi e' il solito Fiorentino becero bacia pile ( per i padani o i non fiorentini di seguito la traduzione ), e' un cattolico della peggior specie, viscido laido e falso. personalmente prevedo una fulminante carriera nel centro destra per Renzi, ne parliamo tra un po di tempo ok? Cordialmente

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    06 Novembre 2011 - 21:09

    Pensate un po' se fosse stato nella Russia di Stalin, come minimo gli capitava di finire in Siberia o in qualche manicomio, come tantissimi dissidenti di allora hanno sperimentato sulla loro pelle, come massimo (per modo di dire) di finire fucilato e sepolto senza lapide. Questi di adesso non possono più farlo ma se potessero... la tentazione sarebbe forte.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    06 Novembre 2011 - 19:07

    Un titolo d'articolo che non ice la verità, questo. Coloro che fischavano Renzi erano i sessantenni, i vecchi comunisti, quelli che sono la palla al piede della Sx e che poco alla volta stanno morendo. Una zavorra simile ai cattolici nel Pdl, per intenderci. Erano quelli da rottamare che contestavano il rottamtore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog